26 dicembre 2015

Le 5 commedie di Natale adatte a tutta la famiglia

La nostra classifica dei film natalizi da guardare tutti insieme

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
26 dicembre 2015
mamma-ho-perso-laereo

Il Natale è un periodo che si trascorre in famiglia, coi propri cari, e la televisione tiene compagnia a grandi e bambini. Proprio per questo, è essenziale che il piccolo schermo fornisca un’offerta adeguata anche a un pubblico non adulto; accanto agli horror, riservati ad ai più grandi, abbiamo pensato quindi di suggerirvi alcune commedie adatte a tutti, grandi classici delle festività.

Ecco i nostri favoriti: 

Mamma, ho perso l’aereo (1990) Chris Columbus

I signori McCallister, in partenza per le vacanze di Natale con la numerosa famiglia, si accorgono solo dopo il decollo di aver dimenticato a casa il più piccolo dei loro figli. Kevin, rimasto solo, non si perde però d’animo, prendendosi cura della casa a modo suo e riuscendo a sgominare una banda di maldestri scassinatori.

Polar Express (2004) Robert Zemeckis

E’ la vigilia di Natale e un ragazzino nella sua cameretta aspetta con ansia lo scoccare della mezzanotte, quando un lunghissimo treno si ferma proprio fuori della porta di casa sua. Il piccolo protagonista, tra timore e curiosità, sale a bordo:  si tratta del Polar Express, che si sta dirigendo al Polo Nord. Il piccolo temerario conosce presto gli altri passeggeri che come lui, in pigiama e ciabatte, corrono alla scoperta del mondo di Babbo Natale.

Gremlins (1984) Joe Dante

Rand Peltzer, un inventore fallito, compra a Chinatown, nella bottega di un vecchio, un regalo di Natale per il figlio Billy. Si tratta di un delizioso ma delicatissimo animaletto esotico, un “Mogwai”. Billy però trasgredisce le disposizioni che gli sono state date, scatenando il finimondo: dal grazioso e mite animale nascono dei mostriciattoli orripilanti e malvagi che iniziano a seminare il terrore. L’intera cittadina si trova presto in balia dei piccoli mostri che si moltiplicano a vista d’occhio. Tocca quindi a Billy e alla sua ragazza Kate trovare una soluzione definitiva.

Il Grinch (2000) Ron Howard

Da un antro situato sulla cima del monte Crumpit, a nord della cittadina chiamata Chinonsò, una creatura verdastra osserva il frenetico viavai dei Nonsochì, che ancora una volta si preparano a festeggiare il Natale. Il Grinch – questo il nome dell’essere – è scorbutico, fastidioso, sgarbato, ma soprattutto stufo dell’allegra aria di festa. Disgustato dall’aria di festa, il Grinch decide di travestirsi e portare un po’ di disturbo in quell’atmosfera così spensierata. Durante la sua spedizione in città, incontra la piccola Cindy Ki-Lou, l’unica a pensare che tutti siano troppo presi dagli acquisti e dal trambusto generale e a domandarsi quale sia il vero significato del Natale. Cindy decide anche di scoprire il più possibile sul Grinch, per trovare un modo di convivere pacificamente. 

Una poltrona per due (1983) John Landis

Randolph e Mortimer Duke, due spregiudicati e avarissimi fratelli finanzieri, scommettono un dollaro per dimostrare che ‘l’ambiente fa l’uomo’, decidendo di distruggere la vita e la carriera del giovane manager della loro finanziaria, Louis Winthorpe, sostituendolo con Billy, un ladruncolo di colore. Preso il posto di Louis nella lussuosa abitazione, Billy si abilita – a tempo di record – non solo a muoversi con disinvolta signorilità nell’inconsueto habitat residenziale, ma anche in quello rischioso e imprevedibile della finanza, mentre Louis, sfortunatissimo, sprofonda nel degrado giorno dopo giorno. Quando però Billy si accorge di essere usato dai Duke, si allea al derelitto per prendersi la rivincite sui due finanzieri.

Articoli correlati

Inserisci un commento