12 agosto 2017

Kate Beckinsale: “Ci sono un paio di motivi per cui rifiutai il ruolo di Wonder Woman”

Prima di Gal Gadot, la Warner tentò diverse volte di portare l’eroina sul grande schermo

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
12 agosto 2017
kate beckinsale unerworld

A quattro mesi dall’uscita in sala, Wonder Woman ha appena passato il traguardo dei 400 milioni di dollari al box-office americano, diventando il più grande successo commerciale estivo di sempre, ma questo risultato non deve far dimenticare che il gioiello della corona del DCEU con Gal Gadot non è stata affatto facile da portare in vita, visto che ci sono voluti ben 75 anni per vedere l’eroina sul grande schermo, quando è arrivata la regista Patty Jenkins e lo studio ha sistemato la sceneggiatura.

Wonder-Woman-Movie-LogoQuesto però non significa che siano mancati nel tempo i tentativi da parte di Warner Bros. I primi anni 2000 videro infatti uno sforzo particolare dello studio portare le avventure di Diana Prince sullo schermo con diversi sceneggiatori che tentarono di venire a capo del progetto. Il nome di Kate Beckinsale, che aveva dimostrato la stoffa adatta a una supereroina con la saga di Underworld, è stato spesso fatto in merito al ruolo da protagonista, ma l’attrice non è mai stata davvero convinta, come ha ribadito in una recente intervista:ldato l’idea:

Ma le incarnazioni [del film di Wonder Woman] che mi fecero vedere … non erano quella uscita ora. Non so se fossi davvero bramosa di vedermi in body. Avevo già fatto film con pantaloni in lattice … A un certo punto devi renderti conto che hai dei figli e quanto potresti imbarazzarli. 

Non è chiaro a quali versioni del film di riferisca. C’è almeno un copione che venne scartato del 2001, poi un tentativo più interessante di Laeta Kalogridis (Shutter Island, Alexander) nel 2004 e infine la versione molto discussa di Joss Whedon del 2006. In ogni caso, la Beckinsale dell’epoca avrebbe potuto fare una discreta figura …

Articolo
Titolo
Kate Beckinsale:
Descrizione
Prima di Gal Gadot, la Warner tentò diverse volte di portare l'eroina sul grande schermo
Autore
Nome del publisher
Il Cineocchio
Logo del publisher

Articoli correlati

Inserisci un commento