22 ottobre 2015

Le prime informazioni su Red, il nuovo servizio senza adv di YouTube

Il nuovo servizio a pagamento sarà attivo negli USA dal 28 ottobre

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
22 ottobre 2015
Robert Kyncl, YouTube Chief Business Officer, speaks as YouTube unveils "YouTube Red," a new subscription service, at YouTube Space LA offices Wednesday, Oct. 21, 2015, in Los Angeles. (ANSA/AP Photo/Danny Moloshok)

Dopo un anno di attesa – Google ci ha messo più tempo del previsto per ultimarlo – YouTube ha lanciato il suo servizio a pagamento: si chiama Red e consentirà ai sottoscrittori di vedere video, show tv, film e musica in streaming senza le fastidiose interruzioni dovute agli annunci pubblicitari al costo di 9,99 dollari al mese (ma il primo mese sarà gratuito).

“Si tratta di una grande evoluzione per la nostra piattaforma”, ha affermato Robert Kyncl, Chief Officer Business di YouTube, sottolineando come il pubblico si stia sempre più spostando su Internet per la ricerca di nuovi contenuti interessanti, allo stesso modo degli inserzionisti, aumentati sulla piattaforma digitale del 40% rispetto al 2014 (secondo eMarketer, quest’anno YouTube raccoglierà dalla pubblicità circa 9,5 miliardi di dollari).

Red, che sarà attivo al momento solo sul mercato americano a partire dal 28 ottobre, va così ad aggiungersi ai colossi Spotify e Netflix che proprio oggi apre i battenti in Italia.

Oltre all’assenza di advertising, la novità più importante di YouTube Red riguarda l’esclusività di nuovi programmi e contenuti video riservati ai soli abbonati, tra i quali è già stato annunciato Scare PewDiePie, un reality col famosissimo YouTuber e gamer PewDiePie. Gli abbonati avranno poi completo accesso a YouTube Music, con la possibilità di creare playlist e attraverso l’app per smartphone e tablet potranno scaricare i video per vederli offline.

Come i vertici di Youtube hanno ammesso, è comunque probabile che Red verrà utilizzato per alcuni mesi da un numero molto ridotto di utenti, mentre la maggior parte continuerà a optare per la visione classica e gratuita, ma ciò potrà consentire di testare la piattaforma e calibrare meglio l’offerta dei contenuti extra.

Inserisci un commento