Home » Cinema » Horror & Thriller » [recensione] Tre Manifesti a Ebbing, Missouri di Martin McDonagh

8/10 su 5217 voti. Titolo originale: Three Billboards Outside Ebbing, Missouri, uscita: 10-11-2017. Budget: $15,000,000. Regista: Martin McDonagh.

[recensione] Tre Manifesti a Ebbing, Missouri di Martin McDonagh

05/09/2017 di Redazione Il Cineocchio

Frances McDormand guida il cast in stato di grazia di un film che racconta con amara acutezza la crisi d'identità dell'America di oggi

In casa McDonagh hanno probabilmente in atto una piccola sfida familiare. Martin ha portato a casa oltre a una infinità di premi teatrali e una stima imperitura dall’ambiente drammaturgico anche un gran bel film d’esordio ed un piccolo passo falso; il fratello John invece ha nella saccoccia un bel film d’esordio, un eccellente film e un piccolo passo falso. Ora Martin ha deciso di alzare la posta e pareggiare quanto meno i conti.

Three Billboards Outside Ebbing, Missouri posterTre Manifesti a Ebbing, Missouri (Three Billboards Outside Ebbing, Missouri) è infatti il suo film migliore nonché il migliore visto in questa edizione della Mostra del Cinema di Venezia fino ad ora. Grazie a un cast sugli scudi (tutti, nessuno escluso), con l’ultimo dei comprimari capace di lasciare un segno preciso e identitario. Grazie soprattutto a una sceneggiatura (sempre di McDonagh) perfetta perché brillante, profonda, dolente, ma vitale e piena di un sentimento forte e mai esasperato. Grazie anche a un’estetica essenziale e rigorosa fatta di facce, smorfie, desolazione e chiusura, con inquadrature che non lasciano nulla al caso e che riempiono il quadro di elementi con un preciso senso, contenutistico oltre che geometrico, a partire dalla prospettiva generata dai tre cartelloni pubblicitari del titolo visti dalla strada che dà il passo a tutto il resto.

Un film bellissimo, che in superficie conquista per i suoi dialoghi al vetriolo, con frecciate e contro frecciate che vanno oltre la semplice battuta, ma disegnano l’intero carattere di un personaggio e del mondo a cui appartiene, sarcasmo prima di tutto, ma non in cerca dell’applauso e del consenso, dei veri e propri cazzotti verbali che vanno dritti a segno facendo piegare dal ridere e dal dolore. A sorreggere la scrittura efficace e brillante ci sono poi gli attori in stato di grazia, da Frances McDormand a Woody Harrelson, da Sam Rockwell Abbie Cornish e Željko Ivanek, per arrivare a Peter Dinklage, un cast straordinario in cui è arduo sottolineare una prova sull’altra e è come già accennato più utile rimarcare come anche chi stia in camera per pochi secondi, come il messicano e l’afroamericano (il beaner e il colored, come vengono definiti in modo dispregiativo) che affiggono i cartelloni, sappia con due movenze e un accento catturare l’attimo e mettere un punto.

Tre Manifesti a Ebbing, MissouriQuel però che eleva TMAEM dal semplice prodotto eccezionalmente godibile e di grande intrattenimento è la sensibilità e l’acutezza che ha nel non donare mai allo spettatore la svolta attesa o desiderata, non c’è uno sviluppo lineare a seguire una prassi consolidata in certe storie. Non c’è mai un vero scontro tra buoni e cattivi, perché non ci sono dei veri buoni e cattivi. Ci sono delle offese e delle risposte, ma i campi d’appartenenza appaiono via via sempre più sfumati, tanto che spesso la vicenda portante, che in qualunque altro neo noir o neo western avrebbe catalizzato il focus d’attenzione, finisce sostanzialmente in stand-by, ponendo sotto il riflettore lo sviluppo, l’involuzione o la progressione dei vari personaggi che sono sfaccettati perché deviati e soprattutto dolenti, portano avanti battaglie di cui hanno bisogno per sopravvivere.

Come nei noir classici, non è l’investigazione il vero perno narrativo, ma ciò che la stessa causa nella vita delle persone coinvolte e la grandezza del film di McDonagh sta nel riuscire a disegnare intorno a un’investigazione che dovrebbe esserci stata e non c’è – e che continuerà a non esserci -, tutta l’agonia di un paese piegato e in piena crisi e lo scontro di identità che sono gli Stati Uniti contemporanei. Lo fa però senza ergersi a giudice, senza partigianerie, preferendo sottolineare debolezze e storture del singolo individuo, all’insegna d’una risata a seppellire tutto. Esemplificazione perfetta della sensibilità e acutezza di questo umile e grande film è la sequenza finale, colma di umanità, insicurezza e di efficace, nonché realistica, incompiutezza.

In attesa di saperne di più, di seguito trovate il trailer italiano di Tre Manifesti a Ebbing, Missouri, che uscirà nei nostri cinema l’11 gennaio 2018:

Flying Lotus - Fire Is Coming con David Lynch
Horror & Thriller

C’è David Lynch lupo con gli occhi in fiamme nel video Fire Is Coming di Flying Lotus

di Redazione Il Cineocchio

Il musicista di Los Angeles torna sulle scene con un bizzarro cortometraggio che vede ospite il regista in una veste piuttosto inedita

Leggi
swamp thing serie dc universe 2019
Horror & Thriller

Swamp Thing: teaser trailer per la serie live action DC; tagliati 3 episodi

di Redazione Il Cineocchio

Scampato il pericolo di non vedere mai la luce per divergenze artistiche, lo studio conferma la data di uscita dello show originale con Virginia Madsen, ma anche la stagione 'ridotta'

Leggi
brimstone piercing kill switch blu-ray ita
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray | Brimstone + Piercing + Kill Switch

di Redazione Il Cineocchio

Esaminiamo da vicino le edizioni italiane del glaciale western con Guy Pearce e Dakota Fanning, del thriller con Mia Wasikowska e dell'action sci-fi con Dan Stevens

Leggi
Horror & Thriller

Ted Bundy – Fascino criminale | La recensione del biopic con Zac Efron

di Sabrina Crivelli

Joe Berlinger prende una storia nota e portata al cinema già in tutte le salse provando a darne un'inedita - e improbabile - chiave di lettura fallendo su tutta la linea, non aiutato dagli interpreti (tra cui Lily Collins e John Malkovich)

Leggi
john travolta the fanatic film
Horror & Thriller

The Fanatic: prime immagini di John Travolta stalker nel thriller di Fred Durst

di Redazione Il Cineocchio

Fred Durst, il frontman dei Limp Bizkit, torna dietro alla mdp dopo 10 anni per un thriller che si ispira a una storia vera che lo ha riguardato da vicino

Leggi
Alex-Aja-film-Crawl
Horror & Thriller

Crawl: immagini per l’horror con alligatore killer di Alexandre Aja prodotto da Sam Raimi

di Redazione Il Cineocchio

C'è Kaya Scodelario nel film low budget con cui la Paramount spera di replicare il grande e inaspettato successo al botteghino di A Quiet Place - Un posto tranquillo

Leggi
thriller film dallas jackson netflix
Horror & Thriller

Thriller | La recensione dello slasher della Blumhouse (dirottato su Netflix)

di William Maga

Il regista prova a rimescolare stilemi e stereotipi del genere, cambiando ambientazione e protagonisti usuali, ma se l'idea è lodevole, il risultato lo è molto meno

Leggi
the young cannibals film
Horror & Thriller

Il trailer di The Young Cannibals evoca un demone affamato di carne umana

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono gli inglesi Kris Carr e Sam Fowler alla regia dell'horror soprannaturale che inscena un inedito gioco mortale a inseguimento nei boschi

Leggi
Horror & Thriller

A Vigilante | La recensione del revenge movie con Olivia Wilde

di William Maga

Sarah Daggar-Nickson esordisce alla regia con un'opera più importante che facile da digerire, che affronta lo spinoso tema degli abusi domestici senza i soliti sensazionalismi hollywoodiani

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per The Perfection: allucinazioni, insetti e musica nell’horror distribuito da Netflix

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono Allison Williams (Get Out) e Logan Browning al centro del film diretto da Richard Shepard che ha impressionato tutti al Fantastic Fest 2018

Leggi
mr long timecop eraserhead blu-ray dvd
Horror & Thriller

Recensione home video | TimeCop (BD) + Eraserhead (BD) + Mr Long (DVD)

di Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino le edizioni del fanta-action con Jean-Claude Van Damme, del criptico film d'esordio di David Lynch e del thriller del giapponese SABU

Leggi
Jason Beghe and Boo in Monkey Shines (1988)
Horror & Thriller

Recensione story | Monkey Shines di George A. Romero

di William Maga

Nel 1988, il regista di New York metteva da parte i morti viventi per indagare sull'oscura natura umana attraverso le azioni di una scimmietta cavia di un esperimento

Leggi
Horror & Thriller

Tremors: online gratis per tutti gli episodi della serie del 2003 con Christopher Lloyd

di Redazione Il Cineocchio

Dopo 15 anni arriva online senza vincoli lo show televisivo coi Graboid, tra i cui protagonisti s'era anche l'inossidabile Michael Gross

Leggi
Ma cosa ci dice il cervello

Ma cosa ci dice il cervello

18-04-2019

A spasso con Willy

A spasso con Willy

18-04-2019

Cyrano, Mon Amour

Cyrano, Mon Amour

18-04-2019

Torna a casa, Jimi!

Torna a casa, Jimi!

18-04-2019

Le invisibili

Le invisibili

18-04-2019

Gordon & Paddy

Gordon & Paddy

18-04-2019

La Llorona - Le lacrime del male

La Llorona - Le lacrime del male

18-04-2019

RECENSIONE

Il ragazzo che diventerà re

Il ragazzo che diventerà re

18-04-2019

Quello che i social non dicono - The Cleaners

Quello che i social non dicono - The Cleaners

14-04-2019

Tutto liscio

Tutto liscio

11-04-2019

Dagli occhi dell'amore

Dagli occhi dell'amore

11-04-2019

After

After

11-04-2019

L'uomo fedele

L'uomo fedele

11-04-2019

Cafarnao - Caos e miracoli

Cafarnao - Caos e miracoli

11-04-2019

Hellboy

Hellboy

11-04-2019

RECENSIONE

Oro verde - C'era una volta in Colombia

Oro verde - C'era una volta in Colombia

11-04-2019

Kursk

Kursk

11-04-2019

Wonder Park

Wonder Park

11-04-2019

Lo spietato

Lo spietato

08-04-2019