11 aprile 2017

Lindelof e Cuse: “Nel finale di Lost doveva esserci un vulcano che avrebbe spiegato molte cose”

I due sceneggiatori della serie hanno rivelato un’idea che avrebbe potuto aiutare gli spettatori a capire meglio le dinamiche dell’Isola

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
11 aprile 2017
lost serie piede

Il finale di Lost è stato molto vicino all’essere molto più incredibile di quello che il pubblico ha visto in TV nel lontano 2010. A un certo punto si era pensato di aggiungere un elemento naturale che avrebbe cambiato significativamente le cose: un vulcano.

lost-season-1-posterI produttori esecutivi della serie Damon Lindelof e Carlton Cuse hanno raccontato l’aneddoto in una recente intervista. In sintesi (ma vi consigliamo di andare a leggere l’intervista completa), i due volevano qualcosa che potesse identificare a livello visivo l’idea che l’Isola fosse una sorta di tappo su una bottiglia ricolma di malvagità e dannazione. Il simbolo avrebbe dovuto essere appunto un vulcano, e sarebbe stato mostrato nel terzultimo episodio della sesta e conclusiva stagione (ep. 15 ‘Across The Sea‘). Mentre si sarebbero scoperti i retroscena della vicenda di Jacob e dell’Uomo in Nero, il primo sarebbe stato sul punto di gettare la nemsi dentro al vulcano incandescente, trasformandolo nel mostro di fumo che abbiamo imparato a conoscere fin dalla prima stagione.

Poi, nel season finale, Locke e Jack si sarebbero ritrovati a combattere sul vulcano mentre questo era sul punto di eruttare – una specie di orologio naturale per l’Apocalisse, con tremori, lava, e – alla fine – il Bene che trionfa sul Male. In realtà, il vulcano compare davvero in un episodio della terza stagione, durante una lezione della Dharma Initiative. Tuttavia, non è mai stato ripreso in seguito, finendo per disorientare un po’ gli spettatori che avevano cominciato a elucubrarci sopra.

Il motivo è semplice: i soldi. I produttori e i dirigenti della ABC si resero conto che tutti gli effetti speciali del vulcano e le riprese di una cosa del genere sarebbero stati troppo costosi da gestire, soprattutto considerando che un altro set progettato per finale di stagione, il Tempio, avrebbe finito per essere più dispendioso del previsto. Così l’interpretazione molto letterale che l’Isola fosse il Male venne tagliata e le cose lasciate un (bel) po’ più ambigue. Stessa conclusione, con Jack vs. Locke a combattere in una zona rocciosa, ma senza alcun simbolico vulcano.

Articolo
Titolo
Lindelof e Cuse: "Nel finale di Lost doveva esserci un vulcano che avrebbe spiegato molte cose"
Descrizione
I due sceneggiatori della serie hanno rivelato un'idea che avrebbe potuto aiutare gli spettatori a capire meglio le dinamiche dell'Isola
Autore
Nome del publisher
Il Cineocchio
Logo del publisher

Articoli correlati

Inserisci un commento