30 ottobre 2016

Richard Kelly: ‘Christopher Nolan ha salvato Donnie Darko dall’oblio’

A 15 anni dalla prima uscita nelle sale, il regista del cult con Jake Gyllenhaal ha parlato delle difficoltà incontrate all’epoca

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
30 ottobre 2016
donnie-darko-2001

Che ci crediate o no, sono passati 15 anni da quando il mondo ha incontrato per la prima volta Frank The Rabbit e il tormentato adolescente di nome Donald Darko, che prevedeva la fine del mondo (in Italia è arrivato solo nel 2004 dopo l’uscita della director’s cut e la presentazione alla Mostra del Cinema di Venezia). Per celebrare l’anniversario di Donnie Darko, il suo regista Richard Kelly ha parlato dell’a volte doloroso viaggio verso il schermo di un film misterioso sulla filosofia, i viaggi nel tempo e un coniglio mostruoso.

donnie-darko-2001-frank“Vivi con i tuoi film per il resto della tua vita”, dice Kelly, che ora sta lavorando sulla versione restaurata in 4K dell’opera. “In un certo senso, sono come una parte del tuo DNA. Possono perseguitarti o essere una benedizione, ma sono sempre con te.” Kelly ha scritto il film in quattro settimane (“è sgorgato fuori“), tuttavia ha faticato a trovare produttori o finanziatori che capissero la sua sceneggiatura idiosincratica.

In definitiva, ci sono voluti l’intervento di un angelo per fare il film – in particolare, di una Charlie’s Angel, Drew Barrymore, che ha recitato nei panni dell’insegnante di inglese Karen Pomeroy, la cui società si è occupata appunto della produzione. Dopo 28 giorni di difficili riprese e un “dolorosamente scrupoloso” processo di montaggio, venne presentato al Sundance Film Festival, dove ricevette una risposta tiepida.

James Duval, che ha interpretato l’iconica coniglio Frank, ricorda che una persona tra il pubblico si alzò esclamando: “Questo è il peggior film qui al Sundance! E’ un film orribile!”. E sembrava proprio destinato a una veloce apparizione diretta in home video se Christopher Nolan – che all’epoca si stava facendo conoscere con Memento – non ne avesse parlato molto bene al Newmarket Films, convincendoli a comprarlo. Nolan “ha contribuito a salvare il film dall’oblio” ha ammesso Kelly.

Donnie darko fu un flop quando venne distribuito negli Stati Uniti, facendo poco meglio nel Regno Unito, salvo poi guadagnarsi lentamente un seguito di culto, che il produttore Sean McKittrick attribuisce a “un così forte apparato iconografico. Mi ricordo di essere stato così eccitato quando Frank il coniglio è finito su Simpson. Ho pensato ‘Ca**o, siamo nei Simpson!’.”

Articolo
Titolo
Richard Kelly: 'Christopher Nolan ha salvato Donnie Darko dall'oblio'
Descrizione
A 15 anni dalla prima uscita nelle sale, il regista del cult con Jake Gyllenhaal ha parlato delle difficoltà incontrate all'epoca
Autore
Nome del publisher
Il Cineocchio
Logo del publisher

Inserisci un commento