28 febbraio 2016

Tim Reis con Bad Blood porta sullo schermo la rana mannara!

Il regista ha realizzato quella che sembra una dichiarazione d’amore alle folli opere di fantascienza degli anni ’80 di Stuart Gordon e Frank Henenlotter

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
28 febbraio 2016
Bad Blood Tim Reis

Quando abbiamo sentito parlare dell’horror Bad Blood di Tim Reis, il regista stava presentando il suo film sulle rane mannare come un work in progress al Frontieres Co-Production Market del Fantasia, la scorsa estate.

BAD BLOOD the movie - POSTERFortunatamente per i fan dell’horror più assurdo Reis è riuscito a trovare i partner di cui aveva bisogno per finire il suo film e ora è arrivato online il primo trailer. I creatori di The Demon’s Rook e Goat Witch hanno portato ora su pellicola una piuttosto atipica creatura sci-fi in Bad Blood – The Movie.

Dopo che un orribile attacco anfibio lascia la studentessa di college Victoria Miller (Mary Malloy) infettata da una malattia mutazionale, la ragazza torna a casa, dove l’antidoto al suo problema viene scambiato per droga dal malvagio patrigno. Chiusa nella sua stanza senza la sua medicina, si trasforma in un orribile mostro pronto a vendicarsi, mentre un ossessivo investigatore privato cerca di scoprire l’oscura verità della sua condizione.

Dichiarazione d’amore alle folli opere di fantascienza degli anni ’80 di Stuart Gordon e Frank Henenlotter, Bad Blood dà un tocco anfibio alla mitologia classica dei lupi mannari, rimandando sia a X-Files che a I racconti della cripta, con una miscela di umorismo, orrore ed effetti prostetici della creatura (curati da James Sizemore).

Il film sarà presentato in anteprima mondiale al Chattanooga Film Festival.

Articolo
Titolo
Tim Reis con Bad Blood porta sullo schermo la rana mannara!
Descrizione
Il regista ha realizzato quella che sembra una dichiarazione d'amore alle folli opere di fantascienza degli anni '80 di Stuart Gordon e Frank Henenlotter
Autore
Nome del publisher
Il Cineocchio
Logo del publisher

Inserisci un commento