Home » Cinema » Horror & Thriller » Midsommar – Il Villaggio dei Dannati | La recensione del sabba di Ari Aster

7/10 su 385 voti. Titolo originale: Midsommar, uscita: 03-07-2019. Budget: $9,000,000. Regista: Ari Aster.

Midsommar – Il Villaggio dei Dannati | La recensione del sabba di Ari Aster

16/07/2019 recensione di Raffaele Picchio

Al secondo film, il regista di Hereditary prosegue nel suo cammino rituale giocando a carte scoperte e alzando ulteriormente le ambizioni, uscendone comunque a testa alta con un'opera respingente ma affascinante, grottesca e complessa che non accetta mezze posizioni

Midsommar (2019) ari aster film

Un lutto devastante, una relazione morta che nonostante tutto continua e una malattia mentale che aleggia nelle paure di chi ormai si sente perso nel caos. Ancora una volta, Ari Aster parte da questi presupposti per Midsommar – Il Villaggio dei Dannati, ma a differenza di Hereditary – Le Radici del Male (la recensione), con questo secondo lungometraggio li concentra tutti nei primi venti minuti di film, dove vige l’oscurità fotografica e intima della protagonista Dani (Florence Pugh) e il piccolo mondo “stupido” del suo compagno Christian (Jack Reynor) & co. il quale, nonostante tutto, deciderà, malvista e compatita un po’ da tutti, di portarla con loro in Svezia, ospiti di una comune isolata che si dedica a una festività celtica per festeggiare la mezza estate ed eleggere la loro regina.

Midsommar - Il villaggio dei dannati posterUn evento rituale arcano che si ripete ciclicamente e dove il giorno e la notte si confondono. Il buio scompare e ‘inizia’ il sole, andando diretti al punto senza perdere tempo. Coerentemente al precedente film, anche qui si racconta di un rito. Incessante, antichissimo e inevitabile. Le rune celtiche vanno a sostituire i sigilli demoniaci, mentre le danze fanno da cornice festosa al posto del lugubre dolore introspettivo e familiare di Hereditary. Tuttavia, il senso non cambia: l’inevitabile sta già accadendo e tutto è deciso fin dalle prime inquadrature (annunciato da disegni che continueranno ad anticipare ogni cosa nel corso dello svolgimento).

Ad Ari Aster non interessa tanto il “cosa” ma il “come” e questo discorso in Midsommar – Il Villaggio dei Dannati si fa ancora più estremo che nel lungometraggio del 2018. Tutto è già deciso e noi spettatori non possiamo che assistere e soffrire, divertirci, danzare ed essere in qualche modo partecipi. Dove nel precedente la scoperta di un “rito” in corso era il film stesso, qui siamo gentilmente ammessi come ospiti all’intera celebrazione. Nonostante in apparenza sembri volersi vendere come l’ennesimo epigono a la The Wicker Man (la recensione del classico di Robin Hardy del 1973), in realtà non assomiglia a niente di quanto siamo ormai abituati a vedere, fregandosene totalmente di assecondare le tendenze dell’horror commerciali attuali, tanto che nella sua unicità l’unico paragone possibile forse può essere con quell’altro “ufo” che è il recente Climax di Gaspar Noé (la recensione). Due film che fin da subito ti dicono quello che sta per succedere; un vero e proprio sabba dove le droghe psichedeliche assecondano il lasciarsi andare e l’affrontare i demoni personali in una cerimonia che non accade “davanti”, bensì “intorno” a noi. Un sabba che non comprendiamo nelle sue dinamiche intime, ma che ci inghiotte e ci spaventa perché la paura, quella vera, si scatena quando ci troviamo davanti a qualcosa che non comprendiamo.

Ari Aster, ancor più che in Hereditary, non ha bisogno di ricorrere ai jumpscare o di chissà quali mirabolanti ribaltoni narrativi per spiazzare e creare disagio e proprio come in And soon the darkness del 2010 tutto avviene perennemente alla piena luce del sole, perché l’oscurità siamo noi. Sempre raffinato nella messa in scena e con un lavoro magnifico di musiche e sound design, il regista e sceneggiatore americano conferma pienamente tutto quanto detto prima, iniziando ad imprimere una sua ormai riconoscibile impronta al filone dei film “esoterici” e comincia a ritornare anche qualche sua evidente ossessione (l’infante “deforme” per esempio, anche se con ruoli ben diversi questa volta).

midsommar ari aster film 2019Se a riassumere per iperbole che Midsommar – Il Villaggio dei Dannati è un po’ il Climax dei folk horror, non si può seriamente formulare un semplice giudizio “critico” per un lavoro così estremamente tecnico e complesso, difficile da assimilare in una singola visione. Midsommar – Il Villaggio dei Dannati non inizia e non finisce, “scorre”, e ti investe spiazzandoti e prendendoti sottogamba in continuazione. Un’opera difficile e stratificata che sa essere nello stesso momento avvolgente e respingente, grottesca e agghiacciante, un canto inarrestabile di due ore e venti (e dovevano essere di più visto che mancano circa 25/30 minuti, tagliati per non prendersi l’NC-17 dell’organo di censura americano; si spera esca prima o poi la versione estesa, di cui peraltro si sta già parlando) che tenta di ipnotizzare con le sue danze ed è per questo che richiede una certa predisposizione prima di essere affrontata.

Sarà curioso vedere la reazione del pubblico italiano da sala davanti a un lavoro così stratificato (negli Stati Uniti, dove è già uscito da qualche settimana, ha incassato quasi 20 milioni di dollari). Il consiglio personale è ovviamente quello di abbandonarsi alla follia agghiacciante dell’ultima fatica di Ari Aster, durante la quale assistere ammaliati ad un rito sconvolgente e frastornante, approfittando di avere il disonore di non essere le vittime sacrificali di turno e quindi la libertà di unirsi alle celebrazioni festose al fianco di altri sconosciuti, uniti e testimoni di una nuova “Apocalisse”. Per tutti gli altri, ovviamente, ci sono sempre i coniugi Ed e Lorraine Warren.

Per una più approfondita interpretazione / spiegazione del film vi rimandiamo al nostro speciale.

Per raccapezzarvi nella intricata simbologia, vi rimandiamo invece a un altro approfondimento.

Di seguito trovate il trailer doppiato in italiano e più sotto il full trailer internazionale di Midsommar – Il Villaggio dei Dannati (con le voci originali), nei nostri cinema dal 25 luglio:

Florence Pugh
Will Poulter
Jack Reynor
William Jackson Harper
Ellora Torchia
Vilhelm Blomgren
Julia Ragnarsson
Hampus Hallberg
Klaudia Csányi
Lars Väringer
Anki Larsson
Anders Back
Katarina Weidhagen van Hal
Rebecka Johnston
Anna Åström
Isabelle Grill
Tomas Engström
Björn Andrésen
Liv Mjönes
Archie Madekewe
Louise Peterhoff
Gunnel Fred
Lennart R. Svensson
Anders Beckman
Balázs Megyeri
Tove Skeidsvoll
Dag Andersson
Mats Blomgren
Dóra Ferenczi
Austin R. Grant
Henrik Norlén
Demi Moore in Corporate Animals (2019) film
Betty Gilpin in The Hunt film 2019
Horror & Thriller

Jason Blum e Craig Zobel su The Hunt: “Trama travisata; commessi errori nella promozione del film”

di Redazione Il Cineocchio

Il produttore e il regista hanno spiegato il significato del thriller politico cancellato dalla Universal e i loro intenti, tutt'altro che sovversivi e capaci di incitare alla violenza

Leggi
night hunter film 2019
Horror & Thriller

Trailer per Night Hunter: Alexandra Daddario e Henry Cavill a caccia di un serial killer con DDI

di Redazione Il Cineocchio

L'inglese David Raymond esordisce in regia con un thriller R-Rated che vede protagonisti anche Ben Kingsley e Nathan Fillion

Leggi
dead-hearts zombie anziano
Horror & Thriller

Trama per la serie Generation Z, zombie drama di Ben Wheatley sulla Brexit

di Redazione Il Cineocchio

Il regista di Kill List torna in TV per uno show che farà satira macabra sulla Gran Bretagna

Leggi
Underwater film kristen stewart
Horror & Thriller

Trailer per Underwater: Kristen Stewart in balìa dei mostri sul fondo dell’Oceano

di Redazione Il Cineocchio

C'è anche Vincent Cassel nel fanta-horror da 80 milioni di dollari diretto da William Eubank

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Three Mirrors Creature’s Flashes of Flesh, sperimentale horror in Split-Vision

di Redazione Il Cineocchio

Giuliano Tomassacci esordisce al lungometraggio con un film arthouse in bianco e nero e senza dialoghi

Leggi
Blu-ray The Prodigy - Il Figlio Del Male di Nicholas McCarthy
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray | The Prodigy – Il Figlio Del Male di Nicholas McCarthy

di Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino l'edizioni italiana dell'horror con Taylor Schilling e Jackson Robert Scott

Leggi
Blu-ray Escape Room di Adam Robitel
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray | Escape Room di Adam Robitel

di Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino l'edizioni italiana dell'horror con Deborah Ann Woll e Logan Miller

Leggi
her & him bella thorne film
Horror & Thriller

Trailer per Her & Him, thriller hard diretto da Bella Thorne per Pornhub

di Redazione Il Cineocchio

L'attrice 21enne ha lavorato con le star di film V.M. 18 Abella Danger e Small Hands

Leggi
The Hunt film 2019
Horror & Thriller

Universal: “Cancelliamo l’uscita di The Hunt a causa delle recenti stragi suprematiste in USA”

di Redazione Il Cineocchio

Dopo aver messo in pausa la campagna di marketing, l'arrivo nelle sale americane del survival diretto da Craig Zobel e prodotto dalla Blumhouse è stato posticipato a data da definire

Leggi
Quentin Tarantino in Django Unchained (2012) set
Horror & Thriller

Quentin Tarantino: “Il mio decimo film potrebbe essere un horror”

di Redazione Il Cineocchio

Dopo C'era una volta... a Hollywood, il regista rivela a quale genere potrebbe appartenere quello che dovrebbe essere il suo ultimo progetto dietro alla mdp

Leggi
Extra Ordinary film 2019
Horror & Thriller

Trailer per Extra Ordinary: Will Forte evoca il demonio per il successo nella grottesca horror comedy

di Redazione Il Cineocchio

L'attore è protagonista del debutto alla regia di Mike Ahern ed Enda Loughman all'insegna di black humor e spiritismo

Leggi
Nicolas Cage Wicker Man Orso
Horror & Thriller

Nicolas Cage: “Per Il Prescelto pensai a un finale simile a quello di Midsommar”

di Redazione Il Cineocchio

Il protagonista del remake del 2006 diretto da Neil LaBute rimpiange che la conclusione scelta non sia stata molto più 'infuocata' di quanto da lui auspicato

Leggi
STUMPTOWN - Cobie Smulders- 2
Horror & Thriller

Trailer per Stumptown: Cobie Smulders è un’investigatrice privata problematica nella serie ABC

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Jake Johnson e Michael Ealy nello show che porta sul piccolo schermo l'omonimo fumetto di Greg Rucka

Leggi
Haunt film 2019 - 2
Horror & Thriller

Trailer per Haunt: Halloween si popola di incubi nell’horror prodotto da Eli Roth

di Redazione Il Cineocchio

Il film è stato scritto e diretto da Scott Beck e Bryan Woods, il duo di sceneggiatori già dietro ad A Quiet Place – Un Posto Tranquillo 

Leggi
Il signor Diavolo

Il signor Diavolo

22-08-2019

RECENSIONE

La rivincita delle sfigate

La rivincita delle sfigate

22-08-2019

Charlie Says

Charlie Says

22-08-2019

RECENSIONE

Il re leone

Il re leone

21-08-2019

The Nest (Il nido)

The Nest (Il nido)

15-08-2019

RECENSIONE

Diamantino - Il calciatore più forte del mondo

Diamantino - Il calciatore più forte del mondo

15-08-2019

Crawl - Intrappolati

Crawl - Intrappolati

15-08-2019

RECENSIONE

Kin

Kin

15-08-2019

RECENSIONE