16 dicembre 2015

Lucy Fry prepara la vendetta nel teaser trailer della miniserie horror Wolf Creek

L’autore Greg McLean ha parlato dell’adattamento televisivo del suo fortunato slasher del 2005

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
16 dicembre 2015
WOLF-CREEK-series-b

Era il 2005 quando Wolf Creek, uno degli slasher australiani di maggior successo, uscì in sala. Sono passati dieci anni da allora, e nel frattempo è arrivato anche un più che decoroso sequel, ma ora è il momento di un nuovo adattamento televisivo.

WOLF-CREEK-series-cIl sadico Mick Taylor tornerà infatti in una miniserie per il piccolo schermo, di cui l’emittente televisiva Stan ha diffuso oggi le prime immagini e il teaser trailerin cui assistiamo ai preparativi di Eve Thorogood (Lucy Fry), che affila i coltelli per compiere la sua vendetta.

A dirigere i lavori saranno il regista e sceneggiatore del primo film, Greg McLean, e il suo protagonista, John Jarratt.

Secondo il modello della saga, l’adattamento televisivo, diviso in 6 puntate, sarà un thriller psicologico che riprenderà caratteri familiari e allo stesso tempo sarà però innovativo: inizialmente verrà utilizzato lo schema narrativo precedente, con il cacciatore Mick Taylor che terrorizzerà e torturerà una famiglia di turisti americani. Seguirà tuttavia una paradossale inversione di rotta, con la diciannovenne Eve che, sopravvissuta al massacro, andrà in cerca di vendetta.

“Avere un punto di vista femminile è davvero interessante perché in sostanza proietta completamente lo slasher nella sua testa, perché in fondo non si tratta di questo,” ha detto McLean al Sidney Morning Herald. “In realtà per lei è più l’esplorare un personaggio e cercare di capire le sue motivazioni – ed è molto più focalizzato sul personaggio come crudo pezzo della narrazione.”

Dall’altra parte Taylor non si arrenderà però facilmente alla ragazza e, come spiega di lui sempre il regista:

WOLF-CREEK-series-a“Penso che sia un personaggio affascinante – in fondo siamo attratti dalle persone malvagie e cattive“, aggiungendo poi: “ha a che fare con crimini reali e il fascino che questo tipo di narrazione sortisce nella gente; perfino una detective story, in ultima analisi, dimostra solo il fatto che le persone sono semplicemente affascinate dagli altri e soprattutto dalle loro motivazioni.”

Secondo il regista dunque, sono centrali le origini della violenza, sia essa indiscriminata o meno: “Quando le persone raggiungono quel livello di malvagità ci attrae perché cerchiamo di capire come e perché. Quando sentiamo di queste azioni che vengono compiute in tutto il mondo, cerchiamo di capirle. Che cosa li ha spinti a farlo? Che cosa gli è successo per renderli capaci di tale crudeltà e violenza?” Ed infine: “C’è un fascino intrinseco in quel tipo di personalità?”

Nel cast troveremo anche Deborah Mailman (Offspring), Dustin Clare (Strike Back), Miranda Tapsell (Redfern Ora), Richard Cawthorne (Catching Milat), Jake Ryan (Wentworth) e Jessica Tovey (Wolf Creek).

La serie è sceneggiata da Peter Gawler e Felicity Packard e sarà diretta da Tony Tilse e Greg McLean. Alla produzione troveremo Peter Gawler ed Elisa Argenzio. Le riprese si sono svolte tra i suggestivi paesaggi dell’Outback, nell’Australia del Sud.

Articoli correlati

Inserisci un commento