8 marzo 2016

HBO presenta il documentario Beware the Slenderman

L’opera della regista Irene Taylor Brodsky si addentra nella storia del fantomatico Uomo Nero nato su Internet

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
8 marzo 2016
Beware the Slenderman

Al SXSW Film Festival di Austin è stato presentato Beware the Slenderman, il nuovo documentario della pluripremiata Irene Taylor Brodsky (Hear and Now), che quivi debuttava in premiere mondiale.

beware-the-slendermanL’opera è basata su un personaggio horror nato da un creepypasta, una forma di narrazione mediatica sviluppata in toto in rete che raccoglieva al suo interno una serie di leggende metropolitane e storie di argomento horror, diffuse in Internet attraverso forum, Social Network e siti appositamente creati da parte dei lettori che per l’appunto le copiavano e incollavano (ovvero copy and paste da cui nasce il nome).

Il documentario della HBO Films (già dietro a The Jinx: The Life and Deaths of Robert Durst) è così descritto:

Beware the Slenderman racconta la storia del fantomatico Boogeyman di Internet e delle due ragazzine di 12 anni che per lui arriverebbero a uccidere. Morgan Geyser e Anissa Weier hanno attirato la ​​loro migliore amica nel bosco, l’hanno accoltellata 19 volte, poi hanno affrontato un lungo viaggio per incontrare l’uomo alto e senza volto noto online come Slenderman. Girato nel corso di 18 mesi, con una struggente attenzione alle famiglie delle aspiranti assassine, la pellicola si addentra negli oscuri meandri del loro crimine, un Uomo Nero e i consumatori di media più impressionabili nella nostra società. L’accesso a Internet ci può portare rapidamente al suo oscuro sottosuolo, in pochi click. Quanto riteniamo i ragazzi responsabili per quello che trovano laggiù?

Articolo
Titolo
HBO presenta il documentario Beware the Slenderman
Descrizione
L'opera della regista Irene Taylor Brodsky si addentra nella storia del fantomatico Uomo Nero nato su Internet
Autore
Nome del publisher
Il Cineocchio
Logo del publisher

Articoli correlati

Inserisci un commento