8 gennaio 2016

Damon Lindelof chiede a Netflix di ripristinare i minuti mancanti dal finale di Lost

Lo showrunner della serie si è detto ‘totalmente frastornato’ dalla decisione del colosso dello streaming

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
8 gennaio 2016
lost finale

Sei anni dopo la sua conclusione, Lost ha deciso di regalare ai fan un mistero tutto nuovo.

Alcuni spettatori molto attenti hanno infatti notato che il doppio episodio conclusivo della serie presente su Netflix è di ben 18 minuti più corto rispetto alla versione da 104 minuti andata in onda nel 2010, con numerosi piccoli tagli sparsi qua e là. Quindi, se avete intenzione di guardare il finale di Lost su Netflix, sappiate che non lo vedrete così come pensato originalmente.

Il co-creatore di Lost Damon Lindelof ha detto di non essere stato a conoscenza di questa ‘manomissione’ fino a quando EW non glielo ha fatto notare. Ovviamente si è detto non contento e vuole che i minuti misteriosamente scomparsi vengano ripristinati.

lost castQueste le parole dello showrunner: “Sono totalmente frastornato da tutto questo. Lo si ami o lo si odi, il finale che è andato in onda è il finale definitivo e modificarlo in qualsiasi modo ne altera la spiegazione. Qualcosa mi dice che tutto questo non è colpa di Netflix… ma si tratti di un errore in buona fede e qualcosa non ha funzionato nelle comunicazioni – Mi sembra di ricordare che ABC dovette fare delle modifiche per una nuova messa in onda che ne provocò l’accorciamento (a 42 minuti per prevedere gli annunci pubblicitari), e in qualche modo, questa [versione] è stata erroneamente inviata a Netflix. A volte è capitato con i nostri finali – chiediamo minuti extra e ABC acconsente a mandarli in onda così, ma poi dobbiamo fare un’altra versione più corta per le messe in onda successive e/o per i mercati internazionali. Di solito lasciamo questi (dolorosi) tagli alla discrezione dei nostri montatori… ma per quanto riguarda i DVD o Netflix, non vi sono motivi per avere la versione più corta.”

Ad infittire il mistero però, alcuni spettatori di Netflix insistono nel dire di aver visto in precedenza una versione del finale (dal titolo “The End”) dove tutte le riprese erano invece presenti… così ad un certo punto la matrice di Netflix potrebbe essere cambiata.

Lindelof ha aggiunto: “Non ho intenzione di ‘cambiare’ o di editare Versioni Speciali del finale… continueremo a tenerci quello, ma questa è una correzione che deve esser fatta, così che la gente possa amarlo o odiarlo nella sua interezza. Inoltre, Deckard è un replicante.”

Lo sceneggiatore-produttore, la cui serie The Leftovers ha recentemente ricevuto l’ordine per una terza e ultima stagione, ha firmato il suo messaggio aggiungendo gli hashtag: #WhatHappenedHappened e #RestoreTheLostFinale.

Ci è stato detto che la politica di Netflix è di diffondere solo i montaggi che riceve dai titolari dei diritti, ma stanno comunque approfondendo la questione. Anche gli ABC Studios, stanno cercando di capirci qualcosa in più.

Articoli correlati

Inserisci un commento