30 ottobre 2015

La sesta stagione del Trono di Spade potrebbe slittare di qualche settimana

I nuovi show della HBO stanno causando un ‘effetto domino’ sulla programmazione

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
30 ottobre 2015
game-of-thrones

Ieri la HBO ha annunciato le date delle sue premiere di febbraio, ovvero il drama incentrato su un’etichetta discografica degli anni 70 di Martin Scorsese Vynil e le commedie Girls e Togheterness. Il primo andrà in onda il 14 con un episodio di due ore, le seconde la settimana seguente.

Cos’hanno a che fare queste serie con Il Trono di Spade? Molto probabilmente quasi tutto. Si tratta infatti  dell’effetto domino della programmazione TV.

La HBO di solito manda in onda le sue serie originali per un massimo di due ore durante una certa serata della settimana (la domenica), e Il trono di spade di solito ricomincia dopo che gli ultimi show invernali della Rete si sono conclusi, di solito a fine marzo o a inizio aprile (l’anno scorso è ripartito il 6 aprile). Ma stavolta non è stata ancora annunciata nessuna data, anche perchè le nuove serie avranno almeno 10 episodi ciascuna e quindi sarebbe impossibile ricominciare ad aprile, anche qualora tutti e tre gli show venissero trasmessi ininterrottamente per 10 settimane consecutive (cosa non scontata).

Quindi stiamo parlando di fine aprile, ad essere ottimisti. In teoria, la sesta stagione potrebbe arrivare il 17 aprile, se venisse trasmessa per due settimane in contemporanea con le commedie invernali, ma solo se la HBO decidesse di non trasmettere più Il trono di spade assieme a Silicon Valley e Veep come invece accaduto negli due anni. Sembra più probabile però che il Network voglia mandare in onda le sue serie drammatiche e comiche tutte insieme con l’inizio della primavera e ricorrere ad una promozione incrociata come al solito.

Una messa in onda posticipata avrebbe ovviamente anche l’effetto di spostare il finale di stagione più in là nell’estate. Per capire cosa sia successo a Castle Black dovremo dunque apettare.

 

 

Articoli correlati

Inserisci un commento