19 gennaio 2017

[recensione] xXx: Il ritorno di Xander Cage di D.J. Caruso

Vin Diesel ritorna protagonista in un terzo capitolo incredibile, ma non in senso positivo

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
19 gennaio 2017
vin diesel xander cage

Sono passati 15 anni dall’ultima volta che abbiamo visto Vin Diesel (qui le 30 cosa da sapere sull’attore) in xXx nei panni dell’agente segreto / amante del brivido estremo / indossatore d’eccentriche pellicce Xander Cage e, da allora, la serie è maturata ben poco. xXx: il Ritorno di Xander Cage (xXx: Return of Xander Cage) infila una sequenza ridicola dopo l’altra, dando molto poco tempo per pensare alle assurdità che appaiono sullo schermo, il che è una buona cosa, poichè il film sembra esser stato scritto da un infante.

Il punto è: per fortuna quel bambino è grande amico della nerboruta star, quindi tutto bene.

xxx-3-vin-diesel-posterAnzitutto, nel sequel del 2005, xXx 2: The Next Level (xXx: State of the Union), Xander Cage era rimasto ucciso in un attacco esplosivo, ma in questa sorta-di threequel lo ritroviamo decisamente vivo, senza alcuna reale spiegazione sul perché. Anzi, scopriamo che Cage respira perché, semplicemente, viene reintrodotto allo spettatore mentre salta giù da un pilone satellitare pericolosamente alto e scia attraverso una fitta giungla, una cosa che raramente i morti fanno … Pur essendo ancora avvezzo ai suoi vecchi trucchi che sfidano la gravità, Cage non è più un agente segreto a noleggio e trascorre invece le sue giornate a guardare partite di calcio nelle favelas brasiliane.

Il programma xXx, che recluta i più temerari per trasformarli in spie che danno la caccia ai peggiori terroristi, non può più permettersi tuttavia che la prolungata pensione di uno dei suoi migliori membri, dacché si rivela essenziale per inseguire e catturare alcuni estremisti nemici del Governo, capeggiati dal rapace Donnie Yen (Rogue One: a Star Wars Story). A comunicarci che il suo personaggio rientra nelle fila dei malviventi è, caratterizzazione piuttosto elementare a dirla tutta, il fatto che nella sua prima scena indossi una giacca di pelle e fumi una sigaretta, pratica salutare a cui segue un salto di 30 metri attraverso una finestra blindata nella sede dell’NSA, l’eliminazione di un mucchio di agenti addestratissimi e il furto di un grosso telecomando capace di spegnere ogni satellite in orbita e farlo inesorabilmente precipitare sulla Terra. Questo è qualcosa che l’NSA non vuole che accada, così Cage è costretto a tornare in campo.

La trama può sembrare noiosamente scontata e semplice (ovviamente quanto sopra non corrisponde a completa verità), ma questo finisce per contare a malapena, poichè la storia è in realtà più o meno un esile filo che serve soltanto a legare gli stunt di una sequenza coi successivi. C’è da dire che non c’è quasi mai un momento di noia nel film – anche una scena potenzialmente lenta con tre persone che parlano intorno a un tavolo in un bar viene aiutata dall’innesco di un gioco della ‘patata bollente’ con il passaggio di mano in mano di una – e più – granate, prima che l’idillio venga interrotto e Vin e i suoi nuovi amici continuino la loro discussione in sella a due moto da cross con le quali si destreggiano tra altissime onde in mare …

xxx ritorno xanderIl regista D.J. Caruso (The Disappointments Room) dirige il tutto come un unico e imponente promo per sport estremi marchiato Red Bull, giustamente, visto che alcuni professionisti di queste attività hanno effettivamente sostituito i protagonisti in quasi tutte le sequenze, la maggior parte delle quali sono quasi interamente (e incredibilmente) basate su acrobazie reali ed eseguite dal vero da uomini e donne spericolati.

Il cast è incredibilmente vario (aka multietnico e multigender) e, per coincidenza (o opportunisticamente, a seconda di come vogliate vederla), riesce ad attingere talenti dai principali mercati cinematografici del mondo, tra cui Regno Unito, India, Cina, Thailandia e Australia. Ci sono anche vari gradi di recitazione in ballo, dalla candidata agli Oscar Toni Collette all’inespressivo campione UFC Michael Bisping, dall’avvenente Deepika Padukone, pronta per il grande salto in Occidente, fino al maldestramente sfruttato (come già peraltro in Fast & Furious 7Tony Jaa. Anche il calciatore brasiliano Neymar fa il suo debutto nella ‘toccante’ scena di una colazione in compagnia di Samuel L. Jackson, al culmine del quale l’attaccante sventa una rapina calciando con forza un fermatovagliolo in testa ad un uomo armato.

Ci sono pochissime pellicole in cui una sequenza del genere potrebbe verificarsi, per di più senza risultare la cosa più grottesca in tutto il lungometraggio. In qualche modo però, nel mondo di xXx, ciò può semplicemente accadere e tutti continuano a vivere tranquilli le loro vite. Per quanto riguarda Vin Diesel, si ritaglia la parte più consistente di battute stucchevoli e di scenari, che è una fortuna visto che solo lui potrebbe farla franca dopo essere stato in una stanza piena di donne praticamente nude, aver fatto sesso con le suddette dopo aver appena sottolineato “Le cose che mi tocca fare per il mio paese …“, quindi lasciarle mentre ancora dormono la mattina seguente e presumibilmente non richiamarle mai più.

xxx-3-vin-diesel-1Almeno quanto la discutibile etichetta post-coitale, il film è infarcito di dialoghi ricchi di cliché su come ottenere risultati positivi pur prodigandosi in azioni cattive, nonché di personaggi che tendono a parlare per lo più con battute da slogan della Nike, aspetto che indiscutibilmente può diventare fastidioso a lungo andare (viste le due ore di durata), ma che al contempo non riesce ad affondare del tutto lo spirito leggero di tutta la vicenda.

In definitiva, probabilmente ex ante lo spettatore ha ben chiaro se andare a vedere o meno xXx: il Ritorno di Xander Cage, dipende tutto dalla sua disponibilità ad accettare trame, dialoghi e situazioni interamente farsesche e prive di senso solo perché veicolate dal disumano carisma di Vin Diesel. E’ una sorta di ritorno al tipo di film d’azione che ha dato origine al primo film all’inizio degli anni zero. Potrebbe capitarvi di sentire allo stesso modo alcuni lamentarsene e altri gioirne. Probabilmente non è qualcosa che ci si sarebbe aspettati di vedere ancora nel 2017, ma se siete disposti a comprare il suo marchio di fabbrica ‘alla mano’, potreste finire con l’apprezzare il viaggio indietro nel tempo.

Di seguito il trailer ufficiale italiano di xXx: il ritorno di Xander Cage, nei cinema dal 19 gennaio:

Articolo
Titolo
[recensione] xXx: Il ritorno di Xander Cage di D.J. Caruso
Descrizione
Vin Diesel ritorna protagonista in un terzo capitolo incredibile, ma non in senso positivo
Autore
Nome del publisher
Il Cineocchio
Logo del publisher

Articoli correlati

Inserisci un commento