Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » [recensione] Valerian e la città dei mille pianeti di Luc Besson

6/10 su 4323 voti. Titolo originale: Valerian and the City of a Thousand Planets, uscita: 20-07-2017. Budget: $177,200,000. Regista: Luc Besson.

[recensione] Valerian e la città dei mille pianeti di Luc Besson

16/09/2017 recensione di William Maga

Il regista francese realizza il sogno di una vita creando una space opera dal sapore antico, ingenua ma non per questo meno inebriante nel suo voler essere pantagruelica oltre ogni ragionevole limite

Valerian e la città dei mille pianeti (Valerian and the City of a Thousand Planets) è il film che ha tutti i numeri giusti per diventare il titolo ‘maledetto’ del 2017, predestinato (già ben prima dell’arrivo nelle sale) all’odio irrazionale della maggior parte della critica (aka campanilismo esasperato) e a uno dei disastri finanziari più imponenti a memoria d’uomo. In primo luogo, l’uomo dietro a questo assunto non è altri che il megalomane Luc Besson, un regista che negli ultimi anni sembra aver perso il tocco magico degli inizi – quello di Le Grand Bleu (1988) e Leòn (1994) -, finendo a produrre saghe action dai capitoli intercambiabili o dirigendo esperienze completamente dimenticabili come la trilogia dei Minimei o l’irritante Lucy (2014), cucito intorno alla protagonista Scarlett Johansson e che, paradossalmente, è divenuto il suo più grande successo commerciale di sempre, consentendogli di preparare il mastodontico progetto che arriva ora nelle sale.

Valerian posterLa trasposizione live action delle avventure degli agenti spazio-temporali Valerian e Laureline è stata un sogno accarezzato per decenni dal filmmaker francese, fan sfegatato del meraviglioso fumetto di fantascienza creato da Pierre Christin e Jean-Claude Mézières, che è diventato un punto di riferimento per il genere da quando ne sono iniziate le pubblicazioni mezzo secolo fa. (Giusto per dirne uno, per il suo Star Wars, George Lucas ha attinto a piene mani dalle vignette disegnate, senza mai riconoscerlo ufficialmente, e Besson qui lo stuzzica, forte di non poter essere accusato di plagio e inserendo i topoi originali, a cominciare dalla copia del Millennium Falcon). Adesso, grazie a un budget di 200 milioni di euro (record assoluto per una produzione europea) e ispirato liberamente al sesto volume della serie, L’ambasciatore delle ombre, il sogno è divenuto una realtà. Una caramella avvelenata che Besson si è arrischiato a porgere ai fan della sci-fi più giocosa ed evasiva, oltre che una lettera d’amore entusiasta per una delle opere più importanti del fumetto francese.

L’abusata Space Oddity di David Bowie accompagna le immagini con cui la pellicola si apre, mostrando i progressi dell’umanità nella sua corsa alle stelle nel corso degli anni, culminando, nel bel mezzo del XXVIII secolo, con Alpha, una gigantesca stazione spaziale / città dove migliaia di specie provenienti da tutte le estremità dell’universo vivono in perfetta pace e armonia. Gli esseri umani, gli extraterrestri, i robot e gli altri organismi intelligenti condividono un habitat in cui ogni razza vive nell’ambiente che meglio domina (terra, acqua, aria), ma in cui tutti collaborano tra loro, scambiandosi conoscenze a beneficio della prosperità comune. Dopo questa magnifica apertura, Valerian e la città dei mille pianeti immerge completamente lo spettatore nella materia, introducendolo alla semplice bellezza di un pianeta che ricorda il Pandora di Avatar – tanto per i colori dei suoi paesaggi esotici quanto per l’atteggiamento rispettoso dei suoi abitanti (che ricordano i Na’vi) verso Madre Natura – poco prima della sua terribile distruzione. E’ qui che vengono presentati i due eroi, il presuntuoso Valerian (Dane DeHaan) e la sua partner Laureline (una Cara Delevingne che ce la mette tutta nei panni dell’eroina d’azione emancipata), il cui rapporto oscilla tra il cameratismo e una instabile tensione sessuale che galleggia costantemente nell’aria, con il primo che prova in ogni modo a convincere la ragazza che lui è l’uomo della sua vita, e con lei che si rifiuta, consapevole della sua natura instabile e infedele.

La coppia, che condisce i rispettivi personaggi di coraggio, sfrontatezza e senso dell’umorismo, funziona benino, anche se la chimica tra i due attori non è eccezionale. La vera avventura inizia però quando a entrambi viene ordinato di intraprendere una missione per fermare un’oscura minaccia che si cela nel cuore di Alpha e che potrebbe mettere in pericolo il futuro dell’universo intero. Per questo motivo devono fare da scorta al comandante Arun Filitt (Clive Owen), procurarsi un trasmutatore (un curioso animaletto in via di estinzione capace di moltiplicare tutto quello che gli viene dato da mangiare, monete incluse) e custodire un’ambitissima perla gigante, per il cui possesso sono in competizione diverse razze e contrabbandieri spaziali, poichè in essa si nasconde la chiave di un mistero rimasto sepolto per anni.

valerian mille pianetiNonostante le cifre in ballo posizionino la sua ultima fatica come un disastro economico degno di Waterworld o di John Carter – due pellicole tutt’altro che meritevoli di questa sorte -, Besson può essere orgoglioso del risultato finale, un lavoro visivamente splendido e colorato con effetti digitali travolgenti come raramente si è visto (anche in America), capace di creare dal nulla un universo ricco e zeppo delle creature più disparate, progettate egregiamente e con scenari che rimangono incisi nella retina dello spettatore in grado di apprezzare tale sovradosaggio estremo di creatività e ingegnosità. Il regista ci aveva già meravigliati con il suo intrattenimento futuristico nel 1997 con Il Quinto Elemento, anche quello accolto malissimo all’epoca (i critici di Cannes furono impietosi) salvo poi divenire un titolo di culto col tempo, e in VELCDMP ha potuto espandere ulteriormente questo immaginario, creando un’avventura fantascientifica dal sapore retrò (nonostante gli impressionanti effetti 3D e la CGI di ultima generazione), divertente, dinamica e con una storia d’amore incipiente, ingenua quanto volete, ma che funziona alla perfezione nel guidare ciascuna delle azioni dei protagonisti.

valerian-1-bessonCome nel film con Bruce Willis, il senso della meraviglia prende presto il controllo dello schermo – e della sceneggiatura – e l’azione e l’umorismo si completano in modo armonioso, aiutata da una galleria di personaggi secondari molto riusciti: partendo da Bubble (la trasformista Rihanna, che si ritaglia un numero musicale che ricorda, per la stravaganza e l’imprevedibilità, quello della soprano del Quinto Elemento), un’aliena con l’anima da artista in grado di assumere qualsiasi aspetto le venga richiesto, e proseguendo con il pirata/pescatore Bob (Alain Chabat) e con il Jolly the Pimp di Ethan Hawke, che qui regala il suo volto più eccentrico e scarmigliato, per arrivare a un trio di (più o meno) anatre / informatori messe lì come contrappunto comico (riuscito).

Tutti, in misura maggiore o minore, contribuiscono a dare vita a questa vivace fauna che si muove con uguale facilità tra i pericolosi souk virtuali (sarebbe stato interessante se SOLO per questa sequenza, Besson avesse previsto di far indossare agli spettatori gli occhiali 3D, così da abbinare questa azione con la medesima effettuata da Valerian sullo schermo), i sordidi quartieri del piacere, le astronavi in ​​grado di sfidare le leggi dello spazio e del tempo o la società futuristica città/pianeta, esemplare metafora dell’attuale situazione politica nella sua utopia, che nasconde in realtà sotto la superficie patinata uno stuolo di governanti corrotti, cittadini di prima e seconda categoria e alieni senza documenti che vivono nascondendosi dalla legge.

In definitiva, Valerian e la Città dei Mille Pianeti potrà pure non ricevere le recensioni che merita oggi, ma certo non manca di qualità cinematografiche, dal momento che riesce – pur non senza imperfezioni – ad essere lo spettacolo di puro intrattenimento che si era prefissato e che lascia aperta la possibilità di inaugurare una saga cinematografica dal buon potenziale e che, purtroppo, non vedrà mai la luce. Non ci resta che metterci comodi e aspettare l’ennesimo sequel made in Disney e gridare al capolavoro.

Di seguito il trailer finale in italiano e in inglese del film, nei nostri cinema dal 21 settembre:

Cara Delevingne
Dane DeHaan
Clive Owen
Rihanna
Ethan Hawke
John Goodman
Kris Wu
Rutger Hauer
Alain Chabat
Sam Spruell
Emilie Livingston
Diva Cam
Mathieu Kassovitz
Alexandre Nguyen
Jonas Bloquet
Herbie Hancock
Eric Lampaert
Elizabeth Debicki
Aymeline Valade
Alexandre Willaume
Sand Van Roy
Gavin Drea
Sam Douglas
Aurelien Gaya
Marion Roussignol
Mikael Buxton
Yun Lai
Anders Heinrichsen
David Michie
Emilie Pommelet
Roman Blomme
Réginal Kudiwu
Tristan Robin
Yun-Ping He
James Flynn
David Clark
Ben Mauro
Jean-François Lenogue
Peter Eberst
Peter Hudson
Xavier Giannoli
Louis Leterrier
Eric Rochant
Benoît Jacquot
Olivier Megaton
Gérard Krawczyk
Pierre Cachia
David Saada
Hippolyte Burkhart-Uhlen
Florian Guichard
Stéphane Mir
Thierry Barthe
Pier Ewudu
Andrew Tisba
Yannick Lorté
Charly Akakpo
Clément Beauruelle
Audrey Kamp
Anthony Hornez
Julien Bleitrach
Maxime Babara Touré
Sasha Luss
Pauline Hoarau
Barbare Weber Scaff
Marilhéa Peillard
Lee Delong
Judith Brunett
Marie Barrouillet
Cindy Bruna
Sija Titko
Daphnée Kbidi
Nick Marzock
Ola Rapace
Stefan Konarske
Mahamadou Coulibaly
Julien Marlin
Yvan Lucker
Tom Hygreck
Abel Jafri
Laurent Ferraro
Jean-Robert Lombard
Leonid Glushchenko
Akim Chir
Laminé Ba
Paul Lefèvre
Guillaume Maison
Jean-Christophe Brizard
Patrick Cottet-Moine
Irene Palko
Tonio Descanvelle
Velvet D'Amour
Doug Rand
Grant Moninger
Robbie Rist
Christopher Swindel
Claire Tran
Alain Etoundi
Fayet Nsumoto
Kristina Kachinskaya
Veronika Khayla
Sissi Duparc
Noam Frost
Pauline Serreau
Philippe Rigot
Étienne Ménard
Peter Lamarque
Maximilien Seweryn
Zouheir Zerhouni
Tristan Zerbib
Elliot Jenicot
Staiv Gentis
Chloé Hollings
Aguendia Fotabong
Tania Dessources
Gaëtan Cotigny
François Bredon
Cédric Chevalme
Thom Findlay
Peter Hudson
nicholas hoult Tolkien (2019) film
Sci-Fi & Fantasy

Tolkien | La recensione del biopic con Nicholas Hoult sull’autore de Il Signore degli Anelli

di William Maga

Dome Karukoski racconta gli anni della giovinezza dello scrittore britannico non andando oltre il semplice compitino, aiutato tuttavia da interpretazioni convincenti

Leggi
il grande mazinga e capitan harlock dvd blu-ray
Sci-Fi & Fantasy

Recensione home video | Il Grande Mazinga (box 1 e 2) + Capitan Harlock (completa)

di Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino le edizioni italiane dell'anime coi 'robottoni' creato da Gō Nagai e del classico dello spazio di Leiji Matsumoto

Leggi
matrix reloaded neo film
Sci-Fi & Fantasy

Lana Wachowski: “Giro Matrix 4, con Keanu Reeves e Carrie-Anne Moss”

di Redazione Il Cineocchio

A oltre 15 anni da Revolutions, la regista e sceneggiatrice ha sganciato la clamorosa bomba, spegnendo i rumor pregressi di un reboot

Leggi
museo hr giger Gruyères [Matthias Belz] (2)
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | In visita al Museo e al Bar di H. R. Giger a Gruyères

di Alessandro Gamma

Un viaggio sensoriale tra le opere e gli ambienti attentamente creati dal geniale artista svizzero

Leggi
jar jar binks episodio I star wars
Sci-Fi & Fantasy

Riflessione | Star Wars: che fine ha fatto Jar Jar Binks dopo la trilogia prequel?

di Redazione Il Cineocchio

"Mi comincia giurno maxi okeyday, con buena pappa a colassione, poi bum! Maxi parura, e addosso a me Jedi, e pah! Mi aqui. Ah, mi maxi, maxi parura, mmmh!"

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Kin | Recensione del pasticciato film sci-fi con James Franco e Dennis Quaid

di William Maga

I fratelli australiani Jonathan e Josh Baker debuttano al cinema con la versione lunga di un precedente cortometraggio, mescolando toni e intuizioni poco felici

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per Nezha, the devil is coming, film animato cinese col record di incassi in patria

di Redazione Il Cineocchio

C'è l'esordiente Yu Yang dietro al clamoroso successo dell'opera, ispirata a un romanzo che parla del folklore locale

Leggi
Sul globo d'argento 1988 film
Sci-Fi & Fantasy

Recensione story | Sul globo d’argento di Andrzej Zulawski

di Pietro Russo

Riscopriamo il complesso film di fantascienza censurato dal regime polacco e quasi completamente distrutto che ha visto la luce solo nel 1988

Leggi
The Dark Crystal Age of Resistance (2)
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer per la serie Dark Crystal: la Resistenza, solo una debole speranza per il mondo di Thra

di Redazione Il Cineocchio

C'è Netflix dietro al prequel originale del rivoluzionario fantasy di Frank Oz e Jim Henson del 1982, che potrà contare su un cast di doppiatori all star

Leggi
robocop 1987 film
Sci-Fi & Fantasy

Neill Blomkamp: “Ho chiuso con RoboCop Returns; faccio un horror”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista sudafricano a sorpresa si tira fuori dall'ambizioso progetto, spiegandone i motivi con un tweet

Leggi
nel fantastico mondo di oz 1985 film fairuza balk
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | Nel fantastico mondo di OZ: quando la Disney sfornava cupe fiabe live action

di Sabrina Crivelli

Nel 1985 usciva il sequel apocrifo diretto da Walter Murch al classico del 1939, un insuccesso al botteghino che ha saputo guadagnarsi in VHS lo status di cult, regalando bellissimi incubi a una generazione di ragazzini

Leggi
carnival row serie amazon 2019
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer per Carnival Row: Orlando Bloom e Cara Delevingne legati da un amore pericoloso nella serie fantasy

di Redazione Il Cineocchio

Dopo anni di tira e molla e rinvii, lo show originale dai toni dark degli Amazon Studios ambientato in epoca vittoriana è finalmente pronto a debuttare

Leggi
stay puft man ghostbusters
Sci-Fi & Fantasy

Ghostbusters 3: le foto dal set anticipano il ritorno dello Stay Puft Man?

di Redazione Il Cineocchio

Nelle immagini del nuovo film diretto da Jason Reitman intravvediamo anche Paul Rudd e un'ammaccatissima Ecto-1

Leggi
ultraman
Sci-Fi & Fantasy

Shin Ultraman: Hideaki Anno e Shinji Higuchi insieme per un film sul supereroe

di Redazione Il Cineocchio

I due registi di Shin Godzilla tornano a collaborare per il nuovo film live action dedicato al celebre paladino giapponese

Leggi
Il Trono di Spade 8x06 - The Iron Throne
Sci-Fi & Fantasy

Il Trono di Spade? Solo un “muto spettatore” dell’ira di Drogon, che vuole bruciare il mondo

di Redazione Il Cineocchio

Il copione recentemente diffuso online mette in nuova luce uno dei passaggi più intensi del finale della serie HBO

Leggi
God Exists, Her Name is Petrunya

God Exists, Her Name is Petrunya

29-08-2019

5 è il numero perfetto

5 è il numero perfetto

29-08-2019

L'Amour flou

L'Amour flou

29-08-2019

Teen Spirit

Teen Spirit

29-08-2019

Mademoiselle

Mademoiselle

29-08-2019

خانه سیاه است

خانه سیاه است

29-08-2019

Attacco al potere 3 - Angel Has Fallen

Attacco al potere 3 - Angel Has Fallen

28-08-2019

RECENSIONE

Irréversible

Irréversible

28-08-2019

Pop Black Posta

Pop Black Posta

22-08-2019

Il signor Diavolo

Il signor Diavolo

22-08-2019

RECENSIONE

La rivincita delle sfigate

La rivincita delle sfigate

22-08-2019

Charlie Says

Charlie Says

22-08-2019

RECENSIONE

Il re leone

Il re leone

21-08-2019

The Nest (Il nido)

The Nest (Il nido)

15-08-2019

RECENSIONE

Diamantino - Il calciatore più forte del mondo

Diamantino - Il calciatore più forte del mondo

15-08-2019

Crawl - Intrappolati

Crawl - Intrappolati

15-08-2019

RECENSIONE

Kin

Kin

15-08-2019

RECENSIONE