Home » Cinema » Horror & Thriller » Recensione | Notti Magiche di Paolo Virzì

6/10 su 30 voti. Titolo originale: Notti Magiche, uscita: 08-11-2018. Regista: Paolo Virzì.

Recensione | Notti Magiche di Paolo Virzì

09/11/2018 di Giovanni Mottola

Non basta la presenza di alcuni grandi attori a dare un'impronta decisa a un film sull'ultima stagione del grande cinema italiano; il regista per primo sembra non sapere se sia più giusto rievocarlo con nostalgia oppure con sarcasmo

Emanuele Salce Irene Vetere Mauro Lamantia, and Giovanni Toscano in Notti magiche (2018)

Al termine di una giornata trascorsa a bordo piscina nella villa di un qualche produttore a mangiare, bere e scambiare chiacchiere frivole sui più disparati argomenti insieme ad un folto gruppo di amici e colleghi, lo sceneggiatore Furio Scarpelli esclamò: “Oggi abbiamo fatto un grande passo avanti col lavoro”. Quella che potrebbe sembrare soltanto una battuta è invece il più nitido manifesto sull’ambiente del cinema italiano degli ‘anni d’oro’. La frequentazione reciproca, lo scambio di intuizioni, il confronto sulla realtà che li circondava erano per gli uomini che ne facevano parte la tecnica con cui realizzavano i capolavori che oggi rimpiangiamo.

Non è un caso che di Scarpelli fu allievo Paolo Virzì e che proprio a lui sembra ispirato, fin dal nome, l’anziano sceneggiatore Fulvio Zappellini, uno dei personaggi del suo Notti Magiche. In piccolo, il regista livornese adotta oggi lo stesso metodo: per quest’ultimo film si è ritrovato con i fidati Francesca Archibugi e Francesco Piccolo per rievocare con un misto di nostalgia, ironia e disincanto proprio quel mondo, che egli ha conosciuto nella sua ultima stagione.

Si parla dell’estate del 1990, come indica il titolo prelevato dalla canzone “Un’estate italiana”, inno dei Campionati del Mondo di calcio e del clima di euforia collettiva che pervadeva il Paese. A quell’epoca Paolo Virzì aveva già lasciato Livorno per raggiungere la Capitale, inseguendo non un gol ma il sogno di lavorare per il cinema, che più ancora del calcio rendeva magiche le sue notti come quelle dei tre protagonisti del film. In uno di essi, l’esuberante Luciano Ambrogi (Giovanni Tedesco) arrivato a Roma da Piombino per partecipare alla finale di un premio per giovani sceneggiatori, ha messo qualcosa di sè, come sembra aver fatto la Archibugi con l’altra concorrente, la ricca e nevrotica Eugenia Malaspina (Irene Vetere), figlia trascurata di un potente politico romano. Il terzo finalista, il messinese Antonino Scordio (Mauro Lamantia), non è modellato su Francesco Piccolo, che non conobbe quel contesto essendo approdato al cinema solo nei primi Duemila, ma ricorda invece, per le sue pedanti velleità culturali e la sua cinefilia dotta, il Nicola Palumbo di Stefano Satta Flores in C’eravamo tanto amati. Antonino vince il concorso, i tre ragazzi diventano amici e vanno a vivere insieme nella mansarda di Eugenia. Per ciascuno di loro è l’inizio di una breve avventura nel cinema.

All’iniziale emozione di lavorare al fianco dei propri miti subentreranno presto le delusioni dovute a troppi incontri con personaggi cialtroni e strafottenti e finiranno coll’abbandonare l’ambiente. Però che notti, quelle notti. Il film si apre con la morte del produttore Leandro Saponaro (Giancarlo Giannini), che precipita nel Tevere con la sua auto mentre il popolo è intento a seguire i rigori di Italia-Argentina. I tre ragazzi vengono convocati in questura perché sono le ultime persone ad averlo visto e qui ripercorreranno a ritroso la loro storia a partire dal primo incontro. Siamo in una commedia non in un giallo, dunque non è di nessuna importanza scoprire se Saponaro sia stato ammazzato e da chi. L’unica cosa che conta, sembra volerci dire Paolo Virzì, è che in un ambiente come quello che frequentava avrebbero potuto ucciderlo quasi tutti. Grandi pacche sulle spalle, ma appena queste si voltano amici, collaboratori e colleghi sono pronti a fregarti.

Il gioco di riconoscere quali personaggi reali possano nascondersi dietro a ciascuno di essi appassionerà gli addetti ai lavori; il pubblico percepirà invece che erano tutti tanto bravi a portare sullo schermo le meschinità del prossimo perché in fondo non dovevano far altro che attribuirgli le proprie. Ecco spiegata la ragione della grandezza di quegli uomini di cinema – e per traslato dei loro film -, ancor più rilucente al confronto con quella classe di autori e intellettuali che oggi ne ha preso il posto e non perde occasione per propinare banalità e conformismo, proteggendosi dietro all’inattaccabile scudo dell’etica. Se da un lato Paolo Virzì sembra confessare di aver sbagliato in gioventù a idealizzare quei personaggi e il loro mondo, dall’altro nemmeno il passare del tempo e la conseguente serenità di giudizio possono fargli dimenticare nè rinnegare l’emozione provata da ragazzo quando ha cominciato a frequentare quei mostri sacri, qui sintetizzata nella nostalgia che riaffiora in quei ragazzi nel rievocare quella loro breve stagione. Che per Paolo Virzì invece è stata lunga proprio grazie alla passione che hanno saputo trasmettergli gente come Scarpelli o come Ettore Scola, vero padre nobile di Notti Magiche. Oltre al personaggio di Antonino, da C’eravamo da tanto amati è stato infatti ripreso anche lo schema corale a tre personaggi, così come la smitizzazione del mondo intellettuale romano richiama La terrazza. Non vi è invece nessuna parentela, al di fuori del soggetto sull’iniziazione al fascino della cinematografia e di qualche nota autobiografica, con Nuovo Cinema Paradiso.

Paolo Virzì non raggiunge le vette toccate da Giuseppe Tornatore con quello che resta il suo film migliore, ma non sembra nemmeno voler iniziare la scalata: quella era una poesia d’amore, questa è invece una madeleine sui propri maestri, intinta ora nella nostalgia ora in una cattiveria in parte appresa da essi stessi e in parte assorbita dalle origini toscane, in ogni caso facile da sopportare perché tanto ruvida e ironica da sembrare fasulla. Un soggetto costruito con il nobile scopo di rendere omaggio ai registi e agli sceneggiatori del passato, ma che non riesce a renderne la grandezza, facendoli apparire, allo spettatore che non li conosca di suo, soltanto dei vecchi bisbetici e impigriti sul viale del tramonto. Un vero peccato, dal momento che la scelta degli attori era stata perfetta. In primis, anche se questo esula dal film, per aver omaggiato di una particina – il ruolo di una specie di Michelangelo Antonioni, estraneo alle comunelle di Cinecittà – il grande Ferruccio Soleri, consentendogli d’interpretare alla soglia dei novanta un ruolo fatto di cenni e sorrisi abbozzati e di dimostrare così a quel pubblico che lo conosce a malapena e non lo ha mai ammirato nei panni di Arlecchino per quale motivo già mezzo secolo fa Laurence Olivier, vedendolo in scena, gli disse: “Stasera avrei voluto essere te”.

Poi, perché gli attori sono tutti perfettamente funzionali, nella loro differenza di stile, a riprodurre la contrapposizione tra giovane e vecchio. I tre ragazzi sono interpretati da attori al debutto o quasi (solo la Vetere ha già un film all’attivo) e con la loro recitazione un po’ sopra le righe e macchiettistica manifestano le inesperienze e le speranze; dall’altro lato, grandi attori di teatro come Roberto Herlitzka o Paolo Bonacelli, con i loro toni asciutti e composti, sono mirabili nell’incarnare quei personaggi che sanno accogliere tutto con una scrollata di spalle e una battuta fulminante. Ma, purtroppo, una volta delineati tutti questi contrasti, manca il manico ad armonizzarli. In Notti Magiche Virzì mette in scena due sé stessi: quello di ieri, rappresentato dagli entusiasmi, le paure e i sogni dei tre ragazzi; e quello di oggi, incarnato dal cinismo e dal disincanto di quei vecchi maestri di cui ora ha preso il posto. Il film sembra girato con la mano destra del primo e la sinistra del secondo, entrambe incapaci di un efficace compromesso tra la propensione al romantico dell’una e quella al sarcastico dell’altra.

Il risultato è un’opera dai toni incerti dove tutti i personaggi rimangono superficiali e che quindi, pur partendo il rispettivo giudizio da una prospettiva diametralmente opposta, non sarebbe piaciuta né ai tre ragazzi né ai grandi vecchi. Rispetto al limbo in cui li ha collocati Paolo Virzì, i primi si sarebbero aspettati il Paradiso. I secondi, invece, avrebbero preteso di finire all’Inferno.

Di seguito il trailer ufficiale di Notti Magiche, nei cinema dall’8 novembre:

Ornella Muti
Giulio Berruti
Giancarlo Giannini
Paolo Bonacelli
Jalil Lespert
Marina Rocco
Eliana Miglio
Paolo Sassanelli
Roberto Herlitzka
Regina Orioli
Ester Pantano
Andrea Roncato
Emanuele Salce
Giulio Scarpati
Simona Marchini
Francesca Turrini
Mauro Lamantia
Giovanni Toscano
Irene Vetere
Annalisa Arena
Ragazzi perduti (1987) film
Horror & Thriller

Ragazzi Perduti, la serie TV: c’è la trama – con colpo di scena – del pilot

di Redazione Il Cineocchio

Il classico del 1987 procede spedito verso l'adattamento per il piccolo schermo, supervisionato da Rob Thomas ed Heather Mitchell

Leggi
boo! film 2019 luke jaden
Horror & Thriller

Il trailer di Boo! ricorda che gli scherzi non vanno sottovalutati, pena un demone in casa

di Redazione Il Cineocchio

Il giovane Luke Jaden torna alla regia per un horror dalle premesse leggere che vede protagonisti Jaden Piner, Jill Marie Jones e Aurora Perrineau

Leggi
cry havoc film
Horror & Thriller

Nel trailer di Cry Havoc, Robert Bronzi affronta un serial killer dai modi brutali

di Redazione Il Cineocchio

A due anni dal primo film, toccherà ora al sosia di Charles Bronson provare a fermare l'implacabile boogeyman mascherato nel film diretto da Rene Perez

Leggi
Il COLPEVOLE - The Guilty film
Horror & Thriller

Il colpevole – The Guilty | La recensione controcorrente del thriller danese al telefono

di Sabrina Crivelli

Il thriller di debutto del danese Gustav Möller costruisce la suspense solamente sulla parola, azzerando l'azione e l'approfondimento della psicologia del protagonista

Leggi
Sadako Hideo Nakata film 2019
Horror & Thriller

Teaser e poster per Sadako, nuovo film della saga di The Ring diretto da Hideo Nakata

di Redazione Il Cineocchio

A tre anni dalla resa dei conti in La Battaglia dei Demoni, la ragazza demone proverà ancora una volta a uscire dal pozzo e maledire qualche malcapitato

Leggi
Horror & Thriller

Nel trailer di White Chamber, Shauna Macdonald viene torturata per un esperimento

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Oded Fehr e Amrita Acharia tra gli sfortunati protagonisti del thriller diretto da Paul Raschid

Leggi
We Summon the Darkness alexandra daddario film
Horror & Thriller

Nella prima immagine di We Summon the Darkness, Alexandra Daddario è una satanista omicida

di Redazione Il Cineocchio

L'attrice dagli occhi di ghiaccio vaga per i concerti metal negli Stati Uniti degli anni '80 in cerca di vittime nell'horror diretto da Marc Meyers

Leggi
picnic ad hanging rock film serie blu-ray
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray | Picnic ad Hanging Rock, il film e la miniserie TV

di Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino le edizioni italiane del primo adattamento del romanzo di Joan Lindsay diretto nel 1975 per il cinema da Peter Weir e della trasposizione del 2018 per la TV con Natalie Dormer

Leggi
Horror & Thriller

Il trailer di Starfish immerge Virginia Gardner nell’orrore cosmico della fine del mondo

di Redazione Il Cineocchio

Il regista A.T. White torna dietro alla mdp dopo 6 anni per un fanta-horror imbevuto di misteri, mostri ed elaborazione del lutto

Leggi
auguri per la tua morte killer maschera
Horror & Thriller

Christopher Landon su Auguri per la tua Morte: “Pensai a una maschera diversa per il killer”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista dello slasher del 2017 ha rivelato l'iniziale 'ballottaggio', spiegando perché poi ha optato per il bebè

Leggi
The Field Guide to Evil film
Horror & Thriller

Trailer per The Field Guide to Evil: 8 storie del folclore dark per 8 registi horror

di Redazione Il Cineocchio

Tra i nomi coinvolti ci sono Veronika Franz e Severin Fiala, Peter Strickland, Agnieszka Smoczynska e Can Evrenol

Leggi
octavia spencer ma film 2019 horror
Horror & Thriller

Nel trailer di Ma, Octavia Spencer organizza feste a base di musica, alcol e omicidi

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Juliette Lewis e Luke Evans nell'horror 'sbucato dal nulla' diretto da Tate Taylor e prodotto dalla Blumhouse

Leggi
glenn close attrazione fatale film
Horror & Thriller

Glenn Close su Attrazione Fatale: “Ho in mente il remake; approccio diverso ad Alex”

di Redazione Il Cineocchio

L'attrice ha rivelato il suo progetto, che mirerebbe a raccontare in modo completamente differente il ben più problematico e sfaccettato personaggio da lei interpretato nel 1987

Leggi
Horror & Thriller

Nick Antosca sulla serie TV di Chucky: “Storia nuova, ma nel canone della saga de La Bambola Assassina”

di Redazione Il Cineocchio

Lo showrunner ha svelato qualche dettaglio sulla versione televisiva dello storico franchise horror, parlando del tono che verrà adottato e del coinvolgimento di alcuni volti noti

Leggi
allucinazione perversa 1990
Horror & Thriller

Jeff Buhler sul remake di Allucinazione Perversa: “Ho cambiato il colpo di scena”

di Redazione Il Cineocchio

Lo sceneggiatore ha parlato dell'approccio adottato da lui e dal regista David M. Rosenthalal nei confronti del classico del 1990, teso a mantenerne lo spirito originale

Leggi
The Front Runner - Il vizio del potere

The Front Runner - Il vizio del potere

T. originale: The Front Runner

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 5 su 42 voti
Parlami di te

Parlami di te

T. originale: Un Homme Pressé

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 7 su 41 voti
Un uomo tranquillo

Un uomo tranquillo

T. originale: Cold Pursuit

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 5 su 41 voti

RECENSIONE

Copia originale

Copia originale

T. originale: Can You Ever Forgive Me?

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 7 su 133 voti
Quello che veramente importa

Quello che veramente importa

T. originale: The Healer

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 6 su 99 voti
The Lego Movie 2: Una nuova avventura

The Lego Movie 2: Una nuova avventura

T. originale: The Lego Movie 2: The Second Part

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 6 su 103 voti
Westwood. Punk, Icona, Attivista

Westwood. Punk, Icona, Attivista

T. originale: Westwood: Punk, Icon, Activist

Data di uscita: 20-02-2019

Voto medio: 6 su 5 voti
Ex-Otago - Siamo come Genova

Ex-Otago - Siamo come Genova

T. originale: Ex-Otago. Siamo come Genova

Data di uscita: 18-02-2019

Voto medio: 0 su 0 voti
Mamma + Mamma

Mamma + Mamma

T. originale: Mamma + Mamma

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 0 su 0 voti
Un'avventura

Un'avventura

T. originale: Un'avventura

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 6 su 1 voti
La paranza dei bambini

La paranza dei bambini

T. originale: La paranza dei bambini

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 7 su 13 voti
Rex - Un Cucciolo a Palazzo

Rex - Un Cucciolo a Palazzo

T. originale: The Queen's Corgi

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 7 su 4 voti
Ognuno ha diritto ad amare - Touch Me Not

Ognuno ha diritto ad amare - Touch Me Not

T. originale: Touch Me Not

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 6 su 5 voti
Un valzer tra gli scaffali

Un valzer tra gli scaffali

T. originale: In den Gängen

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 7 su 28 voti
La vita in un attimo

La vita in un attimo

T. originale: Life Itself

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 6 su 65 voti
Holmes & Watson

Holmes & Watson

T. originale: Holmes & Watson

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 4 su 55 voti
Alita - Angelo della battaglia

Alita - Angelo della battaglia

T. originale: Alita: Battle Angel

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 6 su 501 voti

RECENSIONE

Crucifixion - Il male è stato invocato

Crucifixion - Il male è stato invocato

T. originale: The Crucifixion

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 5 su 156 voti

RECENSIONE