Azione & Avventura

Cillian Murphy non guarda i film Marvel e non si interessa più di supereroi

di

L'interprete dello Spaventapasseri nella trilogia di Batman di Christopher Nolan si lamenta dell'esplosione fuori controllo dei cinecomic negli ultimi anni

Lo scorso fine settimana la Warner Bros. e la DC hanno lanciato il terzo capitolo nell’Universo Esteso DC, e mentre Suicide Squad – che da noi uscirà sabato 13 agosto – è stato un successo di incassi finora, la reazione da parte della critica è stato senza dubbio variegata. La barra per quello che viene giudicato come un buon film di supereroi (o supercriminali) si è spostata drammaticamente in alto negli ultimi dieci anni, e una delle opere responsabili di questo è stata Batman Begins, il primo film della trilogia di Batman ad opera di Christopher Nolan.

cillian murphySe Batman Begins può essere ricordato soprattutto per aver mostrato la prima prova di Christian Bale nei panni di Bruce Wayne, ha anche dato a Cillian Murphy la possibilità di mostrare le sue abilità nei panni di un villain dei fumetti – nello specifico il Dott. Jonathan Crane, ovvero lo Spaventapasseri. Anche se non si tratta del suo ruolo più riconoscibile ad oggi, pur avendolo riprese anche nei successivi Il cavaliere oscuroIl cavaliere oscuro – Il ritorno, l’attore irlandese a quanto pare ha perso ora interesse nel film di supereroi.

In una recente intervista per promuovere il suo prossimo film, Anthropoid, Murphy ha discusso lo stato di questo genere e messo in discussione in primo luogo perché gli studios scelgano personaggi meno noti e più oscuri da trasportare sugli schermi. L’attore ha sottolineato la capacità di Nolan di tenere le sue opere “ben piantate a terra” in una realtà riconoscibile, e ha ammesso di non guardare nemmeno i film della Marvel.

Hanno esaurito ogni singolo fumetto mai fatto? … Non capisco più da dove saltino fuori… Era un momento diverso quando abbiamo girato Batman Begins. Penso che Chris [Nolan] debba prendersi il merito di aver creato quella trilogia di film. Credo che siano così ben radicati in una realtà facilmente riconoscibile … Nessuno in quei film ha mai avuto superpoteri. Capite cosa intendo? Si tratta di un livello leggermente più alto di narrazione, in cui New York è Gotham, e nessuno ha compiuto niente di magico. Batman nei suoi film ha fatto solo un sacco di flessioni ed era, tipo, britannico. Ecco, questo è quello che mi è piaciuto di quei film. I miei ragazzi amano i film della Marvel, ma non lo so. Io non li guardo.

I meriti di Nolan sono stati senza dubbio riconosciuti, ma è vero anche che i film di supereroi stanno cambiando e sono aumentati di numero, il che significa più personaggi da utilizzare al di fuori dei grandi nomi come Batman o Spider-Man. I risultati al box office per personaggi meno noti come quelli di Suicide Squad, Guardiani della Galassia e Ant-Man hanno poi dimostrato che c’è molto interesse per questo filone. E finché la gente continuerà ad andare a vederli, il genere continuerà a prosperare.

Fonte: Vulture

Azione & Avventura

Damon Lindelof su Watchmen: “La serie non toccherà il fumetto originale; sarà un sequel, con nuovi personaggi”

di
Redazione Il Cineocchio

Lo sceneggiatore ha spiegato in una lunga lettera le sue intenzioni per lo show della HBO, parlando del rapporto con l'intoccabile capolavoro di Alan Moore e Dave Gibbons e anticipando il suo approccio al materiale

Leggi
Azione & Avventura

Van Damme e Lundgren alleati e letali nel full trailer di Black Water

di
Redazione Il Cineocchio

Le due superstar del cinema d'azione tornano a lavorare insieme a bordo si un sottomarino per il nuovo film di Pasha Patriki

Leggi
Azione & Avventura

Teaser trailer per Too Old To Die Young, la serie pulp noir di Nicolas Winding Refn

di
Redazione Il Cineocchio

Miles Teller, Jena Malone e William Baldwin tra i protagonisti dello show che il regista danese ha girato in esclusiva per gli Amazon Studios

Leggi