Sci-Fi & Fantasy

In preparazione il seguito di L’ape Maia – Il film

di

La pellicola, prodotta dalla tedesca Studio 100 Film, uscirà nel 2017/18

I lavori su Maya the Bee 2 – The Honey Games, sequel della produzione australiana L’ape Maia – Il film, sono ufficialmente iniziati.

All’American Film Market i diritti sono andati alla società di Monaco Studio 100 Film, che prevede l’uscita del film per il 2017-18.

Ancora una volta si prevede una toccante storia della famosa ape e delle sue amiche del prato. Nel secondo capitolo Maia lascerà l’alveare per incontrare nuovi amici e alcuni avversari che le offriranno motivi di sfida. Il materiale di partenza si basa sul romanzo tedesco per bambini pubblicato nel 1912 e tradotto in decine di lingue.

Il film sarà prodotto da Studio 100 Film insieme all’australiana Studio B Animation e in associazione con la Flying Bark Prods, società fondata dalla leggenda dell’animazione Yoram Gross, scomparso a settembre poco dopo l’uscita del suo film Blinky Bill.

Studio 100 Media si concentra sulla produzione e distribuzione di animazione di alta qualità e non violenta per bambini. Studio 100 film è la sua divisione vendite, lanciata nel 2012. E’ proprietaria anche dei diritti di Heidi e Vicky il vichingo.

Fonte: Variety

Tags:L'ape Maia
Sci-Fi & Fantasy

Trama e poster promo per Men in Black, lo spin-off con Chris Hemsworth e Tessa Thompson

di
Redazione Il Cineocchio

C'è Steven Spielberg come produttore esecutivo del nuovo film sulle vicende degli Agenti incaricati di monitorare l'attività extraterrestre sul nostro pianeta

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Sguardo ravvicinato a Dexter, l’ ‘orso che urla’ di Annientamento di Alex Garland

di
Redazione Il Cineocchio

Una featurette e alcune immagini HD ci portano alla scoperta della raccapricciante creatura del film con Natalie Portman che adatta il romanzo sci-fi di Jeff VanderMeer

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Recensione | Fahrenheit 451 di Ramin Bahrani

di
Sabrina Crivelli

L'adattamento per la TV della HBO liberamente ispirato al capolavoro di Ray Bradbury non solo ne deturpa brutalmente la memoria involgarendone il messaggio, ma è anche un pessimo film di per sé

Leggi