17 ottobre 2015

Defiance chiude i battenti dopo 3 stagioni

Il dramma sci-fi è stata il primo esperimento di lancio contemporaneo di una serie TV e un videogioco, rappresentando una scommessa da 100 milioni di dollari per la NBCUniversal

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
17 ottobre 2015
defiance

Un’altra serie di fantascienza giunge al capolinea.

Lo show interpretato da Grant Bowler e Julie Benz e prodotto dalla Universal Cable Productions è stato infatti chiuso al termine della terza stagione, a causa dei bassi ascolti (1.12 milioni di spettatori di media per l’ultimo ciclo di episodi), ben lontani dai fasti dell’esordio (è stato il secondo pilot più visto della storia di SyFy).

Nel 2013, Syfy e NBCUniversal avevano scommesso ben 100 milioni di dollari su Defiance, lanciando contemporaneamente la serie TV e il videogioco. Un esperimento senza precedenti, che ha dato vita allo show più costoso nella storia della rete via cavo insieme ad un multiplayer online di uguale peso monetario, che richiedevano un grande impiego di tempo da parte dei telespettatori/giocatori.

“Defiance è stata una serie veramente innovativa, che ha offerto qualcosa di molto coinvolgente, un’esperienza multi-piattaforma trascendente lo schermo della televisione in un modo che gli spettatori non avevano mai visto prima”, si legge in una dichiarazione della rete. “Siamo incredibilmente orgogliosi di cast, scrittori, artisti e designer – e soprattutto dello showrunner Kevin Murphy – che insieme hanno dato vita al ricco mondo di Defiance attraverso questo arco narrativo di tre stagioni”.

La decisione di tagliare Defiance – trasmessa in Italia da AXN Sci-Fi – è arrivata dopo i recenti ordini dall’alto di rivedere i budget (anche Dominion è stata infatti da poco cancellata dopo due stagioni).

“Ho avuto modo di collaborare con un gruppo splendido di artisti che lavorano a grandissimi livelli e insieme abbiamo costruito un mondo e per questo motivo nel mio cuore c’è spazio solo per la gioia”, ha dichiarato lo showrunner.

Articoli correlati

Inserisci un commento