The Movie Db9804/10
The Movie Db/10
20 novembre 2017

[dossier] Waterworld, alle origini del film più discusso degli anni ’90

Retroscena e curiosità sul costosissimo kolossal sci-fi con Kevin Costner, erroneamente considerato un flop

20 novembre 2017

Waterworld del 1995 ha acquisito nel tempo lo status di cult controverso e, come molti di voi probabilmente sapranno, inizialmente è stato ritenuto, soprattutto per il discutibile risultato al botteghino americano, un vero e proprio flop. Tuttavia, tale giudizio affrettato dipese più che altro dalle entrate misere all’uscita in sala negli USA di soli 88 milioni di dollari a fronte di un budget stimato di 175 milioni di dollari, ma in realtà il risultato all’estero fu decisamente più incoraggiante, ossia di 176 milioni di dollari, per un totale globale di 264 milioni, a cui poi vanno aggiunte le entrate connesse al mercato home video e i vari altri diritti. Insomma, non poi così disastroso come dichiarato inizialmente. A conferire un’aura funesta alla produzione, oltre al risultato del mercato interno, certo hanno concorso anche diversi problemi occorsi durante le riprese: la Universal aveva inizialmente destinato a Waterworld 100 milioni di dollari, ma i costi aumentarono in modo esorbitante fino a raggiungere, come detto, i 175 milioni, ossia quasi il doppio di quanto preventivato (e un record assoluto per quegli anni). A concorrere a tale esorbitante esborso di risorse furono molte cause, tra cui perfino un terremoto durante le riprese nella Waipio Valley sulla Big Island nelle Hawaii, che distrusse un set costato milioni di dollari. A ciò si aggiunsero, oltre a molteplici altri ritardi, screzi vari che portarono il regista Kevin Reynolds a un passo dall’abbandonare la regia, esasperato dal protagonista Kevin Costner, che invece rischiò di rimanere gravemente ferito in un incidente sul set, intrappolato da una raffica di vento mentre era legato all’albero del suo trimarano. Infine ci furono problemi relativi anche alla colonna sonora, di cui in partenza era stato incaricato Mark Isham, ma che fu rifiutata in buona parte da Cosner perché “troppo etnica” per il soggetto distopico narrato, e alla sceneggiatura, per la cui riscrittura parziale fu chiamato Joss Whedon, che descrisse il lavoro come “sette settimane di inferno“.

locandina waterworldTuttavia, è probabile che molti meno saranno a conoscenza che la lunga epopea che ha condotto all’approdo nei cinema di Waterworld ha radici di ben più lunga data e risale alle vicissitudini della prima sceneggiatura scritta da Peter Rader, successivamente rielaborata da David Twohy. Non solo, il film ha rischiato di essere un low budget da 5 milioni di dollari nelle mani di Roger Corman. Tali intriganti precedenti emergono da un’intervista risalente ai lontani anni ’90 di Rader alla rivista di genere Starlog. Facendo quindi un passo indietro e tornando alla metà degli anni ’80, lo sceneggiatore era ai tempi un giovane neolaureato, desideroso di muovere i suoi primi passi nel favoloso mondo del cinema e come lui stesso ricorda tutto nacque da un fatidico incontro:

Ebbi un incontro con la casa di produzione di Roger Corman nel 1986, da cui è nata l’idea. Incontrai Brad Krevoy – che poi continuò alla produzione di Scemo e più Scemo [Dumb And Dumber] – e mi offrì denaro per scrivere e dirigere un rip-off di Mad Max.

Difatti, in quegli anni e soprattutto nella prima metà degli anni ’80, spopolavano (anche in Italia) i cloni della saga di Mad Max, dopo il capostipite Interceptor (1979) e ancor più dopo il sequel, sempre diretto da George Miller, Interceptor – Il guerriero della strada (Mad Max 2: The Road Warrior) del 1981. Dunque ci fu una vera e propria corsa alla produzione di pellicole post-apocalittiche a basso costo che combinavano spericolate corse d’auto che si schiantavano, vestiti macilenti e lunghi combattimenti nel deserto, nelle cave abbandonate o nei resti di capannoni industriali dismessi. E anche Rader era stato invitato ad accodarsi al nutrito seguito. Ma come poter emergere da quella massa informe? Poi gli balenò la geniale idea: e se invece di ambientare la storia nel solito desolante panorama post-atomico, l’avesse collocata in una distopia marina in cui il mondo è stato sommerso dagli abissi? Così lo sceneggiatore, forte del suo concept innovativo, si diresse da Krevoy fiducioso proponendogli: “Che ne dici di fare l’intero film sull’acqua?”. La risposta tuttavia non fu entusiastica come s’aspettava e anzi il produttore replicò: “Sei fuori di testa? Girare un film del genere ci costerebbe ben 5 milioni di dollari!

Waterworld 2Il parere negativo però non scoraggiò Rader, che scrisse ugualmente una sceneggiatura, non ponendosi in quella fase il problema del budget, o di trovare location a buon mercato e in cui si potesse facilmente girare la pellicola. Quanto ne venne fuori, in linea di massima, era abbastanza vicino a quello che fu risultato finale, compresi un pianeta ricoperto di acqua salata e le caratteristiche del protagonista, conosciuto semplicemente come Mariner, un tizio che naviga per gli oceani in solitudine ed evita il più possibile gli altri superstiti, che invece si riuniscono su isole artificiali messe insieme con materiali di fortuna. Tuttavia, nella versione definitiva mancano alcuni elementi eccentrici previsti invece da Rader, quali un antagonista che, invece che Deacon, avrebbe dovuto chiamarsi Nettuno, “avere un tridente e sedere su un trono a conchiglia”. C’erano poi tutta una congerie “di strani e divertenti tocchi del genere, tra cui anche elementi del tutto surreali come un protagonista (chiamato nello script Noah) che teneva “un cavallo bianco sulla sua barca, che a quel punto era più una chiatta fluviale”. Inoltre, non avrebbe mostrato l’animale a nessuno, ma “l’avrebbe sempre tenuto nascosto”.

Waterworld 3Tornando invece alla gestazione di Waterworld, nel 1988 Rader diresse Quella strana casa (Grandmother’s House), fatto che forse gli diede anche il coraggio di ritirare fuori la sceneggiatura di  Waterworld, dargli una piccola ripulita e mandarlo in giro per vedere se qualcuno avrebbe potuto essere interessato. Ebbene, non trascorse molto che questo arrivò nelle mani di Andy Licht e Jeff Mueller, che si erano da poco fatti conoscere grazie al successo di Licenza di guida (License To Drive), film del 1988 diretto da Greg Beeman, con Corey Haim e Corey Feldman. Il duo era rimasto impressionato dal copione, che figurarono “fondamentalmente come uno Spaghetti Western sull’acqua“, decidendo così di trovare un modo per realizzarlo con un budget relativamente limitato. Il piano era dunque (almeno secondo quanto dichiarato da Licht in un’intervista al L.A. Times nel 1995) di rimanere entro i 30 milioni di dollari, ossia in linea con le produzioni medie come Point Break; a tale scopo avevano previsto di girare a Malta nella medesima cisterna d’acqua in cui erano stati girati Blitz nell’oceano (Raise The Titanic, 1980) e Corsari (Cutthroat Island, 1995). Quindi i due produttori unirono le forze con Larry Gordon, che aveva recentemente fondato la Largo Entertainment, la sua società di produzione, e che aveva avuto parecchio successo con L’uomo dei sogni (Field of Dreams, 1989), in cui recitava guarda a caso proprio Costner. Per la regia del film era stato fatto il nome del norvegese Nils Gaup, che era appena stato candidato all’Oscar per il miglior film straniero con L’arciere di ghiaccio (Pathfinder, 1987) e che pareva un’ottima scelta per dar vita alle scene d’azione sullo scabro scenario acquatico di Waterworld. I lavori procedevano, ma rimaneva sempre l’annosa questione dei costi, tanto che Licht e Mueller arrivarono a pensare di tagliare il gran finale: ossia una magniloquente scena su una grossa piattaforma acquatica che secondo quanto spiegato da Rader era “il pezzo forte tra i set realizzati per il film” e “la battaglia finale sarebbe stata su questa gigantesca piattaforma” che era presente in tutte le stesure del copione” e che “sarebbe stata l’apice di tutto”.

waterworld film 1995Non furono però i soldi la causa dell’abbandono del progetto da parte della Largo Entertainment, ma al contrario l’interesse di alcuni pesci più grossi, ovvero Costner, Reynolds  e gli Universal Studios, che intorno al 1992 iniziarono a guardare a Waterworld con una certa attenzione e che, sempre secondo il L.A. Times, invitarono “non troppo gentilmente” Licht e Mueller a farsi da parte. Allo stesso modo Twohy sostituì Rader, che dichiarò a riguardo:

A quel punto, avevo lavorato a sei o sette bozze, e decisero che volevano introdurre una nuova voce, perché ero così bollito da tutta la faccenda. Ero davvero depresso e deluso, ma semplicemente è così che funziona.

Qui si verifica anche un netto cambio di rotta, a partire dal cavallo bianco e dalla romantica chiatta, che venne sostituita da un più funzionale – e veloce – trimarano. Poi è il turno di Nettuno e del suo tridente fin troppo estrosi a venire rimpiazzati da un più ordinario villain, ossia il Diacon incarnato da Dennis Hopper. Inoltre vennero aggiunti gli uccelli, poiché secondo Twohy:

Gli uccelli erano stati tenuti in grande considerazione, perché potevano rilevare grosse masse nelle vicinanze, possibilmente la terraferma. Abbiamo mantenuto questi elementi fino a quando non sono stati coinvolti i Kevin [Costner e Reynolds]. Quando sono approdati alla produzione, hanno deciso che avrebbe causato troppi mal di testa avere tutti quegli animali in giro e hanno eliminato tutti questi elementi più leggeri.

Waterworld 5Quindi, arrivati al 1994, iniziò la produzione di Waterworld, e il budget era già lievitato a 65 milioni di dollari, di cui 14 milioni solo per il cachet del protagonista. Nel frattempo il processo di elaborazione della sceneggiatura non si era affatto interrotto, anzi, stava continuando alacremente durante la fase di pre-produzione e, non meno, anche durante le riprese nelle location alle Hawaii. Proprio qui, Whedon fece la sua comparsa, per dare un tocco finale al film senza comunque essere accreditato. Secondo quanto ha rivelato a AV Club infatti:

Waterworld era una buona idea e la sceneggiatura era il classico ‘Hanno una buona idea, poi scrivono una sceneggiatura generica e non si preoccupano molto dell’idea’. Quando venni coinvolto non c’era presenza di acqua nelle ultime 40 pagine dello script. Avveniva tutto a terra, o su una nave, o su qualsiasi altra cosa. Ed io pensai: ‘La cosa davvero fica di questo ragazzo non è che ha le branchie??’ Ma nessuno mi stava ad ascoltare. Fui coinvolto per sette settimane, e non conclusi nulla.

Qua il cerchio si chiude e ritorniamo in territori più familiari, ovvero alle faide tra Costner e Reynolds, ai costi fuori controllo, alle critiche, alla questione non veritiera del fallimento commerciale, dacché nonostante le esorbitanti cifre spese, Waterworld rientrò in qualche modo delle spese affrontate, regalando al pubblico un paio d’ore di genuino spettacolo ancora oggi assai gustoso.

Articolo
[dossier] Waterworld, alle origini del film più discusso degli anni '90
Titolo
[dossier] Waterworld, alle origini del film più discusso degli anni '90
Descrizione
Retroscena e curiosità sul costosissimo kolossal sci-fi con Kevin Costner, erroneamente considerato un flop
Autore
Nome del publisher
Il Cineocchio
Logo del publisher
CAST

Articoli correlati

Inserisci un commento