27 agosto 2016

8 cose da sapere sulla stagione 2 di Narcos

Wagner Moura torna a vestire i pesanti panni del re della droga Pablo Escobar nei nuovi 10 episodi della serie di Netflix. Siete pronti a dargli la caccia?

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
27 agosto 2016
NARCOS 2-0

   

Wagner Moura potrà aver pur ricevuto una nomination ai Golden Globe per la sua interpretazione del signore della droga colombiano Pablo Escobar nella serie Narcos di Netflix, ma coloro che sono coinvolti nello show dicono che non è lui la vera star.

“La serie non parla di Pablo Escobar,” ha dichiarato il produttore esecutivo José Padilha. “A quanto pare Pablo Escobar è l’uomo che ha creato un business di massa per il commercio della cocaina. In mancanza di una parola migliore, è il padre fondatore di questo business. Ma la serie parla della cocaina“.

I 10 episodi della seconda stagione, che debutterà il 2 settembre, continueranno a seguire Escobar mentre rischia tutto per proteggere la sua famiglia. Ma, come chi conosce la storia sa bene, il suo tempo sta per scadere. Ecco le 8 cose da sapere, svelate da Moura, Padilha e il produttore esecutivo Eric Newman:

narcos 2 locandina1 Dite addio a Pablo

Quelli che sono a corto di lezioni di storia non dovrebbe affezionarsi troppo al personaggio di Moura. “Questa è sicuramente l’ultima stagione per me“, ha dichiarato l’attore. “La prima stagione si estende lungo 15 anni di traffico di droga, e la seconda è meno epica. Copre 18 mesi, quindi è più concentrata sul personaggio e su Pablo in fuga. Vedremo come i personaggi – non solo Pablo, ma anche gli agenti della DEA [che gli danno la caccia]  – entreranno in un inferno morale ed emotivo come mai prima si è visto. Quindi è più incentrata sui personaggi. ”

2 Non mancano i signori della droga su cui concentrarsi

“Il fatto [è] che possiamo prendere una prospettiva ampia e parlare di tutti questi diversi signori della droga”, ha detto Padilha. “Abbiamo visto Pablo nelle prime due stagioni e vedremo diversi altri signori della droga in seguito. Ci permette di dare una visione critica attraverso tutte le politiche contro la droga messe in atto in America e negli altri paesi, che sono di combattere i fornitori, ma non fare nulla riguardo alla domanda … E’ una storia che si ripete.”

3 El Chapo non è un grosso problema come pensa Sean Penn

“El Chapo è un pezzo molto piccolo di fianco a Pablo”, ha detto Padilha.

NARCOS 2 -64 Moura è consapevole che gli spettatori non sono rimasti convinti dal suo accento colombiano nella prima stagione

“Quando ho iniziato, credo che [le critiche] fossero giuste,” ha dichiarato. “Ho dovuto imparare lo spagnolo perché sono brasiliano. Ma tutti gli attori dello show provengono dal Messico o dal Cile o dall’Argentina o dalla Spagna. Nessuno di noi in realtà ha un vero e proprio accento colombiano. Naturalmente, sono il protagonista , quindi la maggior parte delle critiche è stata fatta a me.”

5 La seconda stagione è ancora una volta focalizzata sui personaggi

“Questa è una stagione in cui stiamo per iniziare a vedere la caduta di questi ragazzi”, ha proseguito Moura. “Io non sapevo come Pablo avrebbe reagito alla perdita di potere e alla perdita di denaro e alla sua famiglia in pericolo, inseguito invece che inseguire le persone … Molte volte non sapevo cosa Pablo avrebbe fatto, così ho dovuto mettermi nei suoi panni e [provare a capire] che cosa avrei fatto se fossi stato Pablo. Vedremo un Pablo Escobar molto vulnerabile.” L’attore ha poi aggiunto che Escobar era un “guerriero”, che “non ha mai mollato” e aveva il sogno per la sua famiglia di essere accettati nella società colombiana e forse anche di diventare presidente del suo paese. “Pablo era molto consapevole e molto lucido. Aveva i piedi per terra e sapeva cosa stava succedendo. La negazione, ad un certo punto avrebbe potuto anche pensarci, ma alla fine sapeva che cosa gli sarebbe accaduto ed è questo che lo rende tragico.”

NARCOS 2 -26 I dettagli sulle stagioni future sono ancora in fase di sviluppo

“Non siamo davvero liberi di dire quali sono piani per il futuro”, ha detto Newman. “Abbiamo una battuta che dice che abbiamo intenzione di fermarci quando si fermerà la cocaina. C’è una ragione per la quale chiamiamo lo show Narcos e non Pablo Escobar. Ci sono altri spacciatori e ci sono alleanze che si formano contro Pablo e ci sono una moltitudine di storie che possiamo affrontare. ” Moura ha aggiunto che molto si riduce a politiche di governo e si chiede se “questa guerra alla droga è davvero di aiuto? Quante persone muoiono di overdose? Dobbiamo cominciare a misurare queste cose.”

7 Il Messico è cruciale per questa storia

“Il ruolo del Messico è molto importante per questa storia perché il Messico è vicino agli Stati Uniti”, ha sottolineato Padilha. “La storia di Pablo Escobar ha insegnato agli spacciatori [colombiani] che se si combatte l’America, non puoi vincere. L’America ha più armi, più soldi e più potere. A un certo punto, i colombiani hanno detto ‘perchè invece di trasportare da qui a Miami o da qui a Los Angeles, cerchiamo di spedire la merce in Messico e lasciamo che siano i messicani ad affrontare il problema di come fa arrivar la cocaina in America‘. E cosa succede sul lato della violenza? Ci si sposta in Messico. ”

NARCOS 2 -18 Il punto di vista della legge sarà comunque coperto

“Penso che la rappresentazione delle forze dell’ordine nelle stagioni uno e due sia alla pari con quella di Pablo e cerchiamo di dare uguale spazio a entrambi”, ha detto Newman. “Non pensiamo che ci siano buoni e cattivi nella guerra alla droga. Ci sono tipi cattivi e tipi molto cattivi.” Ha poi aggiunto che, mentre si sforzano di essere equilibrati, “tutti noi crediamo che la guerra alla droga sia condotta in modo non corretto e che continuerà ad esserlo fintanto che l’America – come siamo inclini a fare – punterà il ​​dito contro un luogo lontano dicendo che questo è il problema. Il punto non è che siamo il più grande mercato per la cocaina in tutto il mondo, il punto è che c’è una coppia di ragazzi colombiani che ci stanno inviando tutta questa cocaina che noi non vogliamo. Il punto di vista dell’applicazione della legge sarà sempre interessante perché, come si vedrà nella seconda stagione, dopo Escobar, l’uso di cocaina è salito. Entra molta più cocaina nel paese ora e continua a crescere ogni anno, indipendentemente da chi viene ucciso e da chi si trova in carcere. ”

Vi lasciamo con il trailer della stagione 2 di Narcos:

Articoli correlati

Inserisci un commento