Horror & Thriller

Michael Segal ci presenta Dark Blue, il mistery action con cui debutta alla regia

di

Davanti alla telecamera è stato affiancato da Roberto D'Antona e dal biologo e documentarista Simone Modugno

Quale occasione migliore dell’imminente presentazione all’American Film Market – e dell’uscita del primo trailer (in coda) – per parlare di Dark Blue, il film indipendente girato all’Isola d’Elba che segna l’esordio assoluto alla regia di Michael Segal (In Articulo Mortis)?

dark-blue-segal-locandinaQuesta la sinossi ufficiale:

La storia narra il ritrovamento di una nave affondata nel Mediterraneo negli anni ’30, che trasportava un carico prezioso (le figlie di Aegir, il dio del mare celtico) diretto alla Città del Vaticano ed era partita dal porto Norvegese di Trondenheim, per evitare di attraversare la Germania nazista e l’Italia fascista via terra. La nave era salpata in gran segreto e le leggende nate intorno alla MIORGAROSORMR, volevano che non fosse mai neppure esistita. Il sinistro incendio del porto norvegese subito dopo la sua partenza infatti, distrusse ogni prova della sua esistenza. Quello che i due sub coinvolti nell’impresa non sanno, è che la nave era protetta da una creatura marina della mitologia celtica, proprio a causa del suo mistico carico, che potrebbe essere ancora in agguato sul fondo del mare, in attesa. La frase ricorrente di tutto il film è infatti: ‘Alcune cose appartengono al mare e dovrebbero restare al mare’.

Protagonisti della pellicola mistery action sono Mike (interpretato da Segal), spericolato e comicamente bullo, Kevin (Roberto D’Antona) il socio del diving centre più calmo e cauto, Lisa (Flavia Sabatino) la solare fidanzata del socio che detesta Mike in quanto unico ostacolo al suo matrimonio con Kevin ed un enigmatico marinaio senza un occhio di nome Hooper (David White), che sembra sapere molto più di quello che appare, quasi fosse un custode di ciò che il mare nasconde. Nel cast, in ruoli più piccoli, troveremo anche Camelia Voiasciuc, Samuel Giraffi, Daniele Lupi e Simone Modugno, biologo marino e regista di documentari che si è occupato delle riprese in superficie, di quelle sottomarine e con il drone.

dark-blue-segal-film-2Abbiamo parlato con Segal, che ci ha raccontato un po’ com’è nato Dark Blue e quello che dobbiamo aspettarci:

Questo film nasce a inizio estate, con la volontà di tentare qualcosa che non era ancora stata provata in Italia. Essendo io anche stuntman, ho pensato e scritto una storia con scene pericolose e spettacolari, steso la sceneggiatura e cominciato a cercare le location. Mi è venuto in soccorso il mio amico di vecchia data Simone Modugno, biologo marino e documentarista, che mi parlò di un relitto molto grande oltre le coste dell’Isola d’Elba. Dopo 55 lavori fatti come attore, mi sentivo pronto a fare il regista di questa storia, molto personale ed impegnativa. Ho pensato immediatamente a unire la mia esperienza a quella di un altro grande nome del panorama indipendente italiano, eccezionalmente competente in ogni aspetto della lavorazione, Roberto D’Antona. Diciamo che quello che si vede nel trailer è un assaggio, ma probabilmente vi dà un’idea di quello che ho tentato di realizzare. Il film non sarà condiviso su internet o su YouTube perchè è destinato a percorsi decisamente diversi. Come primo lavoro alla regia, mi ritengo soddisfatto, certo ho molto ancora da imparare e da sperimentare, ma sto invecchiando! Non potrò continuare a lungo a fare il duro e l’atletico, quindi è giusto che mi apra nuove prospettive no?

Di seguito il trailer ufficiale di Dark Blue:

Horror & Thriller

Recensione | The Strangers – Prey at Night di Johannes Roberts

di
William Maga

Christina Hendricks è la sventurata protagonista di un sequel derivativo e campato per aria, che getta malamente al vento le atmosfere e i punti di forza del primo film

Leggi
Horror & Thriller

Riflessione | “Introspettivo come Logan, inventivo come Il Cavaliere Oscuro”: perché The Predator di Shane Black non ci convince

di
Sabrina Crivelli

Le parole del regista e del protagonista Boyd Holbrook sul quarto capitolo della saga fanta-horror lasciano perplessi, senza contare che lo stesso Arnold Schwarzenegger ha ripudiato il copione dopo averlo letto

Leggi
Horror & Thriller

Rob Zombie: “Potendo, farei un remake di Il Mostro della Laguna Nera”

di
Redazione Il Cineocchio

Il regista e rocker ha ammesso il suo sogno nel cassetto, spiegando le semplici ragioni della scelta

Leggi