19 ottobre 2016

[cortometraggio] Gli emoji non sono mai stati così letali come in WINK di Alex J. Mann

Il regista torna ora a esplorare il legame tra nuove tecnologie e persone in un geniale omaggio al genere slasher

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
19 ottobre 2016
wink-alex-j-mann-emoji

Ricordate i cortometraggi horror 3 Seconds ed ME2 che vi abbiamo proposto qualche mese fa? (QUI potete vederli). Ebbene, il regista Alex J. Mann torna ora ad esplorare lo stretto legame tra le nuove tecnologie e le persone che le utilizzano, con conseguenze spesso decisamente estreme e spaventose.

wink-alex-j-mannLa storia di WINK è piuttosto semplice: una ragazza in casa la notte di Halloween si rende ben presto conto di non essere sola quando comincia ad essere attaccata da … i pestiferi emoji usciti dal suo cellulare!

Per l’occasione abbiamo parlato con Mann, che ci ha descritto così il suo ultimo lavoro:

WINK è un cortometraggio di genere horror slasher con gli emoji interpretato dalla modella di Instagram Danielle Victoria. Il corto è un omaggio ai nostri film preferiti del genere slasher, come Halloween e Scream. L’ho scritto e diretto pensandolo come un modo per continuare a esplorare le paure nascoste e le ansie che abbiamo riguardo alla tecnologia, in questo caso, per gli emoji.

Un’opera fresca e divertente, buona visione!

Articolo
Titolo
[cortometraggio] Gli emoji non sono mai stati così letali come in WINK di Alex J. Mann
Descrizione
Il regista torna ora a esplorare il legame tra nuove tecnologie e persone in un geniale omaggio al genere slasher
Autore
Nome del publisher
Il Cineocchio
Logo del publisher

Articoli correlati

Inserisci un commento