26 aprile 2017

[recensione BIFFF 35] Vampire Cleanup Department di Chiu Sin-hang e Yan Pak-Wing

I due registi realizzano un omaggio alla commedia horror ‘vecchia scuola’, fatta di risate e abili mestieranti

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
26 aprile 2017
Vampire Cleanup Department

Che ci crediate o no, i vampiri cinesi sono esistiti sin dall’alba dei tempi, ma questa varietà preferisce muoversi saltellando come i canguri. Fortunatamente, c’è il Dipartimento di Pulizia dei Vampiri, un ramo ultra segreto del governo che mantiene le strade sicure. Tim Cheung (Babyjohn Choi), la loro ultima recluta, è ansioso di seguire le regole, ma durante la sua prima missione, incontra Summer, un’avvenente succhiasangue con zanne affilate e soltanto due secoli di vita. Quando scopre che è in grado di ritrovare un po’ perduta umanità di lei, Tim decide di nascondere la ragazza ai suoi colleghi. Non potrebbe però scegliere momento peggiore per contravvenire al regolamento. La Luna Rossa è appena sorta, annunciando l’arrivo del terribile Re dei vampiri e poiché la sua gola è asciutta da moltissimi anni, la sua ricerca di sangue sarà incontrollabile.

vampire cleanup department posterQuesta la premessa di Vampire Cleanup Department (Gao geung jing dou fu) del duo composto da Chiu Sin-hang e Yan Pak-Wing (Full Strike, Let’s Go!) che realizza essenzialmente una versione di Warm Bodies con vampiri hongkonghesi, pervasa da un profondo amore per l’estetica granulosa degli anni ’80 trasportata ai giorni nostri e da un divertimento camp e fantasioso. Quattro anni dopo che Juno Mak ha rivitalizzato l’elemento più horror del sottogenere del jiang shi (i succhiasangue zompettanti) con il suo freddo e rigoroso Il Cacciatore di Vampiri – Rigor Mortis e tre anni dopo che Wong Jing ha realizzato il non indimenticabile Sifu vs. Vampire in omaggio alla tradizione comica cominciata con Mr. Vampire nel 1985, sembra essere ora giunto il momento di aggiornare questa tradizione. Il pubblico non ha quindi a che fare con lo splatter estremo, ma con atmosfere più leggere e venate in questo caso specifico dal romanticismo spinto.

L’accento è infatti chiaramente posto sul tenero – e un po’ sdolcinato – rapporto amoroso tra Tim e Summer, con il primo che lavora intorno alle sue speciali qualità mentre quest’ultima (ri)impara ad agire come un essere umano. Gran parte della riuscita in tal senso si deve alla cantante pop malese Lin Min-Chen, che saltella ‘vecchio stile’ per i 90 minuti di durata con gli occhioni sgranati e la bocca aperta, lasciando che le sue espressioni facciali e i gesti parlino al suo posto. Anche il tema del VCD è in gran forma comunque. Il veterano Richard Ng si aggiudica tutte le migliori battute nei panni del vecchio Chung, mentre Chin Siu-Ho interpreta il burbero zio Chuf. Il monaco Maoista Ginger e lo specialista delle armi svolgono i loro ruoli in modo integerrimo, con il secondo travestito come un vecchio vampiro degli horror della Hammer. Su tutto però, l’azione e la commedia si integrano perfettamente. Sketch come quello di Tim che utilizza il suo telefono mentre questo si trova dentro Summer, ascoltare Chung biascicare un po’ di inglese o vedere Tim spazzare e pulire senza tregua per allenarsi in una versione 2017 del “dai la cera, togli la cera” di Karate Kid rende la visione piacevole.

VAMPIRE CLEANUP DEPARTMENTNon è tutto rose e fiori però. Vampire Cleanup Department avrebbe dovuto – e potuto – giocare ancora di più con i suoi elementi sopra le righe e sfruttare meglio i topoi. L’organo governativo rivale che vanta un subordinato di razza caucasica che parla un cinese piuttosto imbarazzante avrebbe meritato maggior attenzione, invece di qualche mero cenno e il terzo atto richiedeva un po’ più di lavoro di sceneggiatura. Se da una parte suona veramente troppo facile per i vecchi cacciatori di vampiri ritrovarsi e conciliarsi in modo così rapido, dopo i precedenti conflitti emotivi, lo scontro finale con il capo dei vampiri è l’apice di un climax che sulla carta si prestava a ben altro spessore.

In definitiva, nonostante uno svolgimento prevedibile, Vampire Cleanup Department è un’horror rom-com senza pretese ma genuina, resa piacevole dal cast di grandi nomi, da effetti speciali efficaci e da irresistibili canzoncine cantonesi.

Di seguito il trailer ufficiale:

Articolo
Titolo
[recensione BIFFF 35] Vampire Cleanup Department di Chiu Sin-hang e Yan Pak-Wing
Descrizione
I due registi realizzano un omaggio alla commedia horror 'vecchia scuola', fatta di risate e abili mestieranti
Autore
Nome del publisher
Il Cineocchio
Logo del publisher

Articoli correlati

Inserisci un commento