Home » Cinema » Horror & Thriller » Midsommar – Il Villaggio dei Dannati | La recensione del sabba di Ari Aster

7/10 su 1116 voti. Titolo originale: Midsommar, uscita: 03-07-2019. Budget: $9,000,000. Regista: Ari Aster.

Midsommar – Il Villaggio dei Dannati | La recensione del sabba di Ari Aster

16/07/2019 recensione film di Raffaele Picchio

Al secondo film, il regista di Hereditary prosegue nel suo cammino rituale giocando a carte scoperte e alzando ulteriormente le ambizioni, uscendone comunque a testa alta con un'opera respingente ma affascinante, grottesca e complessa che non accetta mezze posizioni

Midsommar (2019) ari aster film

Un lutto devastante, una relazione morta che nonostante tutto continua e una malattia mentale che aleggia nelle paure di chi ormai si sente perso nel caos. Ancora una volta, Ari Aster parte da questi presupposti per Midsommar – Il Villaggio dei Dannati, ma a differenza di Hereditary – Le Radici del Male (la recensione), con questo secondo lungometraggio li concentra tutti nei primi venti minuti di film, dove vige l’oscurità fotografica e intima della protagonista Dani (Florence Pugh) e il piccolo mondo “stupido” del suo compagno Christian (Jack Reynor) & co. il quale, nonostante tutto, deciderà, malvista e compatita un po’ da tutti, di portarla con loro in Svezia, ospiti di una comune isolata che si dedica a una festività celtica per festeggiare la mezza estate ed eleggere la loro regina.

Midsommar - Il villaggio dei dannati posterUn evento rituale arcano che si ripete ciclicamente e dove il giorno e la notte si confondono. Il buio scompare e ‘inizia’ il sole, andando diretti al punto senza perdere tempo. Coerentemente al precedente film, anche qui si racconta di un rito. Incessante, antichissimo e inevitabile. Le rune celtiche vanno a sostituire i sigilli demoniaci, mentre le danze fanno da cornice festosa al posto del lugubre dolore introspettivo e familiare di Hereditary. Tuttavia, il senso non cambia: l’inevitabile sta già accadendo e tutto è deciso fin dalle prime inquadrature (annunciato da disegni che continueranno ad anticipare ogni cosa nel corso dello svolgimento).

Ad Ari Aster non interessa tanto il “cosa” ma il “come” e questo discorso in Midsommar – Il Villaggio dei Dannati si fa ancora più estremo che nel lungometraggio del 2018. Tutto è già deciso e noi spettatori non possiamo che assistere e soffrire, divertirci, danzare ed essere in qualche modo partecipi. Dove nel precedente la scoperta di un “rito” in corso era il film stesso, qui siamo gentilmente ammessi come ospiti all’intera celebrazione. Nonostante in apparenza sembri volersi vendere come l’ennesimo epigono a la The Wicker Man (la recensione del classico di Robin Hardy del 1973), in realtà non assomiglia a niente di quanto siamo ormai abituati a vedere, fregandosene totalmente di assecondare le tendenze dell’horror commerciali attuali, tanto che nella sua unicità l’unico paragone possibile forse può essere con quell’altro “ufo” che è il recente Climax di Gaspar Noé (la recensione). Due film che fin da subito ti dicono quello che sta per succedere; un vero e proprio sabba dove le droghe psichedeliche assecondano il lasciarsi andare e l’affrontare i demoni personali in una cerimonia che non accade “davanti”, bensì “intorno” a noi. Un sabba che non comprendiamo nelle sue dinamiche intime, ma che ci inghiotte e ci spaventa perché la paura, quella vera, si scatena quando ci troviamo davanti a qualcosa che non comprendiamo.

Ari Aster, ancor più che in Hereditary, non ha bisogno di ricorrere ai jumpscare o di chissà quali mirabolanti ribaltoni narrativi per spiazzare e creare disagio e proprio come in And soon the darkness del 2010 tutto avviene perennemente alla piena luce del sole, perché l’oscurità siamo noi. Sempre raffinato nella messa in scena e con un lavoro magnifico di musiche e sound design, il regista e sceneggiatore americano conferma pienamente tutto quanto detto prima, iniziando ad imprimere una sua ormai riconoscibile impronta al filone dei film “esoterici” e comincia a ritornare anche qualche sua evidente ossessione (l’infante “deforme” per esempio, anche se con ruoli ben diversi questa volta).

midsommar ari aster film 2019Se a riassumere per iperbole che Midsommar – Il Villaggio dei Dannati è un po’ il Climax dei folk horror, non si può seriamente formulare un semplice giudizio “critico” per un lavoro così estremamente tecnico e complesso, difficile da assimilare in una singola visione. Midsommar – Il Villaggio dei Dannati non inizia e non finisce, “scorre”, e ti investe spiazzandoti e prendendoti sottogamba in continuazione. Un’opera difficile e stratificata che sa essere nello stesso momento avvolgente e respingente, grottesca e agghiacciante, un canto inarrestabile di due ore e venti (e dovevano essere di più visto che mancano circa 25/30 minuti, tagliati per non prendersi l’NC-17 dell’organo di censura americano; si spera esca prima o poi la versione estesa, di cui peraltro si sta già parlando) che tenta di ipnotizzare con le sue danze ed è per questo che richiede una certa predisposizione prima di essere affrontata.

Sarà curioso vedere la reazione del pubblico italiano da sala davanti a un lavoro così stratificato (negli Stati Uniti, dove è già uscito da qualche settimana, ha incassato quasi 20 milioni di dollari). Il consiglio personale è ovviamente quello di abbandonarsi alla follia agghiacciante dell’ultima fatica di Ari Aster, durante la quale assistere ammaliati ad un rito sconvolgente e frastornante, approfittando di avere il disonore di non essere le vittime sacrificali di turno e quindi la libertà di unirsi alle celebrazioni festose al fianco di altri sconosciuti, uniti e testimoni di una nuova “Apocalisse”. Per tutti gli altri, ovviamente, ci sono sempre i coniugi Ed e Lorraine Warren.

Per una più approfondita interpretazione / spiegazione del film vi rimandiamo al nostro speciale.

Per raccapezzarvi nella intricata simbologia, vi rimandiamo invece a un altro approfondimento.

Di seguito trovate il trailer doppiato in italiano e più sotto il full trailer internazionale di Midsommar – Il Villaggio dei Dannati (con le voci originali), nei nostri cinema dal 25 luglio:

Florence Pugh
Will Poulter
Jack Reynor
William Jackson Harper
Ellora Torchia
Vilhelm Blomgren
Julia Ragnarsson
Hampus Hallberg
Klaudia Csányi
Lars Väringer
antlers film cooper
Horror & Thriller

Trailer finale per Antlers, monster movie con Keri Russell prodotto da Guillermo del Toro

di Redazione Il Cineocchio

Nel film horror scritto da Nick Antosca e diretto da Scott Cooper (Il fuoco della vendetta) c'è anche Jesse Plemons

Leggi
the lodge film severin fiala 2019
Horror & Thriller

Trailer italiano e data d’uscita per The Lodge, snervante horror innevato con Riley Keough

di Redazione Il Cineocchio

I registi Severin Fiala e Veronika Franz (Goodnight Mommy) tornano sulle scene con un film acclamato al Sundance, tra i cui protagonisti c'è anche Alicia Silverstone

Leggi
the grudge film 2020 pesce
Horror & Thriller

Trailer red band per The Grudge: Nicolas Pesce rilancia la maledizione col suo reboot

di Redazione Il Cineocchio

A 10 anni dall'ultimo film, la saga horror nata nel 2004 riparte da zero con Lin Shaye, John Cho e Demian Bichir

Leggi
ammazzavampiri film 1985 holland
Horror & Thriller

Recensione story | Ammazzavampiri di Tom Holland

di Sabrina Crivelli

Nel 1985 usciva nei cinema il film con Chris Sarandon, William Ragsdale e Amanda Bearse, dissacrante horror comedy che rileggeva il mito dei succhiasangue

Leggi
the conjuring 3 film
Horror & Thriller

Trama per The Conjuring: The Devil Made Me Do It, terzo film della saga horror

di Redazione Il Cineocchio

Patrick Wilson e Vera Farmiga saranno alle prese con uno dei casi più sconvolgenti della carriera paranormale dei coniugi Warren

Leggi
Ian Somerhalder in V-Wars serie netflix 2019
Horror & Thriller

V Wars (Stagione 1) | Recensione della serie Netflix con Ian Somerhalder

di William Maga

La saga horror dello scrittore Jonathan Maberry arriva sul piccolo schermo in una trasposizione modesta, che apre troppe sottotrame senza chiuderle e si crogiola nei cliché del genere

Leggi
Horror & Thriller

Dead Trigger | Recensione del film di zombi con Dolph Lundgren

di Francesco Chello

Il biondo attore svedese è lo svogliato protagonista dell'adattamento poverissimo e mediocre dell'omonimo fortunato videogioco survival horror

Leggi
Horror & Thriller

Insidious: L’ultima chiave | La recensione del film horror di Adam Robitel

di Sabrina Crivelli

Lin Shaye è - ancora una volta - la protagonista di questo quarto capitolo prequel, che punta su cliché ampiamente abusati e su una trama piuttosto raffazzonata

Leggi
io sono leggenda matheson libro
Horror & Thriller

Riflessione | Richard Matheson e Io Sono Leggenda: la fascinazione dell’umanità per la pandemia

di Redazione Il Cineocchio

Sessantacinque anni fa, nel 1954, veniva dato alle stampe il romanzo fanta-horror che avrebbe dato vita a svariati lungometraggi, confermando nel tempo la sua assoluta attualità. Ma l'atavica paura là descritta è ricorrente nel corso della Storia

Leggi
train to busan film
Horror & Thriller

Peninsula: concept art e trama per il sequel di Train to Busan

di Redazione Il Cineocchio

Dopo il clamoroso successo nel 2016, il regista sudcoreano Yeon Sang-ho promette un film più disperato e feroce

Leggi
the outsider serie 2020 hbo Ben Mendelsohn
Horror & Thriller

Full trailer per The Outsider, serie HBO che adatta ‘benissimo’ il romanzo (secondo Stephen King)

di Redazione Il Cineocchio

Ben Mendelsohn e Jason Bateman guidano il cast dell'adattamento TV del recentissimo romanzo poliziesco / soprannaturale del prolifico scrittore del Maine

Leggi
Horror & Thriller

Dark Skies – Oscure Presenze | La recensione del film di Scott Stewart

di Francesco Chello

Josh Hamilton e Keri Russell sono i protagonisti di un prodotto dal budget contenuto ma ben orchestrato e teso, che mescola sapientemente angosce terrene e classico schema da fanta-horror

Leggi
Damballa Bond The Chucky Effect
Horror & Thriller

La Bambola Assassina: The Last Christmas Story e Damballa Bond sono i corti approvati da Don Mancini

di Redazione Il Cineocchio

C'è il regista messicano Rod Schneider dietro alla duplice lettera d'amore per la saga slasher nata nel 1988

Leggi
locke and key fumetto
Horror & Thriller

Locke and Key: poster, cast e data di uscita per la serie Netflix tratta dal fumetto di Joe Hill

di Redazione Il Cineocchio

C'è Carlton Cuse alla guida dell'adattamento in live action con protagonisti Darby Stanchfield e Jackson Robert Scott

Leggi
messiah serie netflix 2020
Horror & Thriller

Trailer per Messiah (serie Netflix): Michelle Monaghan alle prese con il nuovo Salvatore dell’umanità

di Redazione Il Cineocchio

L'attrice dovrà capire se Mehdi Dehbi è davvero il figlio di Dio o un impostore nello show originale diretto da James McTeigue e Kate Woods

Leggi
Star Wars - L'ascesa di Skywalker

Star Wars - L'ascesa di Skywalker

18-12-2019

Escher - Viaggio nell'Infinito

Escher - Viaggio nell'Infinito

16-12-2019

Il primo Natale

Il primo Natale

12-12-2019

Black Christmas

Black Christmas

12-12-2019

Nancy

Nancy

12-12-2019

Che fine ha fatto Bernadette?

Che fine ha fatto Bernadette?

12-12-2019

ചോല

ചോല

06-12-2019

Lontano lontano

Lontano lontano

05-12-2019

L'immortale

L'immortale

05-12-2019

Qualcosa di meraviglioso

Qualcosa di meraviglioso

05-12-2019

I passi leggeri

I passi leggeri

05-12-2019

Cena con delitto - Knives Out

Cena con delitto - Knives Out

05-12-2019

RECENSIONE

Il paradiso probabilmente

Il paradiso probabilmente

05-12-2019

L'Inganno perfetto

L'Inganno perfetto

05-12-2019