Horror & Thriller

Titolo originale: Verónica, uscita: . Budget: sconosciuto. Regista: Paco Plaza.

Il vero caso di possessione demoniaca alla base di Verónica di Paco Plaza

di

Per il suo ultimo film, il regista spagnolo ha preso spunto da un mai spiegato e inquietante fatto di cronaca avvenuto nel 1991 nei dintorni di Madrid, che coinvolse l'adolescente Estefania Gutierrez Lazaro e la sua famiglia

Conosciuto per la saga di [REC], lo spagnolo Paco Plaza è di recente tornato all’horror soprannaturale con Verónica, film approdato a sorpresa nel catalogo di Netflix Italia circa un mese fa (la nostra recensione). L’opera, senza dubbio di ottimo livello, è incentrata su una liceale spagnola, Verónica per l’appunto, che dopo aver cercato di contattare il padre attraverso un rituale spiritico con una tavoletta Ouija, inizia ad essere perseguitata da una maligna entità, che aggredisce non solo lei, ma anche il fratellino e la sorellina.

Per la terrificante storia al centro di Verónica, Paco Plaza, come ci ha spiegato lui stesso durante un’intervista esclusiva all’ultimo Festival di Sitges, si è ispirato invero ad un fatto realmente accaduto nei dintorni di Madrid nel 1991: una diciottenne di nome Estefania Gutierrez Lazaro morì infatti misteriosamente nell’agosto di quell’anno e i suoi genitori furono persuasi che il precoce e inspiegabile decesso fosse stato causato dal fatto che lei avesse giocato proprio con una pericolosa tavola Ouija. Secondo quanto riportato, poco prima della morte di Estefania, uno dei suoi amici – pare il fidanzato – aveva perso la vita in un tragico incidente motociclistico, e per contattarlo lei aveva organizzato a scuola con un gruppo di coetanei una seduta, nella speranza di poterlo sentire ancora una volta.

Tuttavia, prima che potesse essere completato, un’insegnante – una monaca – aveva interrotto il rituale e poi rotto la tavoletta dopo averli cacciati dalla stanza, innescando conseguenze davvero terrificanti per i partecipanti. Estefania infatti ebbe per i mesi successivi crisi epilettiche e bizzarre allucinazioni, con oscure figure alte e dalle dita allungate che le turbinavano intorno. Anche i suoi genitori confermano di udire strani e inspiegabili rumori in casa. Sebbene una delle spiegazioni date fosse che a causare tali visioni fosse un grave caso di schizofrenia, i dottori non furono ai tempi in grado di accertare definitivamente alcun concreto problema medico nella ragazza, che però, dopo essere entrata in coma, morì di lì a poco, appunto nell’estate del 1991. Non solo, dopo la morte della figlia, i funesti accadimenti non si interruppero affatto e anzi continuarono e addirittura peggiorarono, con porte e finestre che si aprivano improvvisamente, mobili spostati, crocefissi staccati dalle pareti e voci.

Addentrandoci ulteriormente nel “caso di Vallecas [la cittadina spagnola della vicenda]”, ciò che lo rende ancora più inquietante è che la polizia stessa depositò effettivamente un rapporto che indicava come alcuni agenti – chiamati a tarda notte dalla famiglia Gutierrez terrorizzata – avessero assistito in prima persona a eventi di natura paranormale. Circa un anno dopo la morte di Estefania, i suoi genitori richiesero l’intervento delle forze dell’ordine locali per denunciare una forza malvagia all’interno della loro casa. Quando una volante arrivò presso l’abitazione, una volta entrati i rappresentanti della Guardia Civil sperimentarono personalmente che qualcosa di molto strano stava davvero succedendo. Oltre alla temperatura interna estremamente bassa, videro quadri che si muovevano, graffi sui muri e soprattutto un’ombra molto alta e indistinguibile nel corridoio. Non sapendo cosa fare e disorientati, lasciarono la casa per tornare in caserma e fare rapporto. In ultimo, fatto probabilmente più terrificante di tutti, la mattina dopo venne ritrovata una foto dell’adolescente a terra, che aveva preso fuoco, cancellandone il viso.

Come avrete intuito, un fatto di cronaca spaventoso anche più del film stesso.

Di seguito trovate il trailer ufficiale di Verónica:

Horror & Thriller

Recensione | The Strangers – Prey at Night di Johannes Roberts

di
William Maga

Christina Hendricks è la sventurata protagonista di un sequel derivativo e campato per aria, che getta malamente al vento le atmosfere e i punti di forza del primo film

Leggi
Horror & Thriller

Riflessione | “Introspettivo come Logan, inventivo come Il Cavaliere Oscuro”: perché The Predator di Shane Black non ci convince

di
Sabrina Crivelli

Le parole del regista e del protagonista Boyd Holbrook sul quarto capitolo della saga fanta-horror lasciano perplessi, senza contare che lo stesso Arnold Schwarzenegger ha ripudiato il copione dopo averlo letto

Leggi
Horror & Thriller

Rob Zombie: “Potendo, farei un remake di Il Mostro della Laguna Nera”

di
Redazione Il Cineocchio

Il regista e rocker ha ammesso il suo sogno nel cassetto, spiegando le semplici ragioni della scelta

Leggi