8 dicembre 2015

Il vice presidente della Lionsgate vuole i prequel di Hunger Games

Michael Burns ha in mente grossi progetti anche per tutti gli altri franchise di successo della major

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
8 dicembre 2015
The-Hunger-Games

Il vice presidente di Lionsgate Entertainment Michael Burns ha paragonato Hunger Games a Harry Potter, dicendo che “può andare avanti per molto tempo”.

Burns ha parlato alla UBS Global Media and Communications Conference di New York mentre l’ultimo capitolo di Hunger Games continua a guidare il box office con circa 525 milioni di dollari guadagnati in tutto il mondo. Il film ha aperto appena oltre 100 milioni nel weekend di apertura americano, peggio dei precedenti capitoli. Burns si è detto deluso, ma che in ogni caso si è trattato di “un bel prolema”.

I fan del franchise di Katniss Everdeen devono assolutamente aspettarsi dei prequel.

“L’unica cosa che i ragazzi dicono che è mancata (rispetto ai primi film di Hunger Games) è l’assenza di Arene“, ha detto, facendo riferimento ai luoghi in cui i ragazzi si uccidono gli uni con gli altri e sottolineando che nelle pellicole precedenti si faceva riferimento solo alle edizioni numero 74 e 75. “Se andassimo indietro ci sarebbero ovviamente Arene.”

Burns ha infine parlato di come lo studio miri a ottenere il massimo anche dai suoi altri grandi franchise, ovvero Twilight, I Mercenari e Saw, accennando a reboot, prequel o sequel per ciascuno di essi.

Staremo a vedere se c’è qualcosa di più concreto o sono solo parole per testare le reazioni di azionisti e fan.

Articoli correlati

Inserisci un commento