Home » Cinema » Horror & Thriller » [recensione da Sitges 49] Cane mangia cane di Paul Schrader

5/10 su 154 voti. Titolo originale: Dog Eat Dog, uscita: 04-11-2016. Regista: Paul Schrader.

[recensione da Sitges 49] Cane mangia cane di Paul Schrader

16/10/2016 recensione di Alessandro Gamma

Cercando di ignorare le convenzioni abusate del genere thriller/noir, il regista finisce per dimenticare tutto quello che avrebbe potuto rendere la pellicola efficace. Mal sfruttati Nicolas Cage e Willem Dafoe

Si dice che la prostituzione sia la professione più antica del mondo, ma solo perché il crimine non paga, altrimenti ladri, assassini e spacciatori sarebbero ancora più vecchi. Le loro gesta sono state materia cinematografica fin dai primi giorni di questo medium, nella misura in cui il genere crime è diventato ben definito – il che spiega sicuramente il motivo per cui il regista Paul Schrader (The Canyons) si sia spinto ora fuori dai suoi usuali lidi decidendo di rompere ogni regola con Cane mangia cane (Dog Eat Dog). Superata l’onta di essersi visto sottratto Il nemico invisibile, lo sceneggiatore di Taxi Driver sembra qui deciso a provare alcuni nuovi trucchi. L’idea è quella di realizzare qualcosa di fresco ed elettrizzante, ma invece, il suo approccio anarchico (si potrebbe anche chiamare “criminale”, considerando che disobbedisce deliberatamente alle leggi del genere) finisce invece per rasentare l’incompetenza per la maggior parte del tempo, rigettando la scelta più ovvia a favore di una molto peggiore.

dog-eat-dog-posterSe l’esperimento avesse funzionato, Cane mangia cane avrebbe potuto diventare il nuovo Assassini nati – Natural Born Killers – un’opera in cui antieroi postmoderni si vedono come le stelle del film definitivo sui ‘banditi in fuga’. Adattamento di un romanzo scritto da un vero criminale, Edward Bunker, il film inizia con un ragazzo chiamato Mad Dog (Willem Dafoe) che guarda la TV e termina con l’ex detenuto e amico Tony (Nicolas Cage) che gioca a impersonare Humphrey Bogart nel proprio grandioso e pirotecnico finale in stile di Bonnie e Clyde. Nel mezzo, assoldano un altro amico, incontrato in gattabuia, Diesel (Christopher Matthew Cook), per fare loro da spalla in quello che dovrebbe essere un relativamente semplice sequestro di persona. I tre devono sottrarre un bambino a un tizio di nome Brennan, che ha rubato milioni di dollari a un criminale di Cleveland. Ma Mad Dog ha il grilletto facile e così il cervello di qualche scagnozzo finisce sparso sui muri della cameretta del bimbo. Il film non si preoccupa minimamente di rivelare ciò che succede al piccolo, mancanza che potrebbe o meno essere colpa dello sceneggiatore Matthew Wilder, dal momento che Schrader stesso sembra essersi avvicinato al film decidendo di lasciare il cast e la troupe (quasi tutti giovani e affamati talenti, un po’ troppo ansiosi di dimostrare le proprie qualità) liberi di improvvisare.

Dopo la premiere alla Quinzaine des Réalisateurs al Festival di Cannes, Schrader aveva spiegato la sua strategia: “Non essere noioso“. In realtà, è praticamente l’opposto, consentendo a un certo tipo di anarchia creativa di dirottare la narrazione – che altrimenti sembrerebbe un rip-off in ritardo di un quarto di secolo di un’opera di Martin Scorsese o di Quentin Tarantino. Si consideri la conversazione vagamente pop tenuta all’interno della berlina di Moon Man, in cui lo spacciatore si lamenta di come la sua pigra fidanzata abbia trascurato le sue curve alla Beyoncé, poco tempo prima che il trio (travestiti come i poliziotti meno convincenti di Cleveland, in una delle migliori gag del film) lo faccia scendere. Avrebbe potuto anche discutere delle implicazioni di un massaggio ai piedi alla Pulp Fiction, soltanto che il dialogo non risulta nemmeno lontanamente interessante, e anche con l’auto della polizia visibile attraverso il lunotto posteriore, la suspense è praticamente inesistente.

dog-eat-dog-schraderQuesto però non vuol dire che Cane mangia cane sia del tutto privo di scelte interessanti, anzi, nonostante le esplosioni non infrequenti di momenti gonzo siano tutte al servizio di una premessa tanto poco interessante. Naturalmente le cose vanno molto peggio del previsto, con Tony, Diesel e Mad Dog che iniziano a tradirsi a vicenda, ma è difficile ritrovarsi coinvolti quando i personaggi sembrano così poco autentici, tanto per cominciare. In sostanza Cage, Cook e Dafoe vivono di stereotipi – l’esempio perfetto di come ogni attore si approcci in modo eccentrico al proprio personaggio è la sequenza in cui portano tutti i loro soldi in un casinò-hotel e cercano di farsi la prima donna che ci sta, il tutto ulteriormente esaltato da un montaggio alternato.

Quelli che sperano in un’altra prova pazzoide di Cage (in stile Il cattivo tenente – Ultima chiamata New Orleans o The Rock) saranno soddisfatti dalla sua imitazione di Humphrey Bogart, anche se non è niente in confronto alla scena d’apertura con Dafoe sotto l’effetto delle droghe (che gli vale appunto il soprannome Mad Dog, pur non mettendoci nulla della passione vista nel sottovalutato Lo Spacciatore, sempre di Schrader). Infatti, questo sociopatico prologo – in cui Mad Dog bagna le pareti rosa kitsch della casa della sua ragazza con l’acceso rosso del sangue, mentre la sua collezione di bobblehead osserva la scena con orrore – rende molto difficile una qualche forma di immedesimazione dello spettatore con questo personaggio – o nei suoi compagni criminali- , ma almeno lo mette in guardia sul tipo di follia che da lì a poco si dispiegherà (anche se praticamente nessuna delle sequenze successive si avvicina a questa).

Occupandosi della fotografia del suo primo lungometraggio, Alexander Dynan sperimenta con composizioni widescreen, utilizzando specchi e neon per creare scene visivamente interessanti. Il tentativo incessante di non essere mai noiosi, tuttavia, può fare poco davanti a del materiale che raramente si solleva dalla mediocrità.

Anche l’aver a disposizione un libro il cui autore è davvero stato un criminale, e quindi perfettamente padrone di quanto scritto, non si traduce in un film all’altezza, che invece risulta sempre sfacciatamente iper-stilizzato e ‘finto’. Ci sono scene proiettate in bianco e nero, e altre illuminate come se appartenessero a un film di Nicolas Winding Refn. Come per i protagonisti, che non hanno nemmeno un codice d’onore tra ladri da rispettare, le scelte di Schrader sembrano quasi tutte arbitrarie. Invece di ergersi a veterani che sanno esattamente quello che stanno facendo, il risultato è all’opposto pericolosamente amatoriale. Un’occasione molto sprecata.

Di seguito il trailer originale:

Nicolas Cage
Willem Dafoe
Louisa Krause
Paul Schrader
Magi Avila
Johanna McGinley
Reynaldo Gallegos
Melissa Bolona
Omar J. Dorsey
John Patrick Jordan
Chelsea Mee
Jessica Sonneborn
Logan Fry
Christopher Matthew Cook
Richard Fike
Tevis R. Marcum
Tora Kim
Lauren Ashley Berry
Ali Wasdovich
Louis Perez
Theresa Wylie
Susan Cashdollar
Joe Gallipoli
Shawn Mattox
Robert Maples
Steve Mayberry
Ali Amin Carter
Todd Emmett
De'Andre Bush
Jonathan Gaietto
Bruce Reizen
Phillip Shaun DeVone
Rex Alba
Melissa Rae Bender
Jay J. Bidwell
Megan Brautigam
Christopher Butler
Peter Chiamardas
Lou Consolo
Jessica Daley
Donavan Darius
Benjamin Donlow
David Downie
Kim Evans
Rod Fielder
Rick Fike Jr.
Joe Fishel
Eric Frank
David Gragg
Jeff Hilliard
John W. Iwanonkiw
Gary Jones
Jack Norman
Edward Pfeifer
Whitney Romito-Mason
Allen Roth
Mark Salas
Debbie Scaletta
David Spencer
Michael Vehar
Nicky Whelan
Chelcie Lynn
Moussa Hachem
Keith Hernandez
Michael Wisniewski
Cheryl L. Sorice
Charles Dean Stead
Carl Mintz
Leilani Barrett
James Seward
Audrey Morgan
Heather Chadwell
Monisha B. Schwartz
Destiny C. Cole
Jennifer Mary Stanaltis
Cimone Drupman
Gina R. Demczyk
Shieda Orr
Karla Scime
Basil Crimaldi
Jake Ingrassia
Kristina Randjelovic
Shane Brewer
Sean Manos
Courtney Ann Sivinsky Benson
Joel Bauschatz
Adam M. Miele
Christian Miranda
Joseph H Coxon
James Woods in Videodrome (1983) film
Horror & Thriller

Riflessione | Videodrome: come David Cronenberg sovvertì le regole del noir thriller classico

di Sabrina Crivelli

Nel 1983, il regista canadese prendeva una formula di Hollywood consolidata e ne rimasticava gli stilemi, sputando fuori qualcosa di assolutamente inedito

Leggi
halloween michael myers 2018
Horror & Thriller

Un teaser annuncia Halloween Kills e Halloween Ends, sequel back-to-back diretti da David Gordon Green

di Redazione Il Cineocchio

A sorpresa, l'horror del 2018 si trasforma nel primo capitolo di una trilogia, con Jamie Lee Curtis e John Carpenter nuovamente coinvolti

Leggi
the walking dead andrew lincoln
Horror & Thriller

Teaser promo per il primo film di The Walking Dead: Rick Grimes va al cinema

di Redazione Il Cineocchio

I fan scopriranno in sala il destino del personaggio interpretato da Andrew Lincoln dopo l'uscita di scena dalla serie

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Creepshow: la serie antologica riporta in TV l’horror dal gusto retrò

di Redazione Il Cineocchio

A oltre 35 anni dal primo film, Greg Nicotero ha radunato sceneggiatori del calibro di Stephen King e Joe R. Lansdale e attori iconici come Adrianne Barbeau, Tobin Bell e Jeffrey Combs per terrorizzare una nuova generazione di spettatori

Leggi
zombie tidal wave film 2019
Horror & Thriller

Trailer per Zombie Tidal Wave: Ian Ziering affronta uno tsunami di non morti

di Redazione Il Cineocchio

La star ritrova il regista Anthony C. Ferrante per quella che sembra destinata a diventare la saga di SyFy che prenderà il posto di Sharknado

Leggi
Horror & Thriller

Robert Eggers su The Witch: “A causa del film, la Polonia mi considerò persona non gradita”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista ha rivelato che la promozione un po' troppo blasfema del folk horror del 2015 scatenò un grosso malinteso con le autorità locali

Leggi
critters attack film 2019
Horror & Thriller

Critters Attack! | La recensione del quinto film della saga diretto da Bobby Miller

di William Maga

C'è anche il cammeo di Dee Wallace nella lettera d'amore straight-to-video che riporta sullo schermo i terribili extraroditori dopo quasi 30 anni di assenza

Leggi
Serenity - L'isola dell'inganno film 2019
Horror & Thriller

Serenity – L’isola dell’inganno | La recensione del film con Matthew McConaughey e Anne Hathaway

di Giovanni Mottola

Steven Knight gira un thriller 'marinaresco' che fa acqua da tutte le parti: più che di meta-cinema, trattasi di cinema a metà

Leggi
it - capitolo 2 pennywise film
Horror & Thriller

Trailer finale per IT Capitolo Due: i ‘perdenti’ tornano a Derry per il confronto decisivo con Pennywise

di Redazione Il Cineocchio

Toccherà agli adulti James McAvoy, Jessica Chastain e Bill Hader sconfiggere una volta per tutte il clown danzante nella seconda parte dell'horror diretto da Andrés Muschietti

Leggi
Frankie Muniz in The Black String (2018) film
Mindhunter stagione 2 manson
Horror & Thriller

Mindhunter stagione 2: data di uscita e 10 immagini (c’è anche Charles Manson)

di Redazione Il Cineocchio

Nei nuovi episodi della serie Netflix, Jonathan Groff, Holt McCallany e Anna Torv si ritroveranno faccia a faccia con altri famosissimi serial killer

Leggi
Florence Pugh in Midsommar (2019)
Horror & Thriller

Midsommar – Il Villaggio dei Dannati: esaminiamo la simbologia (rune, riti, dipinti) del folk horror di Ari Aster

di Redazione Il Cineocchio

Spiegazione e vademecum dell'iconografia e dell'immaginario celati in bella vista nel film con Florence Pugh

Leggi
adoration film du welz
Horror & Thriller

Poster e trama per Adoration, il nuovo thriller di Fabrice du Welz

di Redazione Il Cineocchio

A 15 anni da Calvaire, il regista belga chiude la sua 'trilogia delle Ardenne'

Leggi
feedback film Pedro C. Alonso
Horror & Thriller

Trailer per Feedback: la vita di Eddie Marsan viene distrutta in diretta radiofonica

di Redazione Il Cineocchio

C'è la mano di Jaume Collet-Serra dietro all'esordio nell'horror del regista spagnolo Pedro C. Alonso, a cui han preso parte anche Paul Anderson e Ivana Baquero

Leggi
Isabelle Grill in Midsommar (2019) film ari aster
Horror & Thriller

Midsommar – Il Villaggio dei Dannati: guida all’interpretazione del film di Ari Aster

di Redazione Il Cineocchio

Cerchiamo di dare una spiegazione razionale e ragionata a ciò che accade, prima e sul finale, nel folk horror con Florence Pugh

Leggi
Midsommar - Il villaggio dei dannati

Midsommar - Il villaggio dei dannati

25-07-2019

RECENSIONE

La piccola boss

La piccola boss

25-07-2019

Men in Black: International

Men in Black: International

25-07-2019

RECENSIONE

Passpartù: Operazione Doppiozero

Passpartù: Operazione Doppiozero

18-07-2019

Vita segreta di Maria Capasso

Vita segreta di Maria Capasso

18-07-2019

Il mangiatore di pietre

Il mangiatore di pietre

18-07-2019

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

18-07-2019

Birba - Micio Combinaguai

Birba - Micio Combinaguai

18-07-2019

Skate Kitchen

Skate Kitchen

18-07-2019

Serenity - L'Isola dell'Inganno

Serenity - L'Isola dell'Inganno

18-07-2019

RECENSIONE

Edison - L'uomo che illuminò il mondo

Edison - L'uomo che illuminò il mondo

18-07-2019

Raccolto amaro

Raccolto amaro

18-07-2019

Welcome Home

Welcome Home

11-07-2019

RECENSIONE

Il mostro di St. Pauli

Il mostro di St. Pauli

11-07-2019

Domino

Domino

11-07-2019

RECENSIONE

Powidoki - Il ritratto negato

Powidoki - Il ritratto negato

11-07-2019

G.A.I.A.

G.A.I.A.

10-07-2019

Spider-Man - Far From Home

Spider-Man - Far From Home

10-07-2019

RECENSIONE