28 dicembre 2015

Christopher Nolan sceglie la Seconda Guerra Mondiale come scenario del suo prossimo film

Il regista londinese sembrerebbe intenzionato a portare sullo schermo la clamorosa Operazione Dynamo del 1940

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
28 dicembre 2015
Nolan

La data di uscita del prossimo film di Christopher Nolan è già fissata, il 21 luglio 2017, ma come sempre per i suoi film, al regista piace mantenere segreta la trama il più a lungo possibile. Per film come Inception e Interstellar, aveva senso, essendo due film dalle trame originali e piuttosto complesse, ma non sembrerebbe il caso del nuovo progetto.

Secondo La Voix Du Nord, il prossimo film di Nolan sarà ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale e basato sull’Operazione Dynamo, una “evacuazione quasi miracolosa della British Expeditionary Force (BEF) e di altre truppe alleate dal porto francese di Dunkerque (Dunkirk in inglese, che molto probabilmente sarà il titolo del film) che ha avuto luogo nel maggio-giugno del 1940.” Secondo le fonti, l’evacuazione – durata 8 giorni – salvò le vite di 338.226 soldati grazie a una flotta frettolosamente assemblata composta da oltre 800 imbarcazioni.

operazione dynamoSulla carta sembrerebbe un progetto perfetto per il regista londinese, che ci ha abituati a film ‘grandiosi’, che lo porterebbe inoltre lontano dalla sci-fi e dal fantasy dopo molto tempo. Nella pellicola sarebbe inoltre stata confermata la presenza di Mark Rylance, Kenneth Branagh e Tom Hardy.

L’attuale sindaco di Dunkerque ha affermato che le riprese di un kolossal americano si terranno nel mese di giugno 2016 “con un regista di fama mondiale” e La Voix Du Nord, un quotidiano regionale dal nord della Francia, conferma che è Nolan, che avrebbe già effettuato lo scouting delle location assieme al partner di sceneggiatura e fratello Jonathan Nolan.

Non ci resta che aspettare la conferma ufficiale definitiva,  ma senza dubbio sarà interessante vedere cosa Nolan riuscirà a combinare con una storia che unisce uno sforzo militare monumentale e il crudo realismo.

Articoli correlati

Inserisci un commento