The Movie Db/10
The Movie Db/10
9 dicembre 2016

Rogue One: 15 cose da sapere su Galen, Lyra e Jyn Erso e sugli antefatti dello spin-off di Star Wars

Tutto quello dovete conoscere sulla famiglia composta da Felicity Jones, Mads Mikkelsen e Valena Kane al centro del film diretto da Gareth Edwards

9 dicembre 2016

Sebbene non celebre (ancora) come la dinastia degli Skywalker, quest’anno sarà la famiglia Erso al centro del nuovo spin-off di Guerre Stellari diretto da Gareth Edwards, Rogue One: A Star Wars Story (la nostra recensione). In primo luogo Jyn Erso (Felicity Jones) è la protagonista del film, leader di un eterogeneo gruppo di mercenari coinvolti in una pericolosa missione tesa a rubare i piani della Morte Nera. Suo padre, Galen Erso (Mads Mikkelsen), è certo legato alla storia narrata, in quanto colui che ha contribuito a sviluppare la futura super-arma dell’Impero, mentre la madre, Lyra (Valene Kane), comparirà in un flashback all’inizio. La storia della famiglia e di due suoi componenti precede e gioca un ruolo essenziale nello sviluppo degli eventi, da cui poi a sua volta partiranno le avventure di Luke e dei protagonisti dell’Episodio IV. Non solo, la vita degli Erso si concatena alle vicende presentate nella seconda trilogia di Star Wars, a partire dalla fine delle Guerre dei Cloni fino alla prima grande vittoria della ribellione contro l’Impero a Yavin.

Per giungere preparati al meglio alla visione di Rogue One, eccovi dunque le 15 da sapere sulla famiglia Erso:

catalyst-a-rogue-one-novel1) La gran parte delle vicende sul padre e sulla madre di Jyn sono narrate nel romanzo Catalyst: A Rogue One Novel di James Luceno e anticipate brevemente nei moltissimi trailer di Rogue One diffusi.

2) Galen non ha mai voluto unirsi all’Impero: nel suddetto libro è descritto il progressivo cadere del personaggio nelle grinfie dell’Impero, che è tutt’altro che immediato e conseguito anzi con l’inganno. All’inizio infatti, l’uomo è orgoglioso di non stare dalla parte di nessuno, ma al contrario in bilico tra due fuochi, tra La Repubblica e i Separatisti, rifiutandosi di prendere una posizione. Quando il suo capo afferma: “La scienza non si schiera, non è così?”, lui si mostra completamente d’accordo. Orson Krennic (Ben Mendelsohn) lo definisce un obbiettore di coscienza, che non si è certo unito volontariamente alla sua causa.

3) Lo scienziato è un amico d’infanzia di quest’ultimo. Galen è cresciuto sul pianeta Grange, nato in una famiglia povera che ha però sempre sostenuto i suoi interessi scientifici. Grazie al suo ingresso nel programma Futures è poi riuscito a trovare i fondi per lasciare i lidi natali e arrivare su Coruscant. Tuttavia, era troppo timido per avere successo nell’alta società della sua nuova patria, ma ha incontrato Krennic, che lo ha aiutato a integrarsi.

4) La sua specializzazione nello studio di cristalli Kyber (i rari cristalli in sintonia con la Forza) ha attirato gli interessi dei fautori dell’ascesa dell’Impero che miravano a sviluppare la Morte Nera. E’ difatti uno dei pochi scienziati a dominare tale materia, dopo essersi laureato al Futures Program su Brentaal, in cui ha studiato i cristalli per 10 anni, concentrandosi proprio su quelli Kyber, affascinato dalle loro reazioni, uniche nel loro genere, a contatto con gli esseri viventi.

galen-erso5) L’obiettivo della ricerca era in realtà trovare un modo per creare energia pulita. Galen non aveva nessuna intenzione di ideare un’arma dal potere letale tanto incredibile, ma successivamente le sue scoperte sono state purtroppo prestate a fini tutt’altro che nobili.

6) Completamente coinvolto nel proprio lavoro, Galen non ha prestato attenzione a ciò che stava succedendo intorno a lui, dedicandosi completamente alle teorie e alle equazioni che riempivano i suoi pensieri. Perfino in carcere, scrivendo una lettera alla moglie Lyra, l’aveva decorata con equazioni e diagrammi.

7) Galen è stato coinvolto nei piani dell’Impero da Krennic. Lui e l’amico di gioventù facevano parte di una ristretta cerchia durante gli ultimi giorni di vita della Repubblica e insieme a Reeve Demesne di Mirialan è stato poi reso partecipe con l’inganno nelle macchinazioni dell’Impero.

orson-krennic-rogue-one8) Galen era persuaso, al contrario di ciò che avvenne in realtà, che il suo “Energy Project” avrebbe portato la pace nella galassia. L’amico passato al Lato Oscuro, manipolandolo, gli fece credere che ciò che stava facendo avrebbe fatto la differenza. Convincendolo che i rivoluzionari fossero il vero il nemico e che i propri progetti energetici avrebbero concorso a portare una nuova armonia duratura. Krennic pensava che così Galen si sarebbe unito alla sua causa, e aveva ragione. Il senso di colpa e il buon cuore di quest’ultimo lo hanno anche spinto a portare a termine il progetto di un super-laser, chiamato con l’evocativo nome in codice di Project Celestial Power (quello che abbiamo visto distruggere interi pianeti in Una nuova speranza).

9) Anche Lyra Erso si è mantenuta politicamente neutrale. Infatti, per lei “I governi di qualsiasi bandiera avrebbero avuto i loro seguaci convinti di rimuovere il caos dalla galassia… Quando invece solo la Forza è perfetta”. Inoltre, sebbene non fosse una Jedi lei stessa, si esercitava presso i giardini del Tempio ed era fermamente persuasa che la Forza e la natura fossero due parti di un unico cosmo.

10) Galen e Lyra si incontrano su Espinar. Le vite di ambedue erano state fino a quel momento alquanto noiose, quando si imbatterono uno nell’altra durante una spedizione che la donna guidava per conoscere a fondo quel pianeta. Lo scienziato da parte sua vi si era recato per studiare i cristalli e lei era stata scelta per condurli in un tour di 6 mesi in un complesso di grotte. Proprio in questo periodo i due si innamorarono.

jyn-erso-child11) Lyra era alquanto sospettosa rispetto alle ricerche portate avanti da Galen. Se l’uomo infatti si concentrava solo sulle sue scoperte, perdendo di vista il resto, la donna invece era libera di dare un’occhiata in giro, avendo il sentore dei cambiamenti in corso nella Repubblica e in Galen stesso. Ne conseguì l’ovvio tentativo da parte dei sostenitori del futuro Impero, Krennic in primis, di mettere i due l’uno contro l’altra. Tuttavia il piano non andò come sperato. Lyra si rivolse a un vecchio amico, Nari Sable, e insieme a lui si recò a ovest per scoprire gli oscuri disegni dell’Impero.

12) Jyn nacque a Valltt durante la Guerra dei Cloni. Cresciuta nel momento di passaggio tra Repubblica e Impero, la ragazza, sin dall’infanzia, ha vissuto in una costante situazione di tensioni, e anzi, è addirittura nata il primo giorno di primavera del pianeta, circondata dagli abitanti del luogo che avevano apparentemente fatto prigionieri i suoi genitori durante un teso conflitto con i Separatisti.

13) La giovane comparava Galen all’eroe di una fiaba. Da ragazzina la sua storia preferita era quella intitolata “L’Ottava Scala” (The Octave Stairway), in cui un personaggio di nome Brin andava in missione lungo una tortuosa scala in un castello; prima assimilando il padre al protagonista della stessa, Jyn qualche anno dopo comincia a ritenerla anche espressione allegorica dei suoi sentimenti verso l’ascesa dell’Impero.

saw-gerrera-rogue-one14) I suoi genitori si rifugiarono su Lah’Mu, il pianeta verde visto nei trailer. Alla fine di Catalyst, la famiglia Erso si è tranquillamente acclimatata sul pianeta, pur sapendo che le turbolenze nella galassia erano solo all’inizio. Questo è il mondo in cui Jyn è cresciuta e che ha lasciato prima di iniziare le sue avventure, che troviamo descritte in Rogue One.

15) Jyn conosce Saw Gerrera (Forest Whitaker) da molto tempo. Il personaggio, già apparso nella serie animata The Clone Wars, sarebbe infatti venuto a contatto con la ragazza molto prima di quanto i trailer del film possano averci fatto intuire. L’uomo, unitosi alla squadra di contrabbandieri di Has Obitt, sollecita i compagni a sfidare l’Impero. Sempre lui è responsabile della fuga degli Erso da Coruscant, lontano dalle grinfie dell’Impero, conducendoli su Lah’Mu. Nonostante le preghiere della piccola Jyn, Gerrera deve lasciare i due amici, ma dà a Lyra una carta che le permetterà di chiamarlo in caso di bisogno di aiuto. In ultimo, forma su Onderon un gruppo dei ribelli con il compito di combattere l’Impero.

Di seguito uno dei trailer di Rogue One: A Star Wars Story, nei nostri cinema dal 15 dicembre:

CAST

Articoli correlati

Inserisci un commento