14 settembre 2016

Greg Berlanti spiega la genesi di Black Lightning e gli ingredienti di successo di una serie di supereroi

Il padrino del prossimo show della FOX ha raccontato il suo coinvolgimento nel progetto

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
14 settembre 2016
black-lightning-2

Greg Berlanti sembra tenere l’intero universo DC in mano – forse addirittura più di chiunque altro sull’Universo Esteso della DC. Si tratta infatti dell’uomo che ha contribuito a creare Arrow, The Flash, Legends of Tomorrow e Supergirl – quattro serie ben distinte ambientate all’interno dello stesso universo. Ogni show ha infatti il proprio tono specifico e ciascuno riflette al meglio i canoni della DC.

Recentemente, Berlanti ha proposto a diversi studi un nuovo supereroe, Black Lightning, che ha finito per essere accolto dalla FOX, con grande dispiacere di molti fan, visto che lontano da CW i suoi prodotti non si sono mai espressi al pieno delle potenzialità. A questo proposito, e per tranquillizzare tutti, l’autore ha recentemente parlato del suo ruolo nel futuro show in una intervista:

E’ stata un’idea soprattutto dei [produttori esecutivi] Mara [Brock Akil] e Salim [Akil], che sono incredibilmente talentuosi, e lo studio mi ha chiesto solo di far loro da padrino, dal momento che questo genere è piuttosto nuovo per loro. In realtà però hanno una visione precisa per questo show, quindi spero di poterli aiutare a realizzarla.

black-lightningIn effetti ha senso. Se stessi lavorando su una nuova serie della DC e volessi essere scelto da una rete importante, chiedere l’intercessione di un guru come Berlanti potrebbe essere saggio. E’ inoltre improbabile che Fulmine Nero si muoverà all’interno dell’universo condiviso – essendo un personaggio molto minore – quindi non dovrebbe verificarsi di nuovo i problemi visti con Supergirl lo scorso anno.

Per quanto riguarda i consigli dati ai due giovani protetti, Berlanti ha detto:

Alcuni di questi riguarderebbero il fatto che lo show dovrebbe poter esistere anche se non avesse nulla a che fare con i supereroi. Che tipo di serie sarebbe? Di cosa parlerebbe? Quale sarebbe il nucleo emotivo del personaggio principale e il suo cammino? Inevitabilmente, se questi elementi non sono presenti, tutto il resto diventa rumore di fondo e basta. Direi anche, che i vostri eroi devono essere tanto buoni quanto i cattivi. Deve essere presente un grande villain per sfidare l’eroe. E non bisogna aver paura di renderlo il più specifico possibile. Ovviamente stiamo partecipando a molti di questi show al momento, e ce ne sono molti in TV e nei film. Quelli che hanno successo hanno una vera e propria specificità. Loro lo hanno fatto e hanno lavorato con il cuore e l’anima al loro progetto. E’ una storia molto personale per loro. Spero che la gente riuscirà a connettersi con esso.

Parole molto condivisibili. C’è un motivo se questi personaggi dei fumetti sono sopravvissuti così a lungo. I lettori non si sono legati a loro solo per i superpoteri, ma anche – e forse specialmente – per i problemi di tutti i giorni e per le debolezze umane. In ogni caso vedremo quale sarà il risultato finale.

Articolo
Titolo
Greg Berlanti spiega la genesi di Black Lightning e gli ingredienti di successo di una serie di supereroi
Descrizione
Il padrino del prossimo show della FOX ha raccontato il suo coinvolgimento nel progetto
Autore
Nome del publisher
Il Cineocchio
Logo del publisher

Articoli correlati

Inserisci un commento