23 giugno 2016

[cortometraggio] I vegetali assassini di Root of Evil omaggiano il primo Raimi

Il giovane Jack McHenry sopperisce allo scarso budget con l’inventiva e l’atmosfera

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
23 giugno 2016
root of evil corto

Quando non si dispone di un grande budget per la produzione, lo stile e l’inventiva possono fare la differenza. Così pure il senso dell’umorismo. Prendete Jack McHenry, un giovane regista britannico di cui non avete mai sentito parlare, ma il cui gusto probabilmente apprezzerete, visto che si ispira evidentemente ai primi lavori di Sam Raimi e Peter Jackson.

In Root of Evil, un giovane di nome Arthur è costretto a lottare contro un manipolo di vegetali posseduti e assassini che emergono dall’orto dello zio. Non vi convince? Dategli una possibilità.

Un uso interessante del montaggio e delle atmosfere eleva quella che può sembrare una trama scombinata e che i fan dell’horror indipendente apprezzeranno di sicuro.

Articolo
Titolo
[cortometraggio] I vegetali assassini di Root of Evil omaggiano il primo Raimi
Descrizione
Il giovane Jack McHenry sopperisce allo scarso budget con l'inventiva e l'atmosfera
Autore
Nome del publisher
Il Cineocchio
Logo del publisher

Articoli correlati

Inserisci un commento