1 ottobre 2016

[recensione] Le perle del cinema di genere nascoste in Netflix: Holy Hell di William Allen

Un viaggio profondo e terrificante alla ricerca del vero volto di una setta e del suo leader

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
1 ottobre 2016
holy-hell

A volte l’incubo è reale, e per questo motivo stavolta abbiamo scelto dal catalogo nascosto di Netflix non un horror, o un film di fantascienza, ma il documentario su una setta californiana, intitolato Holy Hell, diretto da William Allen. Al centro della narrazione, il regista stesso che, dopo aver scoperto di essere omosessuale a 22 anni viene cacciato di casa e parte in cerca di un nuovo nucleo famigliare di cui sentirsi parte, quando la sorella lo invita a unirsi a una sorta di gruppo spirituale: il Buddha Field. La comunità, il cui nome chiaramente fa riferimento alle dottrine orientali, è guidata da una sorta di Guru dai molteplici nomi, prima Micheal, poi Andreas, che promette l’Illuminazione e chi lo seguirà in un percorso di ricerca.

holy-hell-4Basato dunque sulla somma di testimonianze degli adepti che hanno abbandonato il culto e di girato originale d’epoca, che risale ai primi anni ’80, ne viene mostrata inizialmente un’immagine idilliaca. Alla ricerca del Nirvana, numerosi giovani, tutti bellissimi, si riuniscono in una sorta di comune e danzano nei boschi, ebbri di felicità, fino ad avere esperienze talmente intense da parere un trip indotto dagli acidi. Tuttavia questa è solo la superficie. Man mano che i racconti si susseguono in uno svolgimento cronologico dei fatti, emergono aspetti sempre più inquietanti. Prima il leader inizia a suggerire a tutti “caldamente” delle costose sedute psicanalitiche settimanali con lui, poi inizia a controllare le vite di ciascuno e infine tutti membri, che lo seguono ciecamente, sono portati ad abbandonare gli affetti e a seguire ogni suo ordine.

holy-hellIn una lenta e progressiva caduta nella totale negazione di sé, seguiamo allora i protagonisti mentre pian piano sono sottoposti a un vero e proprio lavaggio del cervello, in cui la loro volontà viene del tutto annullata, in un iter psicologico dettagliato, che ci fornisce una prospettiva unica sul fenomeno delle sette e sui suoi lati oscuri. In una lenta scoperta della realtà dietro la menzogna, ancor più agghiacciante perché resa da immagini reali, vediamo la spiritualità che si tramuta in coercizione e Andreas rivela il suo vero volto, di spregiudicato truffatore, attore fallito e porno-divo, che usa la psicanalisi, una formazione attoriale, il suo fascino innato e alcuni precetti buddhisti per sottomettere il prossimo, fino a ad averlo in suo totale potere, fino a obbligare molti sui giovani e bellissimi seguaci, anche non gay, ad avere rapporti sessuali con lui.

holy-hell-3Sconvolgente dunque perché reale, non ci sono attori, ma solo coloro che
hanno vissuto davvero tale esperienza e ce la delineano in modo crudo, sincero. Unico anche perché uno dei pochissimi casi in cui una setta è documentata dall’interno, attraverso le riprese di un adepto cinefilo – che coprono ben 22 anni di attività – e con il beneplacito del suo leader, cosicché non sono solo i racconti a descriverci cosa successe, ma anche il filmato, registrato attraverso l’occhio dalla camera da presa, oggettivo e immutabile al contrario dei ricordi. Si ha così un duro viaggio, grazie alle parole e alle immagini, che ci narrano di una terribile storia di prigionia, più mentale che fisica, dalla parte di chi davvero l’ha vissuta e senza finzione, a ricordarci che la perdita del proprio spirito critico porta a conseguenze davvero terrificanti.

Di seguito il trailer di Holy Hell:

Articolo
Titolo
[recensione] Le perle del cinema di genere nascoste in Netflix: Holy Hell di William Allen
Descrizione
Un viaggio profondo e terrificante alla ricerca del vero volto di una setta e del suo leader
Autore
Nome del publisher
Il Cineocchio
Logo del publisher

Articoli correlati

Inserisci un commento