30 luglio 2016

True Detective: la stagione 3 si può fare anche senza Nic Pizzolatto

HBO ha confermato che la serie non è morta dopo le critiche alla stagione 2 e che si sta ragionando sul suo futuro

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
30 luglio 2016
True-Detective poster

Esplosa nel 2014, True Detective della HBO ha guadagnato recensioni entusiastiche sia dagli spettatori che dai critici, raccogliendo svariate nomination agli Emmy lungo la strada. Naturalmente, questo ha portato ad aspettative molto alte da parte dei fan per la stagione 2 del 2015, caratterizzata da un nuovo cast e da una storia nuova, ma sempre sorvegliata creativamente (e scritta esclusivamente) dal creatore della serie e showrunner Nic Pizzolatto. Purtroppo, le risposte al secondo ciclo di episodi sono state ben diverse dalle precedenti, e la stagione 2 di True Detective è stata presto definita come una delle più grandi delusioni televisive dello scorso anno.

true detective 2Nei mesi successivi al flop della Season 2, la HBO è stata abbastanza vaga sul futuro della serie, anche se ha sempre insistito sul fatto che non sia ancora ufficialmente morta. Un segno in tal senso è arrivato lo scorso autunno, con la decisione della HBO di firmare un nuovo accordo globale con Pizzolatto, che difficilmente sarebbe stato negoziato se la rete avesse previsto di tagliare True Detective.

Parlando con i giornalisti oggi, Casey Bloys, capo della programmazione della HBO, ha risposto così a una domanda diretta sulle prospettive future di True Detective – o alla loro assenza:

Non è morta. Ne ho parlato con Nic e sia li che la HBO sono aperti a un’altra stagione. Non credo che Nic ne abbia una pronta e sta lavorando su alcuni altri progetti. Siamo aperti alla possibilità che qualcun altro si occupi della sceneggiatura e Nic la supervisioni. Si tratta di una serie di valore, non è morta, soltanto non abbiamo ancora niente in mente per una terza stagione.

La grande notizia qui – a parte che la HBO è ancora aperta a una nuova stagione di True Detective – è che se la serie prima o poi tornerà è probabile che lo faccia con Pizzolatto in un ruolo creativo molto meno rilevante rispetto a prima. Che cosa esattamente Bloys intenda con “supervisioni” è vago, in quanto se da un lato potrebbe semplicemente significare che Pizzolatto passerebbe dall’essere sceneggiatore e showrunner a soltanto quest’ultimo, dall’altro potrebbe anche insinuare che Pizzolatto potrebbe finire a rivestire un ruolo di consulente di alti profilo di qualche tipo.

Discorso a parte poi andrebbe fatto per il cast. Verrebbero richiamati Matthew McConaughey e Woody Harrelson per provare a ritrovare l’antica magia perduta o si proseguirà con personaggi nuovi? Ma è ancora molto presto per questi discorsi. Non ci resta che aspettare.

Articolo
Titolo
True Detective: la stagione 3 si può fare anche senza Nic Pizzolatto
Descrizione
HBO ha confermato che la serie non è morta dopo le critiche alla stagione 2 e che si sta ragionando sul suo futuro
Autore
Nome del publisher
Il Cineocchio
Logo del publisher

Articoli correlati

Inserisci un commento