12 gennaio 2016

Il sequel di World War Z perde il regista Juan Antonio Bayona

Il regista di The Impossible potrebbe però ora essere disponibile per un altro seguito molto importante

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
12 gennaio 2016
world-war-z brad

Il sequel di World War Z del 2013 ha perso il suo regista a causa di problemi legati all’agenda. La Paramount Pictures ha confermato infatti che Juan Antonio Bayona (The Orphanage, The Impossible) ha lasciato il film con la seguente dichiarazione:

“Bayona non è più in grado di realizzare World War Z 2 entro quest’anno, ed è nostra ambizione riuscire a girarlo in questi tempi. E’ un regista meraviglioso e speriamo di lavorare con lui presto”.

Juan-Antonio-BayonaParamount e Plan B si stanno preparando a girare in estate il seguito del film campione d’incassi, con Brad Pitt che riprenderà il suo ruolo di protagonista su una sceneggiatura scritta da Steven Knight riscritta poi da Dennis Kelly. Lo studio e la Skydance Productions vogliono far uscire le pellicola in sala il 9 giugno 2017, ma Bayona ha avuto bisogno di più tempo per lavorare al suo prossimo film, A Monster Calls della Focus Features, programmato per il 14 ottobre di quest’anno.

Nonostante problemi di produzione e l’aver dovuto girare nuovamente il terzo atto, World War Z è stato un grande successo in tutto il mondo, incassando 540 milioni di dollari. Il film, tratto dall’omonimo romanzo di Max Brooks, è stato diretto da Marc Forster, con una spesa di 190 milioni.
Il seguito sarà prodotto da Pitt, Dede Gardner, Jeremy Kleiner, Ian Bryce e da David Ellison della Skydance.

Se il secondo capitolo di World War Z deve trovare un nuovo regista in fretta, c’è invece una buona notizia per il prossimo di Jurassic World. Qualche tempo fa si era diffusa la voce che proprio Bayona sarebbe stato contattato dalla Universal Pictures per occuparsi del seguito del film campione di incassi della passata stagione (oltre 1.6 miliardi di dollari al botteghino mondiale), ma all’epoca, il regista si era impegnato a occuparsi di zombi. Ora però….

Articoli correlati

Inserisci un commento