11 novembre 2016

Riportate in vita i morti con la candela Re-Agent ufficiale di Re-Animator

La creazione di Aaron Crawford fa parte di una serie dedicata all’iconico film di Stuart Gordon del 1985

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
11 novembre 2016
candela-reanimator

Amanti dei ninnoli d’arredamento horror? Bene, da oggi c’è un nuovo oggetto del desiderio in uscita che fa al caso vostro: la candela “Re-Agent” con licenza ufficiale infusa dell’iconico siero verde direttamente dalla siringa del Dottor Herbert West (Jeffrey Combs) alle mensole della vostra magione!

Una delle “armi” più rappresentative della storia del cinema del terrore, tale fluido è rimasto impresso nelle menti di tutti gli amanti del genere dopo essere comparso in Re-Animator (1985) di Stuart Gordon nelle mani del singolare scienziato, che mirava a riportare in vita i morti, progetto che però purtroppo per lui non è evoluto come previsto… O quantomeno i risorti si sono rivelati nella pellicola molto più sanguinari di quanto sperato!

La candela “Re-Agent” fatta del pericolosissimo siero è stata ideata da Aaron Crawford, artista della Cavity Colors, ed è stata inserita nella prima ondata della sua collezione con licenza ufficiale Re-Animator. La creazione pesa circa 350 grammi ed è fatta al 100% di cera di soia verde intenso, che si scurisce pur mantenendo sempre la colorazione verdastra una volta accesa, ma quando si rapprende assume un color carne. Che trip!

La prima edizione è limitata a soli 300 pezzi, che hanno un profumo agli agrumi e sono in vendita da ieri, 10 novembre, insieme alla collezione completa Re-Animator, costituita da felpe, magliette e altre cosucce ispirate al film.

Qui sotto potete farvi un’idea precisa (cliccate per ingrandire):

re-animator-series

Articolo
Titolo
Riportate in vita i morti con la candela Re-Agent ufficiale di Re-Animator
Descrizione
La creazione di Aaron Crawford fa parte di una serie dedicata all'iconico film di Stuart Gordon del 1985
Autore
Nome del publisher
Il Cineocchio
Logo del publisher

Articoli correlati

Inserisci un commento