Home » Cinema » Horror & Thriller » Recensione | Notti Magiche di Paolo Virzì

6/10 su 26 voti. Titolo originale: Notti Magiche, uscita: 08-11-2018. Regista: Paolo Virzì.

Recensione | Notti Magiche di Paolo Virzì

09/11/2018 di Giovanni Mottola

Non basta la presenza di alcuni grandi attori a dare un'impronta decisa a un film sull'ultima stagione del grande cinema italiano; il regista per primo sembra non sapere se sia più giusto rievocarlo con nostalgia oppure con sarcasmo

Emanuele Salce Irene Vetere Mauro Lamantia, and Giovanni Toscano in Notti magiche (2018)

Al termine di una giornata trascorsa a bordo piscina nella villa di un qualche produttore a mangiare, bere e scambiare chiacchiere frivole sui più disparati argomenti insieme ad un folto gruppo di amici e colleghi, lo sceneggiatore Furio Scarpelli esclamò: “Oggi abbiamo fatto un grande passo avanti col lavoro”. Quella che potrebbe sembrare soltanto una battuta è invece il più nitido manifesto sull’ambiente del cinema italiano degli ‘anni d’oro’. La frequentazione reciproca, lo scambio di intuizioni, il confronto sulla realtà che li circondava erano per gli uomini che ne facevano parte la tecnica con cui realizzavano i capolavori che oggi rimpiangiamo.

Non è un caso che di Scarpelli fu allievo Paolo Virzì e che proprio a lui sembra ispirato, fin dal nome, l’anziano sceneggiatore Fulvio Zappellini, uno dei personaggi del suo Notti Magiche. In piccolo, il regista livornese adotta oggi lo stesso metodo: per quest’ultimo film si è ritrovato con i fidati Francesca Archibugi e Francesco Piccolo per rievocare con un misto di nostalgia, ironia e disincanto proprio quel mondo, che egli ha conosciuto nella sua ultima stagione.

Si parla dell’estate del 1990, come indica il titolo prelevato dalla canzone “Un’estate italiana”, inno dei Campionati del Mondo di calcio e del clima di euforia collettiva che pervadeva il Paese. A quell’epoca Paolo Virzì aveva già lasciato Livorno per raggiungere la Capitale, inseguendo non un gol ma il sogno di lavorare per il cinema, che più ancora del calcio rendeva magiche le sue notti come quelle dei tre protagonisti del film. In uno di essi, l’esuberante Luciano Ambrogi (Giovanni Tedesco) arrivato a Roma da Piombino per partecipare alla finale di un premio per giovani sceneggiatori, ha messo qualcosa di sè, come sembra aver fatto la Archibugi con l’altra concorrente, la ricca e nevrotica Eugenia Malaspina (Irene Vetere), figlia trascurata di un potente politico romano. Il terzo finalista, il messinese Antonino Scordio (Mauro Lamantia), non è modellato su Francesco Piccolo, che non conobbe quel contesto essendo approdato al cinema solo nei primi Duemila, ma ricorda invece, per le sue pedanti velleità culturali e la sua cinefilia dotta, il Nicola Palumbo di Stefano Satta Flores in C’eravamo tanto amati. Antonino vince il concorso, i tre ragazzi diventano amici e vanno a vivere insieme nella mansarda di Eugenia. Per ciascuno di loro è l’inizio di una breve avventura nel cinema.

All’iniziale emozione di lavorare al fianco dei propri miti subentreranno presto le delusioni dovute a troppi incontri con personaggi cialtroni e strafottenti e finiranno coll’abbandonare l’ambiente. Però che notti, quelle notti. Il film si apre con la morte del produttore Leandro Saponaro (Giancarlo Giannini), che precipita nel Tevere con la sua auto mentre il popolo è intento a seguire i rigori di Italia-Argentina. I tre ragazzi vengono convocati in questura perché sono le ultime persone ad averlo visto e qui ripercorreranno a ritroso la loro storia a partire dal primo incontro. Siamo in una commedia non in un giallo, dunque non è di nessuna importanza scoprire se Saponaro sia stato ammazzato e da chi. L’unica cosa che conta, sembra volerci dire Paolo Virzì, è che in un ambiente come quello che frequentava avrebbero potuto ucciderlo quasi tutti. Grandi pacche sulle spalle, ma appena queste si voltano amici, collaboratori e colleghi sono pronti a fregarti.

Il gioco di riconoscere quali personaggi reali possano nascondersi dietro a ciascuno di essi appassionerà gli addetti ai lavori; il pubblico percepirà invece che erano tutti tanto bravi a portare sullo schermo le meschinità del prossimo perché in fondo non dovevano far altro che attribuirgli le proprie. Ecco spiegata la ragione della grandezza di quegli uomini di cinema – e per traslato dei loro film -, ancor più rilucente al confronto con quella classe di autori e intellettuali che oggi ne ha preso il posto e non perde occasione per propinare banalità e conformismo, proteggendosi dietro all’inattaccabile scudo dell’etica. Se da un lato Paolo Virzì sembra confessare di aver sbagliato in gioventù a idealizzare quei personaggi e il loro mondo, dall’altro nemmeno il passare del tempo e la conseguente serenità di giudizio possono fargli dimenticare nè rinnegare l’emozione provata da ragazzo quando ha cominciato a frequentare quei mostri sacri, qui sintetizzata nella nostalgia che riaffiora in quei ragazzi nel rievocare quella loro breve stagione. Che per Paolo Virzì invece è stata lunga proprio grazie alla passione che hanno saputo trasmettergli gente come Scarpelli o come Ettore Scola, vero padre nobile di Notti Magiche. Oltre al personaggio di Antonino, da C’eravamo da tanto amati è stato infatti ripreso anche lo schema corale a tre personaggi, così come la smitizzazione del mondo intellettuale romano richiama La terrazza. Non vi è invece nessuna parentela, al di fuori del soggetto sull’iniziazione al fascino della cinematografia e di qualche nota autobiografica, con Nuovo Cinema Paradiso.

Paolo Virzì non raggiunge le vette toccate da Giuseppe Tornatore con quello che resta il suo film migliore, ma non sembra nemmeno voler iniziare la scalata: quella era una poesia d’amore, questa è invece una madeleine sui propri maestri, intinta ora nella nostalgia ora in una cattiveria in parte appresa da essi stessi e in parte assorbita dalle origini toscane, in ogni caso facile da sopportare perché tanto ruvida e ironica da sembrare fasulla. Un soggetto costruito con il nobile scopo di rendere omaggio ai registi e agli sceneggiatori del passato, ma che non riesce a renderne la grandezza, facendoli apparire, allo spettatore che non li conosca di suo, soltanto dei vecchi bisbetici e impigriti sul viale del tramonto. Un vero peccato, dal momento che la scelta degli attori era stata perfetta. In primis, anche se questo esula dal film, per aver omaggiato di una particina – il ruolo di una specie di Michelangelo Antonioni, estraneo alle comunelle di Cinecittà – il grande Ferruccio Soleri, consentendogli d’interpretare alla soglia dei novanta un ruolo fatto di cenni e sorrisi abbozzati e di dimostrare così a quel pubblico che lo conosce a malapena e non lo ha mai ammirato nei panni di Arlecchino per quale motivo già mezzo secolo fa Laurence Olivier, vedendolo in scena, gli disse: “Stasera avrei voluto essere te”.

Poi, perché gli attori sono tutti perfettamente funzionali, nella loro differenza di stile, a riprodurre la contrapposizione tra giovane e vecchio. I tre ragazzi sono interpretati da attori al debutto o quasi (solo la Vetere ha già un film all’attivo) e con la loro recitazione un po’ sopra le righe e macchiettistica manifestano le inesperienze e le speranze; dall’altro lato, grandi attori di teatro come Roberto Herlitzka o Paolo Bonacelli, con i loro toni asciutti e composti, sono mirabili nell’incarnare quei personaggi che sanno accogliere tutto con una scrollata di spalle e una battuta fulminante. Ma, purtroppo, una volta delineati tutti questi contrasti, manca il manico ad armonizzarli. In Notti Magiche Virzì mette in scena due sé stessi: quello di ieri, rappresentato dagli entusiasmi, le paure e i sogni dei tre ragazzi; e quello di oggi, incarnato dal cinismo e dal disincanto di quei vecchi maestri di cui ora ha preso il posto. Il film sembra girato con la mano destra del primo e la sinistra del secondo, entrambe incapaci di un efficace compromesso tra la propensione al romantico dell’una e quella al sarcastico dell’altra.

Il risultato è un’opera dai toni incerti dove tutti i personaggi rimangono superficiali e che quindi, pur partendo il rispettivo giudizio da una prospettiva diametralmente opposta, non sarebbe piaciuta né ai tre ragazzi né ai grandi vecchi. Rispetto al limbo in cui li ha collocati Paolo Virzì, i primi si sarebbero aspettati il Paradiso. I secondi, invece, avrebbero preteso di finire all’Inferno.

Di seguito il trailer ufficiale di Notti Magiche, nei cinema dall’8 novembre:

Ornella Muti
Giulio Berruti
Giancarlo Giannini
Paolo Bonacelli
Jalil Lespert
Marina Rocco
Eliana Miglio
Paolo Sassanelli
Roberto Herlitzka
Regina Orioli
Ester Pantano
Andrea Roncato
Emanuele Salce
Giulio Scarpati
Simona Marchini
Francesca Turrini
Mauro Lamantia
Giovanni Toscano
Irene Vetere
Horror & Thriller

R.L. Stine su Piccoli Brividi: “Avevo l’accordo con Tim Burton per il primo film”

di Redazione Il Cineocchio

Lo scrittore americano ha raccontato di quando a metà degli anni '90 incontrò il regista per progettare l'adattamento cinematografico della nota saga di libri horror per ragazzi

Leggi
Horror & Thriller

Nel trailer di The Final Wish, un Jinn avvera desideri a caro prezzo

di Redazione Il Cineocchio

Nell'horror diretto da Timothy Woodard Jr. ci sono Tony Todd, Lin Shaye e Spencer Locke

Leggi
cold skin la casa 2 detective dee re celesti blu-ray
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray | Cold Skin + La Casa 2 + Detective Dee e i quattro re celesti

di Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino le edizioni italiane della favola dark di Xavier Gens, del classico di Sam Raimi restaurato e della terza fanta-indagine dell'investigatore più famoso di Cina diretta da Tsui Hark

Leggi
St. Agatha film bousman
Horror & Thriller

Nel trailer di St. Agatha, un convento è luogo di peccato e tremende pratiche

di Redazione Il Cineocchio

Il regista Darren Lynn Bousman torna sulle scene con un horror che intende reinventare il sottogenere nunsploitation

Leggi
One Must Fall film Antonio Pantoja
Horror & Thriller

Nel trailer di One Must Fall, un macellaio maniaco tortura le sue prede

di Redazione Il Cineocchio

Allo slasher che segna il debutto del regista e sceneggiatore Antonio Pantoja ha partecipato anche Lloyd Kaufman della Troma

Leggi
the void il vuoto film poster
Horror & Thriller

Steven Kostanski su The Void: “Molte idee per un sequel, ma dipende dai produttori”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista ha parlato del possibile secondo capitolo - richiesto a gran voce dai fan - del suo horror del 2016, tra speranze e incertezze

Leggi
voorhees Cody Faulk fan film
Horror & Thriller

Full trailer per Voorhees, ambizioso fan film di Venerdì 13

di Redazione Il Cineocchio

Finalmente pronto dopo due anni il progetto diretto da Cody Faulk, che ha promesso il capitolo più dark e violento della saga slasher

Leggi
peter jackson set splattes 1992
Horror & Thriller

Peter Jackson: “Pronto a disgustare il pubblico in modi nuovi, come agli inizi”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista neozelandese ha ammesso che non sarebbe contrario a scioccare ancora gli spettatori, come già fatto ai tempi con Fuori di testa e Splatters

Leggi
Horror & Thriller

Teaser, trama e cast per 47 Meters Down: Uncaged, tra gli squali bianchi in Brasile

di Redazione Il Cineocchio

Dopo l'inaspettato successo del primo film, Johannes Roberts torna in regia per un sequel che intende scavare ancora più a fondo nelle paure ancestrali dei suoi protagonisti

Leggi
glass shyamalan film
Horror & Thriller

Nel terzo trailer di Glass, i cattivi fanno squadra per fuggire dalla prigionia

di Redazione Il Cineocchio

Toccherà a Bruce Willis fermare Samuel L. Jackson e 'la Bestia' James McAvoy nel terzo film della trilogia fanta-horror di M. Night Shyamalan che reinventa il genere dei supereroi

Leggi
Dreadout Tower Of Hell film
Horror & Thriller

Il trailer di Dreadout: Tower of Hell ci trasporta in un mondo di demoni e mostri

di Redazione Il Cineocchio

L'indonesiano Kimo Stamboel torna alla regia con l'adattamento per il cinema di un noto videogioco horror locale

Leggi
Horror & Thriller

Trama ufficiale, poster, data di uscita e cast per Us, horror di Jordan Peele

di Redazione Il Cineocchio

Dopo l'incredibile e inaspettato successo di Scappa - Get Out, il regista, sceneggiatore e produttore è pronto a tornare sulle scene con un nuovo film del terrore impegnato socialmente

Leggi
casa delle bambole ghostland
Horror & Thriller

La casa delle bambole – Ghostland: interpretazione del film di Pascal Laugier

di Redazione Il Cineocchio

Proviamo a fare chiarezza nell'horror scabroso e allucinato diretto dal regista francese, che getta le sue protagoniste in un incubo perverso dove realtà e immaginazione scarsamente scindibili

Leggi
ed gein arresto
Horror & Thriller

Dossier | Ed Gein: quando il cinema attinge dalla cronaca nera più raccapricciante

di Sabrina Crivelli

Ripercorriamo le vicende del 'macellaio di Plainfield', che con le sue raccapriccianti usanze ha ispirato film come Psyco, Il silenzio degli innocenti e Non aprite quella porta

Leggi
Horror & Thriller

Nel trailer di BrightBurn, l’angelo del male si schianta sulla Terra (produce James Gunn)

di Redazione Il Cineocchio

Svelato il misterioso progetto annunciato nei mesi scorsi che fonde supereroi e horror alla maniera atipica del regista di Guardiani della Galassia; dirige David Yarovesky, guida il cast Elizabeth Banks

Leggi
ഒടിയന്‍

ഒടിയന്‍

T. originale: ഒടിയന്‍

Data di uscita: 14-12-2018

Voto medio: 8 su 2 voti
Il testimone invisibile

Il testimone invisibile

T. originale: Il testimone invisibile

Data di uscita: 13-12-2018

Voto medio: 9 su 1 voti
Capri-Revolution

Capri-Revolution

T. originale: Capri-Revolution

Data di uscita: 13-12-2018

Voto medio: 7 su 3 voti
Lontano da qui

Lontano da qui

T. originale: The Kindergarten Teacher

Data di uscita: 13-12-2018

Voto medio: 6 su 42 voti
Un piccolo favore

Un piccolo favore

T. originale: A Simple Favor

Data di uscita: 13-12-2018

Voto medio: 6 su 453 voti
Macchine mortali

Macchine mortali

T. originale: Mortal Engines

Data di uscita: 13-12-2018

Voto medio: 6 su 85 voti

RECENSIONE

La donna elettrica

La donna elettrica

T. originale: Kona fer í stríð

Data di uscita: 13-12-2018

Voto medio: 7 su 33 voti
Dinosaurs

Dinosaurs

T. originale: Dinosaurs

Data di uscita: 10-12-2018

Voto medio: 0 su 0 voti
Calcutta - Tutti in Piedi

Calcutta - Tutti in Piedi

T. originale: Calcutta - Tutti in piedi

Data di uscita: 10-12-2018

Voto medio: 0 su 0 voti
Natale a 5 stelle

Natale a 5 stelle

T. originale: Natale a cinque stelle

Data di uscita: 07-12-2018

Voto medio: 4 su 27 voti
Santiago, Italia

Santiago, Italia

T. originale: Santiago, Italia

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 7 su 2 voti
La prima pietra

La prima pietra

T. originale: La prima pietra

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 6 su 1 voti
Sulle sue spalle

Sulle sue spalle

T. originale: On Her Shoulders

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 0 su 1 voti
La casa delle bambole - Ghostland

La casa delle bambole - Ghostland

T. originale: Ghostland

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 7 su 415 voti

RECENSIONE

Non ci resta che vincere

Non ci resta che vincere

T. originale: Campeones

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 7 su 140 voti
Colette

Colette

T. originale: Colette

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 7 su 39 voti
Alpha - Un'amicizia forte come la vita

Alpha - Un'amicizia forte come la vita

T. originale: Alpha

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 5 su 704 voti
Il castello di vetro

Il castello di vetro

T. originale: The Glass Castle

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 7 su 271 voti