22 novembre 2015

Il duo italiano Van Orton Design ridisegna le più belle locandine della storia del cinema

Grazie alla tecnica one-point perspective e l’uso di colori al neon, i cult del passato vengono reinterpretati dal punto di vista dei loro protagonisti

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
22 novembre 2015
van orton 1

Le locandine e i manifesti dei film sono di solito ideati per trasmettere, in maniera accattivante, i caratteri emblematici della pellicola in questione e della sua trama. Così, attraverso una commistione di forme e colori, viene veicolato un contenuto, sia con la rappresentazione oggettiva del soggetto trattato, sia con la sua resa allegorica.

Approccio del tutto differente è quello adottato da Van Orton Design, due fratelli gemelli da Torino che hanno deciso di controvertire questa prassi realizzando una serie di manifesti alternativi, in versione neon con colori fluo, di alcuni dei film più famosi della storia del cinema (ma c’è anche qualche sorpresa…).

Tra il retrò anni ’80 e il futuristico richiamato dalla cromatica al neon, le diverse silhouette sono frammentate in tasselli contornati da una forte linea di contorno, quasi in richiamo alla tecnica cloisonista. Da Le avventure acquatiche di Steve Zissou a Indiana Jones e l’ultima Crociata, da Pulp FictionRitorno al Futuro, ce n’è davvero per tutti i gusti.

Vi presentiamo di seguito una gallery con alcuni dei nostri preferiti:

Gallery

  • Beetlejuice - Spiritello Porcello

  • Grosso Guaio a Chinatown

  • Pulp Fiction

  • Le avventure acquatiche di Steve Zizou

  • Gli Acchiappafantasmi

  • Indiana Jones e l'ultima Crociata

  • Il Ragazzo di Campagna

  • Ritorno al Futuro

Inserisci un commento