The Movie Db/10
The Movie Db/10
29 settembre 2017

Michael Green: “Blade Runner del 1982? Vi dico qual è la versione migliore da guardare”

Lo sceneggiatore di 2049 ha raccontato cosa risponde ai fan quando gli chiedono cosa dovrebbero guardare tra final cut, theatrical, director’s cut o workprint del classico diretto da Ridley Scott

29 settembre 2017

Come ormai sapete da tempo, Blade Runner 2049 di Denis Villeneuve, sequel del classico di Ridley Scott del 1982, arriverà nei nostri cinema il 5 ottobre, con Harrison Ford ancora una volta nei panni del cacciatore di replicanti Rick Deckard e con Ryan Gosling in quelli dell’Agente K.

blade runner 2049 posterTra le molte dichiarazioni che si sono succedute anche riguardo al classico della fantascienza, si uniscono ora anche quelle di uno degli sceneggiatori del suo seguito, Michael Green (che si è occupato script con Hampton Fancher), a cui è stato chiesto, durante un’intervista, se ci sia stata una specifica versione – viste anche le differenze negli epiloghi finali tra final cut, theatrical americana o internazionale, director’s cut o workprint – da loro ‘prediletta’ e a cui rapportarsi durante il periodo di scrittura. In poche parole, gli è stato domandato se ci fosse secondo lui un montaggio migliore degli altri:

No. E’ una delle grandi intuizioni del film – che il soggetto della soggettività sia intessuto attraverso la storia. Che la ricerca dell’autenticità sia il viaggio del personaggio, ed è anche il viaggio di un fan. Quindi, addentrarsi in un possibile seguito è stato solo il riconoscimento che questi sono capi saldi tra i temi in gioco.

Dopo di che, arrivi agli appassionati tra tutti gli altri che lavorano al film, scoprendo quale sia la loro versione preferita e il perché. Lo devo chiedere a Ridley Scott. Lo devo chiedere a Denis [Villeneuve]. Dovrei dibatterne con lui – e lui rispetta le altrui opinioni, perché non c’è giusto o sbagliato. La gente chiede spesso: ‘Quale versione devo guardare se non l’ho mai visto?’ Io do la risposta più semplice: ‘Quella [qualunque essa sia] che puoi guardare stanotte’.

Blade Runner Director's CutLo sceneggiatore ha poi specificato:

La verità è che non importa [quale versione si guardi]. Sono tutte interessanti a modo loro. Penso, purtroppo, che alcune persone mi abbiano rivelato di non aver mai visto [il film], perché hanno paura di vederne una versione che non è ‘quella giusta’. È un peccato, perché vale la pena vederne una qualsiasi. Ma anche perché, con la mancanza di certezze, si sta entrando [automaticamente] nel discorso di Blade Runner.

Dunque, ancora una volta, il relativismo vige quando ci si approccia al classico del 1982. Staremo a vedere se il suo seguito saprà essere altrettanto oscuro e filosofico.

Vi lasciamo intanto con i trailer del capostipite e di Blade Runner 2049:

Articolo
Michael Green:
Titolo
Michael Green:
Descrizione
Lo sceneggiatore di 2049 ha raccontato cosa risponde ai fan quando gli chiedono cosa dovrebbero guardare tra final cut, theatrical, director's cut o workprint del classico diretto da Ridley Scott
Autore
Nome del publisher
Il Cineocchio
Logo del publisher
CAST

Articoli correlati

Inserisci un commento