5 gennaio 2016

Netflix si prende Voltron e Trollhunters di Guillermo del Toro

Le due serie rientrano in un accordo con la DreamWorks Animation

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
5 gennaio 2016
Trollhunters del toro

Netflix e DreamWorks Animation hanno esteso il loro accordo sui diritti cinematografici e televisivi, con l’aggiunta di un numero di serie originali e una library dei lungometraggio dello studio in un patto che porterà i contenuti dei DWA in tutti i mercati al di fuori della Cina.

A partire da quest’anno, Netflix lancerà diverse nuove serie prodotte dai DWA, tra cui una rivisitazione della serie Voltron e Trollhunters, ideata del regista Guillermo del Toro. Lo studio ha dichiarato che la seconda “scatenerà un nuovo, fantastico mondo sviluppato intorno a due grandi amici che fanno una scoperta sorprendente nelle viscere della loro città natale.”

VoltronL’accordo tra Netflix e i DWA estende i diritti delle attuali serie originali in onda sul gigante dello streaming. Espande inoltre l’accordo per includere i diritti della seconda finestra di distribuzione per le serie in tutto il mondo, esclusa la Cina. Tra le serie comprese nel prezzo ci sono The Adventures of Puss in Boots, Dinotrux e Dragons: Race to the Edge.

Altri nuovi show saranno sviluppati e prodotti dalla DreamWorks sulla base di suoi lungometraggi recenti e prossimi, insieme ad altri presi dal suo catalogo.

“DreamWorks Animation è sinonimo di grande narrazione, apprezzata dalle famiglie di tutto il mondo”, ha detto Cindy Holland, Netflix’s VP of origin series. “E’ con grande piacere che allarghiamo un rapporto già di successo con la DreamWorks Animation per incrementare il numero di bambini e famiglie tra i i membri di Netflix a livello globale.”

Ann Daly, presidente di DreamWorks, ha dichiarato: “Questo accordo si aggiunge alle cose incredibili che abbiamo costruito insieme a Netflix in un certo numero di anni, sia per il film che per la televisione.” La società ripone grande fiducia in Kung Fu Panda 3 – nelle nostre sale dal 17 marzo – contribuendo al risanamento finanziario in corso da qualche mese.

Articoli correlati

Inserisci un commento