8 gennaio 2016

Sean Bean spera di non morire anche in The Frankenstein Chronicles

L’attore, soprannominato ‘The Walking Spoiler’ per la fine che fanno sempre i suoi personaggi, scherza sul suo prossimo ruolo

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
8 gennaio 2016
frankenstein-chronicles sean

“Io non voglio darmi per vinto dicendo che morirò come mi succede sempre…” Questa l’affermazione di Sean Bean, in riferimento alla sua prossima partecipazione a The Frankenstein Chronicles. La serie è una sorta di rivisitazione del classico letterario di Mary Shelley ambientato nel diciannovesimo secolo a Londra, narrando però la celebre vicenda dal punto di vista di un investigatore che si imbatte nei terribili risultati degli esperimenti falliti del dottor Frankenstein.

sean-bean-frankenstein-chronicles 3In particolare Bean interpreta l’ispettore John Marlott, ossia colui che insegue lo scienziato pazzo che sta seminando parti di cadaveri per le vie della capitale inglese. Il protagonista, oltre al mostruoso scienziato, deve combattere anche con la sifilide, a causa della quale prende delle pillole di mercurio che tengono a bada il male, ma causano una distorta percezione della realtà. L’attore infatti spiega:

“Man mano che la storia progredisce, la sifilide si fa più grave e acuta. Così lui si trova a chiedersi se abbia davvero visto ciò che ha visto, o se stia invece solo sognando. Ha terribili incubi. Prende pillole al mercurio, che erano medicinali piuttosto invasivi allora, ma che sono gli unici in grado di tenere a bada il morbo. Sa che non vivrà a lungo.”

sean-bean-frankenstein-chronicles-1Quindi anche in questo caso il suo personaggio parrebbe non essere destinato a durare a lungo; la sua malattia però è in realtà storicamente verisimile, anzi, a quanto afferma il suo interprete: “Non era solo un espediente da inserire nella storia. Penso fosse altresì un morbo molto diffuso, di cui molti soffrivano, e lui cerca solamente di mantenere la lucidità tra il farmaco, la sifilide e questa scoperta terribile. È ancora un poliziotto piuttosto intuitivo e intelligente, ma in ultima analisi mette in discussione il proprio stato mentale, come facevano tutti gli altri.”

Certo è che The Frankenstein Chronicles è scaturito dalla passione del suo creatore Benjamin Ross (che ne ha diretto anche i 6 episodi) per la storia sociale del periodo in cui Mary Shelley scrisse il romanzo. La storia nasce infatti da una commistione di fantasia e reali condizioni ambientali del tempo; queste ultime non sono trascurate nella serie, ma vengono inserite in modo esaustivo attraverso la vicenda personale del detective.

Lo show sarà trasmesso in anteprima su A&E alla fine di quest’anno.

Di seguito la prima clip

Articoli correlati

Inserisci un commento