26 gennaio 2016

Animals: la nuova commedia animata della HBO appare deliziosamente squilibrata

La serie creata da Phil Matarese e Mike Luciano scaverà nelle fobie e nelle paranoie degli animali che popolano New York

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
26 gennaio 2016
animals

In un certo senso, l’imminente serie comica Animals della HBO sembra una risposta a suon di sketch divertenti a BoJack Horseman di Netflix. Ci sono animali parlanti, molto cinismo e un cast di famosi doppiatori tanto per cominciare. Anche se la HBO sottolinea che lo show proviene dai prolifici fratelli Duplass (Jay è conosciuto per Transparent, Mark per The Legua, mentre insieme hanno lavorato a Togetherness), i due compariranno solo in veste di produttori esecutivi. In ogni caso, considerando i successi degli altri progetti, ci si può tranquillamente fidare del loro giudizio su quest’ultimo.

animalsAnimals è stato in realtà ideato da Phil Matarese e Mike Luciano, due creativi della pubblicità di New York che fanno uso di quella particolare sensibilità per dare un tono molto distintivo alla serie. Lo show, basato su una serie di cortometraggi creata dalla coppia diversi anni fa (e animata dalla Starburns, che ha animato anche Rick e Morty), ha debuttato al Sundance lo scorso anno. HBO si era mostrata grande fan della comedy dal primo momento, tanto da commissionarne subito due stagioni.

Nel nuovo trailer ci sono un paio di scene a carattere domestico con piccioni e cavalli che si lamentano, che suoneranno familiari a chi ha già avuto modo di vedere i corti, ma appaiono anche scene più ‘spinte’ con un piccione che viene assassinato, un topo suicida e altro ancora:

Animals debutterà il 5 febbraio su HBO, e potrà contare su un cast di voci che comprende Mark Duplass, Aziz Ansari, Nick Kroll, Katie Aselton, Rob Corddry, Ellie Kemper, Mark Maron, Ike Barinholtz, Jason Mantzoukas, Nathan Fielder, Paul Scheer, Matt Walsh, Chelsea Peretti, Zach Woods e Adam Scott.

Questa la trama ufficiale:

Animals si concentra sulle povere creature oppresse nate nell’ambiente meno ospitale del pianeta Terra: New York City. Che si tratti di topi infelici, piccioni dalla non chiara identità sessuale o cimici in crisi di mezza età, i dolori esistenziali degli abitanti non umani delle città si rivelano sorprendentemente simili ai nostri.

Inserisci un commento