9 agosto 2017

Tom Welling su Smallville: “Vi spiego perchè non avete visto Superman. Convinsi la Warner a cambiare il series finale”

A sei anni dalla conclusione, il protagonista rivela alcuni dettagli dello show che tormentavano i fan

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
9 agosto 2017
tom welling smallville

Somebody saaaaaave me

Chi non ricorda la sigla di Smallville, serie televisiva che narrava l’adolescenza di Clark Kent andata in onda per 10 stagioni tra il 2001 e il 2011?

Intervistato di recente, il protagonista Tom Welling – che ha recentemente dichiarato che non parteciperà a Supergirl – è tornato a parlare dello show, in particolare del perchè non ha mai indossato l’iconico costume rosso e blu di Superman e della sua idea di cambiare il series finale:

smallville posterE’ stato qualcosa di cui abbiamo discusso ancora prima di girare il pilot con [i creatori] Al [Gough] e Miles [Millar]. Ci siamo letteralmente seduti a un tavolo e abbiamo parlato dello show e io chiesi del costume, della calzamaglia e del volo, e loro risposero, ‘No, assolutamente no’. Una parte della motivazione è che la serie parlava di un adolescente che cercava di capire chi fosse.

Ritenevano che una volta che Clark avesse indossato il mantello e il costume, la vita sarebbe diventata troppo facile in un certo senso. Volevano concentrarsi su chi fosse prima di diventare quel personaggio.

E la parola è stata mantenuta. La cosa più vicina a vedere il supereroe che tutti conosciamo è stato Welling che si apre la camicia rivelando il classico simbolo della S. L’attore ha continuato:

Succedevano cose nello show per cui non li abbiamo chiamato poteri, ma le abbiamo chiamate abilità – non era permesso dire ‘poteri’; non si poteva dire perché Clark non sapeva che fossero poteri, sapeva solo di possedere quelle abilità. Piccole cose che ci hanno tenuto coi piedi per terra e ci hanno permesso di confrontarci con la storia che stavamo raccontando di questo personaggio, non quello che poteva fare con queste abilità.

Welling ha proseguito rivelando che un finale alternativo avrebbe mostrato Superman in azione. Non gli piaceva però e ha lottato per cambiarlo, discutendone col capo della Warner Bros. TV:

Lex-Lana-Clark-smallvilleIl nostro season finale avrebbe dovuto prevedere, in un primo momento, Clark che indossa il costume e vola in giro, salva Lois su un aereo e fa altre cose. Ho fatto una telefonata a Peter Roth, che è il capo della Warner Bros. Television, che è un mio buon amico e con cui ho un ottimo rapporto. Ho detto: ‘Non è il nostro show, Peter’. Ma lui ha risposto: ‘No, sarà fantastico’. Allora ho proseguito: ‘Sì, ma pensa a quello che stiamo facendo. Se ci buttiamo in questa soluzione, non ce la saremo guadagnata’.

Probabilmente alcuni fan avrebbero preferito vedere Superman fare quello che sa fare meglio, ma forse Welling ha fatto bene a insistere, per restare fedeli alla serie:

Abbiamo optato per questa idea per il finale, ovvero l’idea che Clark diventasse Superman e che lui sarebbe stato là fuori, con noi che sappiamo che è là fuori ma non possiamo andare con lui, sapendo però che c’è e che ci sentiamo tranquilli sapendo che sta facendo del bene in giro. Questo è ciò che ci siamo sforzati di fare e credo che ci siamo riusciti. 

Mi è piaciuta la conclusione della serie, perché ti fa dire ‘Sì, lo ha fatto!’ Spero che il pubblico non sia rimasto deluso dal non aver visto qualcosa che invece avrebbe voluto. Penso che abbiamo guidato la loro immaginazione verso quello che sarebbe potuto accadere dopo.

Tutto sommato giusto così.

Di seguito la sigla nostalgia:

Articolo
Titolo
Tom Welling su Smallville:
Descrizione
A sei anni dalla conclusione, il protagonista rivela alcuni dettagli dello show che tormentavano i fan
Autore
Nome del publisher
Il Cineocchio
Logo del publisher

Inserisci un commento