28 giugno 2017

[cortometraggio] Gli orrori del Vietnam si tingono di sci-fi con Firebase di Neill Blomkamp

Il secondo lavoro degli Oats Studios conferma l’assoluto estro e la libertà creativa del regista sudafricano

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
28 giugno 2017
firebase blomkamp corto

Dopo il successo di Rakka con Sigourney Weaver (quasi 2.5 milioni di visualizzazioni), diffuso la scorsa settimana, Neill Blomkamp (District 9, Elysium) e i suoi Oats Studios hanno caricato online il loro secondo cortometraggio, intitolato Firebase. Evidentemente, Cooking With Bill – Damasu 950 è stato solo un simpatico intermezzo, una sorta di fake trailer tra i due lavori, della durata preventivata superiore ai 20′.

firebase blomkampIl nuovo film, che vede protagonisti Steve Boyle, Nic Rhind (Kung-fu killer), Robert Hobbs e Tyler Johnston (Decoys 2)

è ambientato durante la guerra del Vietnam e segue il soldato americano ‘Hines’ attraverso una sempre più profonda rete di fantascienza folle. Il tessuto dello spazio-tempo letteralmente comincerà a piegarsi intorno a lui.

Gli Oats Studios stanno diffondendo i loro cortometraggi sperimentali e assolutamente liberi dall’influenza degli studi hollywoodiani attraverso YouTube e Steam. “L’obiettivo è quello di vedere se il pubblico li ama e sarebbe disposto a pagare per il Volume 2. Sono troppo brevi per farli pagare ora“, ha dichiarato Blomkamp, che dopo aver a malincuore dovuto rinunciare ad Alien 5 ha ventilato l’ipotesi di voler girare un’altra pellicola all’interno dell’universo di District 9.

Se la guerra del Vietnam è stata senza dubbio un vero inferno per tutti i soldati e i civili coinvolti, al protagonista del film tocca sperimentare un livello ancora superiore di orrore. Se Rakka viaggiava in lidi sci-fi familiari, Firebase è altrettanto ruvido e dotato di una trama che si presta benissimo a un lungometraggio, ma riesce a scavare ulteriormente nell’abisso – grazie ad afflati di Predator e Apocalypse Now mescolati con una fantasia e un coraggio tutti nuovi. A differenza del primo corto, non ci sono grandi nomi nel cast, ma le performance sono comunque notevoli, così come la fotografia e gli effetti speciali (pratici e in CGI), davvero all’avanguardia per un progetto del genere.

Non vi resta che fare la conoscenza del terribile e potentissimo River God (che un po’ ricorda il Dottor Manhattan di Watchmen) nei 27′ sottotitolati di Firebase:

Articolo
Titolo
[cortometraggio] Gli orrori del Vietnam si tingono di sci-fi con Firebase di Neill Blomkamp
Descrizione
Il secondo lavoro degli Oats Studios conferma l'assoluto estro e la libertà creativa del regista sudafricano
Autore
Nome del publisher
Il Cineocchio
Logo del publisher

Articoli correlati

Inserisci un commento