25 novembre 2015

Jennifer Lawrence firmerà la regia di una commedia

L’attrice parla anche del suo rapporto speciale con il regista David O. Russell e della sceneggiatura scritta assieme ad Amy Schumer

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
25 novembre 2015
jennifer-lawrence

Ora che la saga di Hunger Games è giunta al termine, Jennifer Lawrence ha messo gli occhi sul suo prossimo grande progetto. La vincitrice del premio Oscar vuole infatti fare un passo dietro alla macchina da presa, aprendo così un nuovo capitolo nella sua carriera.

“Mi piacerebbe dirigere una commedia,” ha dichiarato a Entertainment Weekly. “Ho avuto voglia di dirigere almeno quanto ne ho avuta di recitare. Solo non ne parlo perché preferirei farlo e basta. ”

La Lawrence, 25 anni, ha detto che sarà al timone di Project Delirium, che sarà l’adattamento di un articolo.

“Ho firmato per dirigere qualcosa chiamato Project Delirium – si basa su questo articolo riguardante la guerra mentale degli anni ’60, come un esperimento con l’acido andato terribilmente male. E’ divertente, ho voglia di dirigere da quando avevo 16 anni e ho sempre pensato che avrei dovuto iniziare a fare passi in quella direzione. Se avessi cercato di farlo prima, non sarei stata pronta. Ora mi sento pronta.”

L’attrice ha già annunciato la sua intenzione di scrivere una sceneggiatura comica assieme a Amy Schumer. “Interpretiamo due sorelle”, ha detto la Lawrence al New York Times a fine agosto riguardo alla trama del film. “Abbiamo quasi finito di scriverlo. E’ fluito fuori da noi in un lampo. ”

Questo comunque non significa che l’attrice smetterà di lavorare al fianco del suo regista ‘preferito’, ovvero David O. Russell, col quale ha appena terminato il terzo film insieme, il drammatico “Joy”.

David e io non smetteremo mai, mai, mai, mai di fare film insieme“, ha detto la Lawrence a EW. “Lo amo così tanto che a volte non riesco a parlare di lui senza commuovermi. Guarda! Mi sto commuovendo. Capisco ogni sguardo, ogni movimento del bulbo oculare, ogni parola che dice o non dice. Siamo fatti l’uno per l’altra.”

Articoli correlati

Inserisci un commento