Home » Cinema » Horror & Thriller » [recensione] Personal Shopper di Olivier Assayas

5/10 su 633 voti. Titolo originale: Personal Shopper, uscita: 19-10-2016. Budget: $6,000,000. Regista: Olivier Assayas.

[recensione] Personal Shopper di Olivier Assayas

24/04/2017 recensione film di Sabrina Crivelli

Kristen Stewart è la protagonista di un anestetico dramma esistenzialista che si taccia di paranormale, ma è incapace di concretizzare i suoi fantasmi

Film pretenzioso e piuttosto inconcludente, Personal Shopper di Olivier Assayas si avvale di quell’intellettualismo sterile per raccontare una storia incapace di comunicare granché, ammantata di un nonsense a tratti volontario, a tratti  frutto di una certa incoerenza e frammentarietà nella diegesi.

personal shopper locandinaIncentrato su un soggetto problematico, quella che potrebbe essere il corrispettivo in gonnella di alcuni eroi postmoderni, quali il musiliano protagonista di L’uomo senza qualità o quello sveviano di La coscienza di Zeno, seguiamo la quotidianità dell’apatica Maureen Cartwright, incarnata da una diafana e altrettanto impassibile Kristen Stewart. La ragazza è, come il titolo stesso suggerisce, una personal shopper, ossia si occupa del guardaroba per una viziata socialiser, Kyra (Nora von Waldstätten), ma è decisamente scontenta del suo lavoro e affronta una profonda crisi esistenziale, dovuta anche alla recente scomparsa del fratello gemello con cui aveva un legame particolarmente stretto. Film che promette una prospettiva marcatamente paranormale, almeno nella sinossi, dovrebbe concentrarsi proprio su questo secondo aspetto, il rapporto con il defunto e la ricerca di un suo segnale da parte della sorella che, come lui, dovrebbe avere doti medianiche.

Il fulcro della narrazione è tutto qui, l’attesa di Maureen di poter in qualche modo entrare in contatto con il congiunto scomparso, che la tiene imprigionata in una Parigi grigia e deprimente, in un mestiere che odia e non le permette di andare avanti con la sua vita. Tuttavia, il film rimane sospeso a metà strada tra l’esistenzialismo francese dei tempi d’oro alla Il diavolo probabilmente (Le Diable probablement di Robert Bresson) e il paranormale con un tocco di thriller, dato dall’abbozzata commistione tra un misterioso corrispondente con cui ad un certo punto inizia un singolare scambio di messaggi, nonché da un omicidio, che però viene lasciato completamente in secondo piano, quasi buttato lì a fare un po’ di clamore con una truce scena del delitto, ma totalmente avulso dallo sviluppo, anzi il fatto viene portato a termine in maniera sconclusionata e nebulosa. Infine, il lato orrorifico, alla stregua dell’omicidio, è altrettanto maltrattato: la rappresentazione delle entità spiritiche che di tanto in tanto si palesano in una vecchia casa vuota è costituita da manifestazioni letteralmente fumose, che la protagonista definisce aggressive, ma che invero dopo qualche sfarfallio da terra se ne vanno senza fare troppe storie, insomma nulla che susciti la benché minima reazione nello spettatore. A ciò si somma qualche bicchiere rotto o a mezz’aria, ma il paranormale è tutto qui, di sicuro deludente, neppure gli interni notturni sono capaci di trasmettere una qualche sensazione, non fossero altro paura e angoscia.

Personal shopper 1D’altra parte ogni aspetto della trama è trattato allo stesso modo, sono spot frammentari che s’inseriscono in un filo conduttore tanto esile e sfilacciato da risultare pressoché inesistente. Innegabile è una certa abilità nella regia, con pure una citazione di Shining nel girato, ma non è sufficiente. La stessa psicologia, come le doti extrasensoriali della protagonista, o il dialogo con il gemello defunto, sono trattati con tale freddezza e minimalismo da risultare privi di ogni attrattiva. Impossibile è allora sviluppare la benché minima empatia con la ragazza, una perenne depressa che si muove avanti e indietro dalla metropoli francese in sella al suo motorino con il suo vestiario ricercatamente casual e mascolino. Ancor meno coinvolgente poi diventa la stessa quando, aggirandosi in atelier in loco o a Londra con fare distaccato e una certa insofferenza sceglie i capi per la sua datrice di lavoro, che con gli amici non manca di disprezzare apertamente.

Perfino quando è mostrata insieme alla ex ragazza del gemello è fastidiosa e suscita pochissima simpatia. E’ solo una figurina cool senza spessore, una versione smorta della protagonista di Il diavolo veste Prada, che dalla sua aveva personalità e autoironia; d’altro canto siamo in un film autoriale e perciò è necessario ostentare impegno, prendersi fin troppo sul serio. Al contrario, è palese, non vuole certo essere un personaggio caricaturale, ma nemmeno connotato in modo negativo, riuscendo però così ancor più disturbante, proprio perché non c’è intento che lo sia, anzi vuole solo essere drammatico. Detto ciò la Stewart è, bisogna riconoscerlo, perfetta per la parte, incarna in maniera naturale il soggetto che le è stato destinato, dacché emana nichilismo da ogni sguardo e ogni movenza; la sua recitazione, anestetizzata, fa poi coppia perfetta con il modus narrandi scelto da regista, concretizzandolo con una performance che calza a pennello, con quell’aura tenebrosa e sofferente che è innata in lei.

Tuttavia lo spettatore attende fiducioso e sempre più depresso, come Maureen, che arrivi il momento topico, che accada qualcosa di incisivo, o anche solo qualcosa e basta, ma dopo i suoi più di 100 minuti di durata, che visto la dilatazione nel raccontare sembrano almeno il doppio, assiste al finale, frustrante forse più del lungo percorso affrontato, e rimane, semplicemente basito.

Di seguito il trailer ufficiale italiano di Persona Shopper, nei cinema dal 13 aprile:

Kristen Stewart
Sigrid Bouaziz
Lars Eidinger
Anders Danielsen Lie
Nora von Waldstätten
Ty Olwin
Audrey Bonnet
Hammou Graïa
Benjamin Biolay
Pascal Rambert
Aurélia Petit
Dan Belhassen
Pamela Betsy Cooper
Leo Haidar
Yun Lai
Abigail Millar
Benoït Peverelli
Khaled Rawahi
Fabrice Reeves
David Bowles
Christina Konstantinidis
Charles Gillibert
Olivia Ross
Thibault Lacroix
Calypso Valois
Mickaël Laplack
Vianney Duault
Célia Ouallouche
Julie Rouart
Monika Bastova
Jakup Stritezsky
Charlotte Caussarieu
Natasa Novotna
Iris Müller-Westermann
Helmut Zander
Horror & Thriller

Lux Æterna | Recensione del film di Gaspar Noé (Sitges 52)

di William Maga

Béatrice Dalle e Charlotte Gainsbourg sono le protagoniste di un mediometraggio che racchiude i consueti tratti della poetica del regista franco-argentino, tra disperazione, improvvisazione e luci martellanti

Leggi
Horror & Thriller

The Forest of Love | La recensione del film di Sion Sono (per Netflix)

di Francesco Chello

Il regista giapponese torna sulle scene con un'opera divisiva e a tratti estenuante, che ribadisce e rafforza la sua poetica e ne rilancia le ossessioni e i temi cardine

Leggi
daniel isn't real film
countdown film horror 2019
Horror & Thriller

Trailer italiano e data di uscita per Countdown: un’App ci dice quando è il momento di morire

di Redazione Il Cineocchio

C'è il regista Justin Dec dietro al concept che rielabora l'ineluttabilità del tragico destino di un gruppo di ragazzi

Leggi
pupi avati sitges 2019
Horror & Thriller

Intervista | Pupi Avati svela i retroscena della sceneggiatura di Salò e l’incontro con Pasolini

di Redazione Il Cineocchio

Il regista bolognese ci ha raccontato come mai non risulta accreditato come autore del copione dello sconvolgente film del 1975, tra aneddoti simpatici e presagi di morte

Leggi
la famiglia addams film 2019
Horror & Thriller

La famiglia Addams | La recensione del film animato di Conrad Vernon e Greg Tiernan (Sitges 52)

di William Maga

Gomez, Morticia, Mercoledì e gli altri tornano sul grande schermo dopo una lunga pausa per una storia che omaggia tutte le precedenti incarnazioni, elogiando la bellezza della diversità

Leggi
Horror & Thriller

Light of My Life | La recensione del film di – e con – Casey Affleck

di William Maga

L'attore 44enne torna dietro alla mdp per un'opera intimista, che sfrutta uno scenario post apocalittico per approfondire sentitamente il rapporto tra un padre solo e una figlia giovanissima che deve crescere molto in fretta

Leggi
Horror & Thriller

Revenge | La recensione del film di vendetta di Coralie Fargeat (Sitges 50)

di Sabrina Crivelli

La regista francese gioca con gli stereotipi di un genere controverso e inonda di sangue il suo primo, riuscitissimo, lungometraggio, che vede protagonista Matilda Lutz

Leggi
Judy and Punch film Mia Wasikowska
Horror & Thriller

Judy and Punch | La recensione del film di Mirrah Foulkes con Mia Wasikowska (Sitges 52)

di Sabrina Crivelli

La regista australiana rilegge in chiave revenge femminista il tradizionale spettacolo di marionette britannico del 16° secolo, avvalendosi di interpretazioni sostanziose e di un dark humor che funziona benissimo

Leggi
dario argento sitges 2019
l'immortale ciro di marzio marco d'amore film
Horror & Thriller

Teaser e data di uscita per L’immortale, film spin-off di Gomorra su Ciro Di Marzio

di Redazione Il Cineocchio

Questa volta Marco D'Amore ha fatto tutto da solo, scrivendo la sceneggiatura, recitando e firmando la sua prima regia

Leggi
Horror & Thriller

Full trailer per Light of My Life: Casey Affleck vaga per un mondo senza donne con la figlia

di Redazione Il Cineocchio

Dopo 9 anni, l'attore torna alla regia per un film post-apocalittico in cui troviamo anche Elisabeth Moss

Leggi
maniac cop 1988 film
Horror & Thriller

Nicolas Winding Refn su Maniac Cop: “Luce verde da HBO per la serie TV remake”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista danese e John Hyams si alterneranno alla regia degli episodi che aggiorneranno e amplieranno il mondo creato nel 1988 da William Lustig

Leggi
dario argento guanto nero
Horror & Thriller

Dario Argento torna in TV con Longinus, serie esoterica ambientata tra Francia e Italia

di Redazione Il Cineocchio

A 7 anni da Dracula 3D, il regista 79enne sceglie il piccolo schermo per terrorizzare di nuovo i suoi fan

Leggi
shining edizione estesa 2019 jack nicholson
Horror & Thriller

Shining: trailer per la versione estesa e 4K, nei cinema italiani solo per 2 giorni

di Redazione Il Cineocchio

Per i fan del film di Stanley Kubrick del 1980 con Jack Nicholson anche una sorpresa collegata a Doctor Sleep

Leggi
Metallica & San Francisco Symphony: S&M2

Metallica & San Francisco Symphony: S&M2

18-10-2019

The Panama Papers

The Panama Papers

18-10-2019

Se mi vuoi bene

Se mi vuoi bene

17-10-2019

Il Mio Profilo Migliore

Il Mio Profilo Migliore

17-10-2019

Yuli

Yuli

17-10-2019

Grazie a dio

Grazie a dio

17-10-2019

The Kill Team

The Kill Team

17-10-2019

A proposito di Rose

A proposito di Rose

17-10-2019

Il cardellino

Il cardellino

17-10-2019

The Informer - Tre secondi per sopravvivere

The Informer - Tre secondi per sopravvivere

17-10-2019

Jesus Rolls - Quintana è tornato!

Jesus Rolls - Quintana è tornato!

17-10-2019

Maleficent: Signora del male

Maleficent: Signora del male

17-10-2019

Brave ragazze

Brave ragazze

10-10-2019

Searching Eva

Searching Eva

10-10-2019

La scomparsa di mia madre

La scomparsa di mia madre

10-10-2019

Le verità

Le verità

10-10-2019

RECENSIONE

Hole - L'abisso

Hole - L'abisso

10-10-2019

RECENSIONE

Non succede, ma se succede...

Non succede, ma se succede...

10-10-2019

Gemini Man

Gemini Man

10-10-2019

RECENSIONE

A spasso col panda

A spasso col panda

10-10-2019

L'uomo che volle vivere 120 anni

L'uomo che volle vivere 120 anni

08-10-2019

Roger Waters. Us + Them

Roger Waters. Us + Them

07-10-2019