26 giugno 2017

[recensione] Cattivissimo me 3 di Kyle Balda e Pierre Coffin

Terzo capitolo di una saga che diverte ancora grazie a un cattivo ben congegnato che ruba la scena a un Gru ormai troppo edulcorato

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
26 giugno 2017
cattivissimo me 3

La casa di produzione Illumination, in partnership con Universal Pictures, ha creato sette anni fa un franchise vincente ed estremamente redditizio, con guadagni che superano ad oggi gli 1.5 miliardi di dollari in tutto il mondo. Quella che è ora una trilogia, segue le vicissitudini di Gru (doppiato da Max Giusti), il cattivo meno cattivo di sempre, che nel primo episodio (Cattivissimo Me, 2010) finisce per adottare le tre bambine orfane in cui si imbatte: Margo (Rossa Caputo), Edith (Veronica Benassi) e Agnes (Arianna Vignoli). Nel sequel (Cattivissimo me 2, 2015) trova una compagna, Lucy Wilde (Arisa) e abbandona la sua carriera di super villain per mettersi dalla parte della giustizia. In questo terzo capitolo ritrova il fratello gemello Dru (sempre Giusti), da cui era stato separato alla nascita, desideroso di entrare nel giro dei cattivi per emularlo. Quello che nasce come antieroe cinico e asociale sfocia prevedibilmente nel sentimentale e zuccheroso padre di famiglia ormai diventato buono.

locandina cattivissimo me 3La trama in sé sembrerebbe quella di una telenovela, ma in fondo bisogna ricordarsi che è un prodotto per bambini e quindi di fatto incentrato sui valori della famiglia. In qualche modo però il film risulta piacevole e riesce ancora a divertire con la sua serie di gag a raffica. Forse le mosse intelligenti degli sceneggiatori Ken Daurio e Cinco Paul sono state due: la lungimiranza, dopo uno spin-off di successo e secondo maggior incasso di sempre della Universal (Minions del 2016), di mettere da parte i Minions concentrandosi su Gru e famiglia, e la scelta azzeccata del cattivo. Gli esserini gialli decidono di voltargli le spalle come conseguenza del suo definitivo abbandono del “lato oscuro”, trovandolo noioso – e qui lo spettatore può solo concordare con loro -, e di partire alla ricerca di un nuovo cattivo. La loro comicità a tratti è al limite di quella dei film dei Vanzina, con tre Minions che emettono peti prima che scompaia il logo della Illumination dai titoli di apertura. Comunque, nonostante il solito idioma incomprensibile e i vari ‘banana’ alternati a pernacchie, riescono ancora a strappare qualche risata con siparietti divertenti, come quando finiscono in carcere o quando prendono in giro i talent show musicali. Il Dottor Nefario invece si autoelimina da subito, intrappolandosi nella carbonite, in piena citazione della sorte che tocca ad Han Solo in L’Impero colpisce ancora. I protagonisti indiscussi diventano quindi Gru e la sua nuova famiglia, che scopre di essere più unita che mai quando passa del tempo insieme sull’isola in cui abita Dru, con una serie di sentimentalismi a volte eccessivi ma per fortuna mai stucchevoli perché conditi con autoironia e gag assurde. Who’s bad?, il motivetto ritmato di Michael Jackson lascia scappare qualche movimento a tempo del piede quando appare il nuovo villain: Balthazar Bratt (Paolo Ruffini), ex bambino prodigio ormai adulto rimasto però intrappolato negli anni’80, caduto nel dimenticatoio e in cerca di vendetta contro Hollywood che ha deciso di cancellare il suo show. Nei primi fotogrammi lo vediamo intento a cercare di rubare un diamante gigante per completare il suo piano malvagio, Gru fallisce mentre cerca di fermarlo e per questo viene licenziato dalla Lega degli Anti Cattivi insieme alla moglie Lucy. Tenterà comunque di catturarlo e di consegnarlo alla giustizia con l’aiuto del fratello gemello ritrovato aspirante cattivo ma molto impacciato.

cattivissimo me 3 minionsTanta nostalgia per il penultimo decennio del secolo scorso, la formula del revival è vincente, basti pensare al divertente Pixel, ai Guardiani della Galassia Vol 1 o a Stranger Things, e intelligente, perché coinvolge anche un pubblico che ormai è cresciuto. Questo incrocio tra Freddy Mercury e George Michael, tutto lustrini, spalline e chewingum rosa, nasce dalla mente di Trey Parker (South Park), anche suo doppiatore nella versione originale, e sfida Gru a colpi di ballo sulle note delle più famose hit degli anni’80. In un’intervista, il produttore Chris Meledandri, a proposito di questo smooth criminal, ha dichiarato: “C’è un sacco di materiale degli anni’80 che è divertente da guardare, che sia un semplice yo yo o dei tipici passi di danza come il moonwalk, e ci sono riferimenti che sono nascosti e non così facili da cogliere in un primo momento. Penso senza ombra di dubbio che l’ associazione tra Michael Jackson e gli anni ’80 sia importante e il suo utilizzo fondamentale e necessario per la scena iniziale del film e l’introduzione di Bratt”. La colonna sonora del film, con tutti questi riferimenti musicali retrò, diventa così importante al pari della ‘awesome mix’ ascoltata nel walkman da Peter Quill. Troviamo un buon connubio tra vintage e nuovo, con il contributo di ben cinque nuovi brani di Pharrell Williams, che è ormai artista consolidato della serie anche grazie al successo di ‘Happy’ dell’episodio precedente. Nella versione nostrana e iberica sentiamo invece il nuovissimo brano di Alvaro Soler (Sofia) e dei Morat: ‘Yo Contigo, Tu Conmigo’ che, come se ci fosse bisogno di ribadirlo, simboleggia l’armonia familiare ritrovata dai protagonisti. Questo terzo capitolo riesce ancora a divertire nonostante la sottotrama al limite dell’iperglicemia e un finale che rimane molto aperto, lasciando presagire un probabile sequel. Non rimane molto da dire a questa saga di grande successo e Cattivissimo me 3 potrebbe essere un buon pensionamento per Gru & Co. In ogni caso, la Illumination ha in già cantiere Pets 2 e Sing 2, meglio sarebbe puntare sulle novità quando si sono sfruttate praticamente tutte le risorse possibili sui vecchi successi …

Di seguito il trailer ufficiale italiano di Cattivissimo me 3, nei cinema dal 24 agosto:

Articolo
Titolo
[recensione] Cattivissimo me 3 di Kyle Balda e Pierre Coffin
Descrizione
Terzo capitolo di una saga che diverte ancora grazie a un cattivo ben congegnato che ruba la scena a un Gru ormai troppo edulcorato
Autore
Nome del publisher
Il Cineocchio
Logo del publisher

Articoli correlati

Inserisci un commento