2 febbraio 2016

La piéce teatrale Ghost Stories diventa un film con Martin Freeman e George MacKay

Lo spaventoso thriller di Jeremy Dyson, dopo il successo nei teatri di tutto il mondo, approderà al prossimo EFM

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
2 febbraio 2016
Ghost Stories

Il co-protagonista di Sherlock Martin Freeman (Lo Hobbit) e George MacKay (Pride) reciteranno insieme a Andy Nyman (Funeral Party) nell’adattamento cinematografic0 della piéce britannica di successo Ghost Stories di Jeremy Dyson, che ha letteralmente fatto il giro del mondo. La versione filmica sarà co-scritta e diretta da Dyson stesso insieme a Nyman, che riprenderà il suo ruolo di Professor Goodman.

Secondo i piani le riprese dovrebbero avere inizio nel prossimo settembre e alla produzione ci saranno Claire Jones (Killer in viaggio) e Robin Gutch (’71), mentre il progetto sarà introdotto dalla Altitude Films al prossimo EFM.

La storia è incentrata su Phillip Goodman, professore di psicologia decisamente gnostico, la cui razionalità viene messa alla prova quando riceve una lettera apparentemente dall’oltretomba. Il suo mentore Charles Cameron, un parapsicologo della televisione scomparso 15 anni prima in circostanze misteriose – che si pensava morto – ha scritto infatti al protagonista dicendo che i due devono incontrarsi. L’uomo dunque parrebbe piuttosto in vita e bisognoso dell’aiuto dell’allievo per risolvere tre casi che lo hanno lasciato profondamente scosso. Andando avanti nelle indagini, Goodman incontra tre persone perseguitate, ciascuna con una storia più spaventosa e inspiegabile dell’altra. A poco a poco, l’uomo svelerà una verità nascosta ancora più terrificante, che sconvolgerà la sua vita”.

“Dopo essere rimasto totalmente affascinato dalla trama diabolica e dai brividi dello spettacolo teatrale,” ha dichiarato Mike Runagall della Altitude “siamo molto entusiasti di collaborare con i registi per al pubblico di tutto il mondo questo indimenticabile, inquietante e unico thriller sovrannaturale.”

Articoli correlati

Inserisci un commento