Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » Gemini Man | La recensione del film di Ang Lee con Will Smith e Clive Owen

5/10 su 364 voti. Titolo originale: Gemini Man, uscita: 02-10-2019. Budget: $138,000,000. Regista: Ang Lee.

Gemini Man | La recensione del film di Ang Lee con Will Smith e Clive Owen

29/09/2019 recensione film di William Maga

Il regista cinese alza l'asticella del perfezionismo digitale girando un action sci-fi iperrealistico e immersivo, che abbaglia lo spettatore cercando di distoglierlo dalla pochezza della sceneggiatura

will smith gemini man film

Come da tempo ormai sappiamo, Will Smith è protagonista al fianco di se stesso (come recita anche il poster) in Gemini Man, film che segna una ‘deviazione’ non così scontata – almeno nella seconda parte di carriera – per Ang Lee, le cui ultime fatiche americane erano state I Segreti di Brokeback Mountain, Motel Woodstock e Vita di Pi. Seguendo le vicende di un tiratore scelto d’elite trascinato suo malgrado in una fuga / resa dei conti dal suo clone più giovane, questo avanguardistico lungometraggio girato in HFR 3D+ a 120 frame per secondo ha potuto contare sul contributo sia della Weta Digital di Peter Jackson che dell’esperienza del mago degli effetti speciali Douglas Trumbull (la nostra intervista esclusiva). Tuttavia, il risultato finale è in fin dei conti deludente, inferiore alla somma dei talenti messi sul tavolo, per colpa di una sceneggiatura debole – e poco originale – e di un concept ambizioso, ma esilissimo, tenuti semplicemente insieme per 2 ore dalla magia di una nuova tecnologia.

gemini man film poster will smith 2019Al progetto si era in realtà cominciato a pensare già sul finire degli anni ’90, quando Gemini Man nacque come proprietà della Disney, con il compianto Tony Scott inizialmente scelto per dirigerlo e numerose grandi star del calibro di Harrison Ford, Mel GibsonClint Eastwood e Sean Connery associate al ruolo principale. Ora, dopo un certo numero di riscritture e battute d’arresto tecniche, il film ha infine preso il largo come veicolo per rilanciare la carriera nel fanta-action dell’attore 51enne di Filadelfia (ferma da una decina d’anni, se togliamo il trascurabile MIB 3).

Dunque, ne è valsa la pena rispolverare questa sceneggiatura dopo 20 anni? La risposta è complessa. Gemini Man è sicuramente un grande passo avanti per quanto riguarda la resa visiva (possibilmente in una sala cinematografica) di un lungometraggio, ma un passo indietro se si cerca un thriller sci-fi sofisticato e capace di tenere alto l’interesse per l’intera durata. A prescindere da un certo numero di sequenze disegnate per immergere completamente – si potrebbe dire ‘portare sul set’ – lo spettatore nel pieno dell’azione, una sceneggiatura stereotipata, personaggi di repertorio e la povertà dei dialoghi non riescono a passare inosservati all’ombra dell’abbagliante tecnologia. La scarna premessa poi – mettiamo dei killer cazzuti alle calcagna di un pericolosissimo ex affiliato ora considerato un traditore – risuona oltremodo datata in un mondo che ha imparato da tempo ad amare anti-eroi come Jason Bourne, John Wick o il Jack Bauer della serie 24.

Come ricorderete, Will Smith ha raggiunto il picco di notorietà a inizio anni 2000, con blockbuster fortunatissimi come Bad BoysIndependence Day e Men In Black, tuttavia ultimamente ha soprattutto partecipato a drammi dal budget contenuto (si vedano Zona d’Ombra e Collateral Beauty), che hanno lasciato i critici freddi e il pubblico tiepido. E se ci aggiungiamo il mezzo passo falso di Bright (la recensione del film di David Ayer) è allora chiaro il perché ora abbia deciso di affidarsi nuovamente al produttore Jerry Bruckheimer per provare a tornare ai vecchi fasti con Gemini Man (e con l’imminente Bad Boys For Life).

Come detto, al di là degli iperbolici prodigi visivi, che vanno vicini ad azzerare il confine tra realtà e videogiochi tanto la ricostruzione del ‘giovane’ Will Smith è perfetta, il lungometraggio di Ang Lee – uno che non è certo nuovo alle sperimentazioni, anzi – non è nient’altro che una sequela di scenette scontate (dove spesso la sospensione dell’incredulità è d’obbligo), che spinge peraltro Will Smith pericolosamente dalle parti di quegli action-man di mezza età ormai appannaggio dei colleghi Liam Neeson e Nicolas Cage. Detto questo, gli incassi da capogiro del recente Aladdin (la nostra recensione) e prima di Suicide Squad (le 50 curiosità sul film) dimostrano ampiamente come la mediocrità intrinseca di un film non pregiudichi necessariamente il suo risultato al botteghino, e, di conseguenza, il declino della sua star.

Mary Elizabeth Winstead gemini manWill Smith interpreta Henry Brogan, cecchino dalla mira infallibile (ogni rimando a Deadshot è puramente casuale …) che lavora per una organizzazione governativa americana segreta. Dopo aver eliminato 72 soggetti ‘scomodi’ con una precisione sovrumana, la coscienza dell’uomo inizia tuttavia a farsi sentire quando scopre che l’ultimo bersaglio non era il ‘cattivo’ che gli avevano fatto credere. Vale la pena di notare che la sceneggiatura, scritta a sei mani da David Benioff (Il Trono di Spade), Billy Ray e Darren Lemke, sceglie di non provare neppure a soffermarsi vagamente sulla moralità dell’omicidio ‘di Stato’ per un bene superiore o sulla ammissibilità della clonazione / eugenetica di esseri umani.

In ogni caso, stanco di questa vita che l’ha reso un solitario senza affetti o famiglia, Brogan comunica ai superiori di volersi ritirare per trascorrere i suoi inverni a pescare al largo della costa della Georgia. Tuttavia, i machiavellici dirigenti della DIA hanno altri piani per lui, su tutti il suo ex amico Clay Varris (un Clive Owen in modalita “cattivo”), divenuto un magnate delle biotecnologie militari-industriali e a capo di un progetto che intende creare un’unità segreta di super soldati, tutti geneticamente modificati per uccidere senza rimpianti e non provare emozioni in grado di destabilizzarli e renderli così ‘meno efficienti’. Il suo prediletto è Junior (sempre Will Smith, il cui ‘doppio’ giovane è stato creato completamente in digitale), un clone di 23 anni di Brogan che Varris ha cresciuto come suo figlio adottivo.

Facendo passare Brogan per un traditore, Varris scatena l’ignaro Junior sulle sue tracce per ucciderlo, con la motivazione che solamente una versione più giovane – e che pensa come lui – dell’esperto killer potrebbe arrivare ad abbatterlo. Captando il pericolo imminente, Brogan inizia allora una fuga insieme all’agente della DIA Danny Zakarweski (Mary Elizabeth Winstead) e al vecchio amico Barone (Benedict Wong). Inevitabilmente, voleranno scintille e la percezione della verità oscillerà quando Brogan e il suo doppelganger arriveranno faccia a faccia dapprima negli angoli pittoreschi della Colombia, poi in Ungheria, e infine durante una spettacolare sparatoria in un centro abitato in Georgia.

gemini man clive owenCome detto, Gemini Man non è altro che una sorta di gigantesco showreel dei progressi fatti dalla tecnica del de-aging digitale. Utilizzando vecchie immagini e i filmati dei primi ruoli cinematografici di Will Smith come riferimento, Ang Lee – con i tecnici della CGI – compie un lavoro senza precedenti nel ringiovanire l’attore direttamente a un versione fotorealistica del suo vecchio sé. Nelle sequenze ipercinetiche in cui i due si scontrano l’uno con l’altro corpo a corpo si fa fatica a capire chi sia il ‘fals0’ e soltanto la piena luce del sole permette di smascherare la controfigura (si veda l’inseguimento con le motociclette) o la realtà sintetica dietro al volto di Junior.

Al di là del protagonista, comunque, il regista cinese aggiorna anche per il resto il formato 3D ad alta risoluzione di cui era stato pioniere già nel 2016 con Billy Lynn – Un giorno da eroe, che aveva suscitato più di una perplessità e si era rivelato un sonoro flop. Ma in Gemini Man il livello dei dettagli è eccellente, sia nei grandi paesaggi urbani in widescreen che nelle esplosioni in slow-motion, che sembrano lanciare schegge di vetro sugli spettatori.

Tuttavia, se la dedizione del 64enne Ang Lee nel voler continuare a esplorare e spingere oltre i limiti l’estetica perfezionista del digitale è ammirevole, preoccuparsi di ‘dire qualcosa’ nel mentre non sarebbe stato affatto malaccio. Senza contare che l’aspetto iperrealistico delle immagini è a doppio taglio, visto che il risultato, almeno durante le scene meno movimentate, produce l’effetto straniante che dà il guardare una telenovela del pomeriggio su Rai 3. E spendere decine di milioni di dollari per questo non è certo il massimo.

Di seguito trovate il due clip internazionali (per meglio poter apprezzare i dialoghi in lingua originale) di Gemini Man, che sarà nei nostri cinema dal 10 ottobre:

Will Smith
Clive Owen
Mary Elizabeth Winstead
Benedict Wong
Linda Emond
Theodora Miranne
Justin James Boykin
Alexandra Szucs
Douglas Hodge
Tim Connolly
Victor Hugo
Georgia Curtis
trilogia fondazione asimov
mortale serie netflix 2019
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per Mortale, serie sci-fi francese di Netflix con vudù, sangue e superpoteri

di Redazione Il Cineocchio

Il nuovo show originale è stato creato da Frédéric Garcia e vede protagonisti Carl Malapa, Nemo Schiffman e Manon Bresch

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Final trailer per Star Wars: L’Ascesa di Skywalker, Daisy Ridley affronta il suo destino da Jedi

di Redazione Il Cineocchio

Incredibili ritorni e volti noti insieme per l'ultimo capitolo della saga diretto da J.J. Abrams

Leggi
SYNCHRONIC film JUSTIN BENSON & AARON MOORHEAD
Sci-Fi & Fantasy

Synchronic | La recensione del film di Justin Benson e Aaron Moorhead (Sitges 52)

di William Maga

I due filmmaker tornano sulle scene con un budget più alto del solito e due star come Jamie Dornan e Anthony Mackie, ma la loro opera sci-fi sui viaggi nel tempo è tanto ambiziosa quanto imperfetta

Leggi
The Room 2019 Olga Kurylenko - main
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per The Room: Olga Kurylenko scopre una stanza magica che esaudisce ogni sogno

di Redazione Il Cineocchio

Dopo 13 anni, Christian Volckman torna in regia per un fanta-horror che ci ricorda che è sempre bene fare attenzione a ciò che si desidera

Leggi
richard stanley l'isola perduta 1996 set
Sci-Fi & Fantasy

Intervista esclusiva | Richard Stanley su L’Isola del Dottor Moreau: “Preparo una serie TV di 6 ore”

di Redazione Il Cineocchio

A oltre 20 anni dal doloroso licenziamento dal film con Marlon Brando, l'ostinato regista sudafricano è pronto a riappropriarsi del mastodontico progetto, spostando sul piccolo schermo il suo adattamento

Leggi
richard stanley sitges 2019
Sci-Fi & Fantasy

Intervista esclusiva | Richard Stanley su Malware: “Un film che terrorizza i produttori, ma è il mio script migliore”

di Alessandro Gamma

Il regista sudafricano, riemerso da un esilio lungo 20 anni, ci ha svelato qualche dettaglio della trama del suo prossimo progetto, che tratterà di santeria e del culto della Santa Muerte

Leggi
Doom Annihilation (2019) film
Sci-Fi & Fantasy

Doom: Annihilation | La recensione del film fanta-horror di Tony Giglio

di William Maga

A oltre 10 anni dal primo deludente tentativo cinematografico, il regista prova a rendere giustizia alla popolare saga di videogiochi, fallendo miseramente su tutta la linea

Leggi
Angelina Jolie maleficent signora del male film
Sci-Fi & Fantasy

Maleficent – Signora del Male | La recensione del film di Joachim Rønning

di Teresa Scarale

Lo zigomo elevato e tagliente della carismatica Angelina Jolie non basta a risollevare le sorti di un sequel bizzarro e grottesco. Sorta di incrocio caricaturale fra 'Indovina chi viene a cena' e 'La guerra dei Roses', con scimmiottamenti da 'Il Trono di Spade', serve unicamente da palcoscenico allo splendore di Michelle Pfeiffer, una cattiva la cui luminosità oscura senza troppo sforzo le scialbe smorfie di Elle Fanning e del principino.

Leggi
terminator 35° anniversario + robocop vivo o morto 2
Sci-Fi & Fantasy

Recensione fumetto | Terminator 35° Anniversario + RoboCop – Vivo o Morto vol. 2

di Redazione Il Cineocchio

Se, da un lato, Saldapress porta a conclusione la storia in 12 capitoli che ci riporta nel terribile mondo futuristico in cui opera il cyborg poliziotto, dall'altro celebra il compleanno del film di James Cameron del 1984 con due racconti brevi realizzati prima del sequel cinematografico ufficiale

Leggi
Blu-ray ita Beyond Skyline - A. I. Rising - The Head Hunter
Sci-Fi & Fantasy

Recensione Blu-ray | Beyond Skyline – A. I. Rising – The Head Hunter

di Redazione Il Cineocchio

Esaminiamo da vicino le edizioni dell'invasione aliena con Frank Grillo e Iko Uwais, del film sci-fi con la pornostar Stoya e del fantasy medievale diretto da Jordan Downey

Leggi
vivarium film 2019 lorcan finnegan
Sci-Fi & Fantasy

Vivarium | La recensione del film di Lorcan Finnegan con Jesse Eisenberg (Sitges 52)

di William Maga

L'opera seconda del regista, in cui troviamo anche Imogen Poots, è una brillante riflessione sulla vacuità dell'esistenza umana che dimostra di aver assimilato al meglio gli insegnamenti di Ai Confini della Realtà

Leggi
dov'è il mio corpo film clapin netflix
Sci-Fi & Fantasy

Dov’è il mio corpo? | La recensione del film animato di Jérémy Clapin (Sitges 52)

di Sabrina Crivelli

La tragedia dell'essere e dell'esistere di un arto tagliato commuovono nel meraviglioso esordio alla regia del francese Jérémy Clapin, distribuito in esclusiva da Netflix

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

La Forma dell’Acqua | La recensione del film di Guillermo del Toro con Sally Hawkins

di Redazione Il Cineocchio

Sally Hawkins è la principessa della nuova favola dark, tanto impeccabile quanto prevedibile, del regista messicano

Leggi
Memory The Origins of Alien documentario 2019
Sci-Fi & Fantasy

Memory: The Origins Of Alien | La recensione del documentario di Alexandre O. Philippe (Sitges 52)

di Claudio Porta

Il regista scava nelle origini del seminale film di Ridley Scott del 1979, ripescando dagli archivi documenti inediti su H. R. Giger e Dan O’Bannon e avvalendosi di nuove interviste

Leggi
ARTASERSE

ARTASERSE

25-10-2019

Tutto il mio folle amore

Tutto il mio folle amore

24-10-2019

One Piece: Stampede - Il film

One Piece: Stampede - Il film

24-10-2019

Finché morte non ci separi

Finché morte non ci separi

24-10-2019

RECENSIONE

Downton Abbey

Downton Abbey

24-10-2019

Scary Stories to Tell in the Dark

Scary Stories to Tell in the Dark

24-10-2019

RECENSIONE

L'uomo senza gravità

L'uomo senza gravità

21-10-2019

Ermitage - Il Potere dell’arte

Ermitage - Il Potere dell’arte

21-10-2019

Metallica & San Francisco Symphony: S&M2

Metallica & San Francisco Symphony: S&M2

18-10-2019

Se mi vuoi bene

Se mi vuoi bene

17-10-2019

Il mio profilo migliore

Il mio profilo migliore

17-10-2019

Yuli - Danza e libertà

Yuli - Danza e libertà

17-10-2019

Grazie a dio

Grazie a dio

17-10-2019

The Kill Team

The Kill Team

17-10-2019

A proposito di Rose

A proposito di Rose

17-10-2019

Il cardellino

Il cardellino

17-10-2019

The Informer - Tre secondi per sopravvivere

The Informer - Tre secondi per sopravvivere

17-10-2019

Jesus Rolls - Quintana è tornato!

Jesus Rolls - Quintana è tornato!

17-10-2019

Maleficent: Signora del male

Maleficent: Signora del male

17-10-2019

RECENSIONE

Weathering With You - La ragazza del tempo

Weathering With You - La ragazza del tempo

14-10-2019

RECENSIONE