20 maggio 2016

Il danese Søren Juul Petersen debutta alla regia con il misterioso Finale

Il film, basato su un romanzo di Steen Langstrup, sarà il primo prodotto dalla neonata Frightgeist

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
20 maggio 2016
Finale-1

Il produttore e regista – per la prima volta dopo 15 anni nel business del cinema – Søren Juul Petersen e l’editor / produttore Jacob Kondrup stanno lanciando una nuova casa di produzione, la Frightgeist, e per l’occasione hanno realizzato Finale, thriller basato sul romanzo – acclamato in patria – Alt Det Hun Ville Ønske Hun Ikke Forstod dello scrittore Steen Langstrup.

finaleLa storia, ambientata in una piccola stazione di servizio in una zona remota della Danimarca, si svolge quando tutto il paese è incollato alla televisione per una grande finale sportiva. Le uniche rimaste a lavorare quella notte sono due ragazze (Anne Bergfeld e Karin Michelsen), che s’imbatteranno in alcuni peculiari clienti.

Il film, già in fase di post-produzione per una distribuzione prevista per il mese di luglio, è finanziato principalmente dal Danish Film Institute. Le riprese sono state realizzate in Danimarca e in Germania, con dialoghi in inglese e in tedesco.

I produttori hanno asserito riguardo al progetto che è uno dei primi “horror di alto livello e intelligente” provenienti dalla Danimarca, “che prende spunto dalla tradizione noir scandinava intensamente drammatica con personaggi tridimensionali“.

Petersen ha invece spiegato: “In superficie Finale tratta di due ragazze alle prese con un turno notturno nella sera di una grande finale sportiva. Tuttavia, andando più in profondità, esamina i confini dell’intrattenimento moderno, della curiosità morbosa della mente umana e della scoperta del Dark Web“.

Articolo
Titolo
Il danese Søren Juul Petersen debutta alla regia con il misterioso Finale
Descrizione
Il film, basato su un romanzo di Steen Langstrup, sarà il primo prodotto dalla neonata Frightgeist
Autore
Nome del publisher
Il Cineocchio
Logo del publisher

Inserisci un commento