Home » Cinema » Horror & Thriller » [recensione] I am a Hero di Shinsuke Sato

6/10 su 93 voti. Titolo originale: アイアムアヒーロー, uscita: 23-03-2015. Regista: Shinsuke Sato.

[recensione] I am a Hero di Shinsuke Sato

di Alessandro Gamma

L'inspiegabilmente invisibile adattamento del manga di Kengo Hanazawa è uno degli zombie movie più interessanti e intelligenti degli ultimi anni

Sorta di risposta al successo internazionale di The Walking Dead, I Am a Hero è la prima incursione giapponese ad alto budget nel sottogenere degli zombie. Certamente non la prima, con film come Wild Zero e Versus emersi dalla scena indipendente circa 15 anni fa, ma con la mania dei non morti ormai vecchia di un decennio, è però sorprendente che ci sia voluto così tanto per tentare la carta del blockbuster. Già oscurato dallo strepitoso Train to Busan, e dal rinnovato interesse per la serie di Robert Kirkman, cosa mai potrebbe rendere allora I am a Hero uno dei migliori film di zombie del 2016?

i-am-a-hero-shinsuke-sato-posterHideo Suzuki è un 35enne sfortunato assistente mangaka e un personaggio secondario nella stessa storia della sua stessa vita. Disprezzato dai suoi collaboratori e inesorabilmente deriso dalla sua ragazza, Hideo sogna ad occhi aperti un mondo in cui possa diventare un essere umano di una qualche utilità. Ma proprio mentre i suoi sogni cominciano a sgretolarsi, un virus sconosciuto spazza via la maggior parte della popolazione del Giappone, trasformando i cittadini in zombie assetati di sangue, che vengono denominati ZQN. Avendo sentito di una possibile zona sicura in cima del monte Fuji, Hideo, con il suo fucile e il porto d’armi in mano ha quindi la possibilità di fuggire dalla capitale e diventare finalmente il fatidico eroe che è destinato a essere (il suo è un nomen omen infatti).

Entrando in un sottogenere già molto affollato, I Am a Hero è certamente derivativo, con un’apertura che ricorda L’Alba dei morti Viventi del 2004 e un protagonista che richiama quelli di L’Alba dei morti Dementi. In tutta onestà però, l’opera diretta da Shinsuke Sato si inserisce tranquillamente tra quelle più divertenti degli ultimi anni, e l’ambientazione ‘differente’ giapponese porta senza dubbio una ventata di freschezza nonostante la sua convenzionalità. La restrittiva legge sulle armi in vigore nel paese del Sol Levante cambia già da sola drasticamente la narrazione, visto che nel secondo atto del film la presenza di un unico fucile minaccia di fare a pezzi l’intera comunità. Allo stesso modo, gli zombie sono qui legati al lavoro e alla conformità, e i NEET del Giappone minacciano di (ri)prendere il potere sulle loro vite in un modo che ritengo il paese gli abbia negato.

Le scene d’azione hanno una messa in scena sorprendente, con l’attacco degli zombie all’inizio che risulta comicamente cinetico e un inseguimento sul taxi che rivaleggia tranquillamente con quelli di Hollywood. Molto interessante è inoltre il modo in cui il regista bilancia il tono del film, che non diventa mai completamente una commedia alla Zombieland ed evita la cupezza di TWD. Anche durante le sequenze dialogate Sato gioca con le fantasie di Hideo prima di mostrare la realtà effettiva della sua situazione; sognando ad esempio di caricare con grandi discorsi i suoi beffardi colleghi prima di scivolare di nuovo nella vita vera e rispondere loro con qualche borbottio.

i-am-a-hero-di-shinsuke-satoUscendo da pellicole d’azione live action come i due Gantz, si potrebbe giustamente essere preoccupati dal coinvolgimento di Shinsuke Sato. Non perché i suoi film siano necessariamente brutti, ma a causa della natura castrata dei suoi adattamenti precedenti. Con I Am a Hero non si corre però questo rischio. Se il gore non è il focus centrale della pellicola, questa è comunque assolutamente piena fino all’orlo di roba rossa. Ci sono lottatori di sumo insanguinati, zombie con la testa aperta a metà e aberrazioni contorte in pose da ragno che renderebbero Junji Ito orgoglioso. Soprattutto, gli FX sono realizzati magistralmente. La combinazione di CGI ed effetti pratici concorre a creare alcuni delle zombie più inventivi a memoria recente, e una sparatoria finale da tramandare.

La satira è poi qui più acuta che in qualsiasi altro film di zombie visto negli ultimi anni. Dare ai non morti il dono della parola all’inizio potrebbe sembrare un errore, ma funziona sorprendentemente bene. Come nella saga di George A. Romero, i ritornanti sembrano costretti a ripetere le azioni compiute in vita, solo che in questo caso non è il consumismo a definire il loro stato, ma il lavoro. Lo ZQN alla cassa ripete all’infinito ‘irasshaimase!’ (benvenuto!), mentre un altro si trova al centro del negozio con il braccio alzato e la valigetta in mano, come se stesse continuando a prendere il treno per andare a lavorare anche da morto.

Ciò che veramente aiuta il film a riuscire dove altri adattamenti di manga spesso falliscono è tuttavia la capacità di identificarsi nei suoi personaggi. Non siamo tutti aspiranti mangaka chiaro, ma il protagonista Hideo ha aspirazioni che possono toccare tutti. A 35 anni, non desidera nulla più che essere uguale a uno dei personaggi cool dei fumetti che legge, ma a differenza di altri adattamenti, non riesce mai a raggiungere tali topoi, risultando in questo modo più simpatico allo spettatore. Ciò è possibile in larga parte grazie alla splendida fonte disegnata creata da Kengo Hanazawa nel 2009, ma parte del merito va dato anche a Yo Oizumi per l’interpretazione carismatica del protagonista, e dopo aver assistito ad alcune performance davvero discutibili (leggasi L’attacco dei Giganti e As the Gods Will), il suo contributo non si può davvero sottovalutare.

i-am-a-hero-di-shinsuke-sato-filmSe si deve sollevare una critica a I Am a Hero è che avrebbe potuto fare di più nel piantare i semi per i possibili/probabili sequel. Così com’è, la pellicola finisce senza lasciare un grande appagamento, aggravato dal fatto che non riesce a segnalare che gli eventi narrati non rappresentano la totalità della storia. Il manga è definito dal tema di fondo della sensazione di fallimento da parte della società, i cui sopravvissuti provano a dare un senso alle proprie esistenze e a spostarsi verso l’alto nella nuova società che andrà prima o poi a formarsi. Appoggiarsi maggiormente a questo aspetto avrebbe potuto pertanto aiutare a definire – e ampliare – il mondo di I Am a Hero. Invece il film finisce e basta, con l’arco narrativo del protagonista non concluso e una situazione di sicurezza non ripristinata, lasciando molto lavoro al (si spera) inevitabile seguito.

Un grande peccato infine che la Toho abbia decisamente fallito nel vendere quest’opera a livello internazionale. Avevano per le mani una potenziale hit che non solo avrebbe soddisfatto gli otaku più incalliti, ma si sarebbe potuta benissimo ergere tranquillamente sulle proprie gambe in mezzo agli altri esponenti del genere. Eppure, rispetto a Train to Busan, la pellicola ha avuto un’eco prossima allo zero in Europa (o in America), ed è difficile credere che sia per colpa dei distributori stranieri. Con effetti speciali fantastici, una regia creativa e personaggi ai quali ci si affeziona, I am a Hero non è soltanto uno dei migliori film di zombie dell’anno, ma un fulgido modello da seguire per i futuri adattamenti da manga. Peccato ben pochi abbiano avuto la fortuna di vederlo.

Di seguito il trailer ufficiale di I am a Hero:

Yo Oizumi
Kasumi Arimura
Yuki Yoshizawa
Yoshinori Okada
Yu Tokui
Nana Katase
Makita Sports
Muga Tsukaji
Jin Katagiri
Toru Kazama
Masami Nagasawa
Hisashi Yoshizawa
Runa Endo
Hiromitsu Takeda
serenity Matthew McConaughey film
Horror & Thriller

Nel trailer di Serenity, Matthew McConaughey è coinvolto in un omicidio in alto mare

di Redazione Il Cineocchio

Steven Knight torna dietro alla mdp per un intricato thriller hitchcockiano in cui troviamo anche Anne Hathaway e Jason Clarke

Leggi
The Clovehitch Killer film
Horror & Thriller

Recensione | The Clovehitch Killer di Duncan Skiles

di Sabrina Crivelli

La banalità del Male ha il volto di Dylan McDermott, padre di famiglia all'apparenza irreprensibile che cela una natura oscura e inaccettabile

Leggi
the vanishing film gerard butler
Horror & Thriller

Nel trailer di The Vanishing, la brama d’oro acceca Gerard Butler

di Redazione Il Cineocchio

L'attore è protagonista del thriller psicologico diretto da Kristoffer Nyholm che racconta il mistero del faro delle Isole Flannan

Leggi
Horror & Thriller

John Hyams su Maniac Cop: “Il remake avrà un tono diverso, non sarà un tributo”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista ha aggiornato sullo stato dei lavori e su cosa ne pensa il produttore Nicolas Winding Refn

Leggi
Jungle Virgin Force + Il Mostro Delle Yucca Flats + Snowbeast + L'Attacco Delle Sanguisughe Giganti dvd
Horror & Thriller

Recensione DVD | Jungle Virgin Force + Il Mostro Delle Yucca Flats + Snowbeast + L’Attacco Delle Sanguisughe Giganti

di Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino le edizioni italiane del folle horror indonesiano, del monster movie con Tor Johnson, del creature-feature scritto da Joseph Stefano e del film prodotto da Roger Corman

Leggi
la notte dei demoni 1988 film
Horror & Thriller

Il trailer di The Party’s Just Begun! esplora la saga di La Notte dei Demoni

di Redazione Il Cineocchio

Presto un documentario che esaminerà i 4 film della saga horror iniziata nel 1988 da Kevin S. Tenney, con interviste e materiale inedito

Leggi
Horror & Thriller

Nel trailer di The Intruder, Dennis Quaid alza l’ascia contro una coppia di sposini

di Redazione Il Cineocchio

Nel thriller di Deon Taylor, l'attore impazzisce alla maniera di Jack Torrance e se la prende con Michael Ealy e Meaghan Good

Leggi
Mia Wasikowska piercing film
Horror & Thriller

Nel trailer di Piercing, Mia Wasikowska è una escort con tendenze sadomasochiste

di Redazione Il Cineocchio

Il regista del disturbante The Eyes of My Mother torna sulle scene con l'adattamento di un romanzo di Ryu Murakami in cui troviamo anche Christoper Abbott

Leggi
true blood poster serie
Horror & Thriller

Alan Ball su True Blood: “Scartammo Jennifer Lawrence al provino”

di Redazione Il Cineocchio

Il creatore della serie fanta-horror non solo ha rivelato il retroscena e discusso le motivazioni, ma ha menzionato anche due altri nomi celebri - futuri candidati all'Oscar - che vennero chiamati a leggere le parti principali

Leggi
Horror & Thriller

Io sono Valentina Nappi in DVD a tiratura limitata, con il corto Queen Kong

di Redazione Il Cineocchio

Arriva sul mercato italiano il cofanetto che raccoglie i due lavori dell'attrice hard con la regista Monica Stambrini

Leggi
Amy Adams in Animali Notturni (2016)
Horror & Thriller

Animali Notturni: spieghiamo il doppio finale del noir di Tom Ford

di Redazione Il Cineocchio

Cerchiamo di far luce sugli ultimi istanti del film per capire cosa abbia voluto dire il regista col comportamento dei due protagonisti interpretati da Jake Gyllenhaal e Amy Adams

Leggi
Horror & Thriller

Recensione | The Farm di Hans Stjernswärd

di William Maga

Ennesimo horror rurale che, invece di illustrare il suo originale messaggio animalista, decide di puntare sui soliti cliché abusati e su scelte di sceneggiatura incomprensibili

Leggi
cam film netflix Madeline Brewer
Horror & Thriller

Decifriamo il finale di CAM coi creatori Daniel Goldhaber e Isa Mazzei

di Redazione Il Cineocchio

Il sexy thriller ambientato nel mondo delle camgirl sul pericolo del furto di identità lascia più di un dubbio negli spettatori. Scopriamo insieme qual è il significato del film con Madeline Brewer distribuito da Netflix

Leggi
Horror & Thriller

Nel trailer di The Informer, Joel Kinnaman va in prigione conteso da mafia e FBI

di Redazione Il Cineocchio

Nell'adattamento del romanzo crime Tre Secondi troveremo anche Rosamund Pike, Clive Owen, Common e Ana de Armas

Leggi
Отрыв 2018 film break
Horror & Thriller

Il trailer di Break ci blocca dentro una funicolare sopra un precipizio

di Redazione Il Cineocchio

Il regista russo Tigran Saakyan esordisce dietro alla mdp con un thriller che abbandona i suoi protagonisti sospesi nel vuoto alla vigilia di Capodanno

Leggi
Il vizio della speranza

Il vizio della speranza

T. originale: Il Vizio della speranza

Data di uscita: 22-11-2018

Voto medio: 0 su 1 voti
Upgrade

Upgrade

T. originale: Upgrade

Data di uscita: 22-11-2018

Voto medio: 7 su 658 voti

RECENSIONE

Morto tra una settimana... O ti ridiamo i soldi

Morto tra una settimana... O ti ridiamo i soldi

T. originale: Dead in a Week (Or Your Money Back)

Data di uscita: 22-11-2018

Voto medio: 6 su 2 voti
Ralph Spacca Internet

Ralph Spacca Internet

T. originale: Ralph Breaks the Internet

Data di uscita: 22-11-2018

Voto medio: 9 su 3 voti
Robin Hood - L'origine della leggenda

Robin Hood - L'origine della leggenda

T. originale: Robin Hood

Data di uscita: 22-11-2018

Voto medio: 6 su 3 voti

RECENSIONE

Almost Nothing - Cern: La Scoperta Del Futuro

Almost Nothing - Cern: La Scoperta Del Futuro

T. originale: Almost Nothing - Cern: Experimental City

Data di uscita: 18-11-2018

Voto medio: 0 su 1 voti
Red Land (Rosso Istria)

Red Land (Rosso Istria)

T. originale: Red Land (Rosso Istria)

Data di uscita: 15-11-2018

Voto medio: 0 su 0 voti
Cosa fai a Capodanno?

Cosa fai a Capodanno?

T. originale: Cosa fai a Capodanno?

Data di uscita: 15-11-2018

Voto medio: 6 su 2 voti
Summer

Summer

T. originale: Лето

Data di uscita: 15-11-2018

Voto medio: 8 su 24 voti
Keepers

Keepers

T. originale: Keepers

Data di uscita: 15-11-2018

Voto medio: 1 su 1 voti

RECENSIONE

Red Zone - 22 Miglia di Fuoco

Red Zone - 22 Miglia di Fuoco

T. originale: Mile 22

Data di uscita: 15-11-2018

Voto medio: 5 su 364 voti

RECENSIONE

Animali Fantastici - I crimini di Grindelwald

Animali Fantastici - I crimini di Grindelwald

T. originale: Fantastic Beasts: The Crimes of Grindelwald

Data di uscita: 15-11-2018

Voto medio: 7 su 846 voti

RECENSIONE

Bernini

Bernini

T. originale: Bernini

Data di uscita: 12-11-2018

Voto medio: 6 su 1 voti