Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » [recensione] Valerian e la città dei mille pianeti di Luc Besson

6/10 su 4609 voti. Titolo originale: Valerian and the City of a Thousand Planets, uscita: 20-07-2017. Budget: $177,200,000. Regista: Luc Besson.

[recensione] Valerian e la città dei mille pianeti di Luc Besson

16/09/2017 recensione film di William Maga

Il regista francese realizza il sogno di una vita creando una space opera dal sapore antico, ingenua ma non per questo meno inebriante nel suo voler essere pantagruelica oltre ogni ragionevole limite

Valerian e la città dei mille pianeti (Valerian and the City of a Thousand Planets) è il film che ha tutti i numeri giusti per diventare il titolo ‘maledetto’ del 2017, predestinato (già ben prima dell’arrivo nelle sale) all’odio irrazionale della maggior parte della critica (aka campanilismo esasperato) e a uno dei disastri finanziari più imponenti a memoria d’uomo. In primo luogo, l’uomo dietro a questo assunto non è altri che il megalomane Luc Besson, un regista che negli ultimi anni sembra aver perso il tocco magico degli inizi – quello di Le Grand Bleu (1988) e Leòn (1994) -, finendo a produrre saghe action dai capitoli intercambiabili o dirigendo esperienze completamente dimenticabili come la trilogia dei Minimei o l’irritante Lucy (2014), cucito intorno alla protagonista Scarlett Johansson e che, paradossalmente, è divenuto il suo più grande successo commerciale di sempre, consentendogli di preparare il mastodontico progetto che arriva ora nelle sale.

Valerian posterLa trasposizione live action delle avventure degli agenti spazio-temporali Valerian e Laureline è stata un sogno accarezzato per decenni dal filmmaker francese, fan sfegatato del meraviglioso fumetto di fantascienza creato da Pierre Christin e Jean-Claude Mézières, che è diventato un punto di riferimento per il genere da quando ne sono iniziate le pubblicazioni mezzo secolo fa. (Giusto per dirne uno, per il suo Star Wars, George Lucas ha attinto a piene mani dalle vignette disegnate, senza mai riconoscerlo ufficialmente, e Besson qui lo stuzzica, forte di non poter essere accusato di plagio e inserendo i topoi originali, a cominciare dalla copia del Millennium Falcon). Adesso, grazie a un budget di 200 milioni di euro (record assoluto per una produzione europea) e ispirato liberamente al sesto volume della serie, L’ambasciatore delle ombre, il sogno è divenuto una realtà. Una caramella avvelenata che Besson si è arrischiato a porgere ai fan della sci-fi più giocosa ed evasiva, oltre che una lettera d’amore entusiasta per una delle opere più importanti del fumetto francese.

L’abusata Space Oddity di David Bowie accompagna le immagini con cui la pellicola si apre, mostrando i progressi dell’umanità nella sua corsa alle stelle nel corso degli anni, culminando, nel bel mezzo del XXVIII secolo, con Alpha, una gigantesca stazione spaziale / città dove migliaia di specie provenienti da tutte le estremità dell’universo vivono in perfetta pace e armonia. Gli esseri umani, gli extraterrestri, i robot e gli altri organismi intelligenti condividono un habitat in cui ogni razza vive nell’ambiente che meglio domina (terra, acqua, aria), ma in cui tutti collaborano tra loro, scambiandosi conoscenze a beneficio della prosperità comune. Dopo questa magnifica apertura, Valerian e la città dei mille pianeti immerge completamente lo spettatore nella materia, introducendolo alla semplice bellezza di un pianeta che ricorda il Pandora di Avatar – tanto per i colori dei suoi paesaggi esotici quanto per l’atteggiamento rispettoso dei suoi abitanti (che ricordano i Na’vi) verso Madre Natura – poco prima della sua terribile distruzione. E’ qui che vengono presentati i due eroi, il presuntuoso Valerian (Dane DeHaan) e la sua partner Laureline (una Cara Delevingne che ce la mette tutta nei panni dell’eroina d’azione emancipata), il cui rapporto oscilla tra il cameratismo e una instabile tensione sessuale che galleggia costantemente nell’aria, con il primo che prova in ogni modo a convincere la ragazza che lui è l’uomo della sua vita, e con lei che si rifiuta, consapevole della sua natura instabile e infedele.

La coppia, che condisce i rispettivi personaggi di coraggio, sfrontatezza e senso dell’umorismo, funziona benino, anche se la chimica tra i due attori non è eccezionale. La vera avventura inizia però quando a entrambi viene ordinato di intraprendere una missione per fermare un’oscura minaccia che si cela nel cuore di Alpha e che potrebbe mettere in pericolo il futuro dell’universo intero. Per questo motivo devono fare da scorta al comandante Arun Filitt (Clive Owen), procurarsi un trasmutatore (un curioso animaletto in via di estinzione capace di moltiplicare tutto quello che gli viene dato da mangiare, monete incluse) e custodire un’ambitissima perla gigante, per il cui possesso sono in competizione diverse razze e contrabbandieri spaziali, poichè in essa si nasconde la chiave di un mistero rimasto sepolto per anni.

valerian mille pianetiNonostante le cifre in ballo posizionino la sua ultima fatica come un disastro economico degno di Waterworld o di John Carter – due pellicole tutt’altro che meritevoli di questa sorte -, Besson può essere orgoglioso del risultato finale, un lavoro visivamente splendido e colorato con effetti digitali travolgenti come raramente si è visto (anche in America), capace di creare dal nulla un universo ricco e zeppo delle creature più disparate, progettate egregiamente e con scenari che rimangono incisi nella retina dello spettatore in grado di apprezzare tale sovradosaggio estremo di creatività e ingegnosità. Il regista ci aveva già meravigliati con il suo intrattenimento futuristico nel 1997 con Il Quinto Elemento, anche quello accolto malissimo all’epoca (i critici di Cannes furono impietosi) salvo poi divenire un titolo di culto col tempo, e in VELCDMP ha potuto espandere ulteriormente questo immaginario, creando un’avventura fantascientifica dal sapore retrò (nonostante gli impressionanti effetti 3D e la CGI di ultima generazione), divertente, dinamica e con una storia d’amore incipiente, ingenua quanto volete, ma che funziona alla perfezione nel guidare ciascuna delle azioni dei protagonisti.

valerian-1-bessonCome nel film con Bruce Willis, il senso della meraviglia prende presto il controllo dello schermo – e della sceneggiatura – e l’azione e l’umorismo si completano in modo armonioso, aiutata da una galleria di personaggi secondari molto riusciti: partendo da Bubble (la trasformista Rihanna, che si ritaglia un numero musicale che ricorda, per la stravaganza e l’imprevedibilità, quello della soprano del Quinto Elemento), un’aliena con l’anima da artista in grado di assumere qualsiasi aspetto le venga richiesto, e proseguendo con il pirata/pescatore Bob (Alain Chabat) e con il Jolly the Pimp di Ethan Hawke, che qui regala il suo volto più eccentrico e scarmigliato, per arrivare a un trio di (più o meno) anatre / informatori messe lì come contrappunto comico (riuscito).

Tutti, in misura maggiore o minore, contribuiscono a dare vita a questa vivace fauna che si muove con uguale facilità tra i pericolosi souk virtuali (sarebbe stato interessante se SOLO per questa sequenza, Besson avesse previsto di far indossare agli spettatori gli occhiali 3D, così da abbinare questa azione con la medesima effettuata da Valerian sullo schermo), i sordidi quartieri del piacere, le astronavi in ​​grado di sfidare le leggi dello spazio e del tempo o la società futuristica città/pianeta, esemplare metafora dell’attuale situazione politica nella sua utopia, che nasconde in realtà sotto la superficie patinata uno stuolo di governanti corrotti, cittadini di prima e seconda categoria e alieni senza documenti che vivono nascondendosi dalla legge.

In definitiva, Valerian e la Città dei Mille Pianeti potrà pure non ricevere le recensioni che merita oggi, ma certo non manca di qualità cinematografiche, dal momento che riesce – pur non senza imperfezioni – ad essere lo spettacolo di puro intrattenimento che si era prefissato e che lascia aperta la possibilità di inaugurare una saga cinematografica dal buon potenziale e che, purtroppo, non vedrà mai la luce. Non ci resta che metterci comodi e aspettare l’ennesimo sequel made in Disney e gridare al capolavoro.

Di seguito il trailer finale in italiano e in inglese del film, nei nostri cinema dal 21 settembre:

Cara Delevingne
Dane DeHaan
Clive Owen
Rihanna
Ethan Hawke
John Goodman
???
Rutger Hauer
Alain Chabat
Sam Spruell
snowpiercer serie tnt 2020
Sci-Fi & Fantasy

Trailer e data di debutto per la serie Snowpiercer: il treno di Jennifer Connelly è in rivolta

di Redazione Il Cineocchio

Il regista Scott Derrickson ha diretto il primo episodio dello show che, mescolando sci-fi e lotta di classe, adatta per il piccolo schermo il fumetto francese Le Transperceneige

Leggi
Jiang Ziya (2020) legend film cina 2020
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per Jiang Ziya: demoni e dei in lotta nel fantasy animato cinese

di Redazione Il Cineocchio

Gli esordienti Cheng Teng e Li Wei portano al cinema la versione disegnata di un popolare romanzo cinese del XVI secolo

Leggi
Mushu mulan film 1998
Sci-Fi & Fantasy

Niki Caro su Mulan: “Vi spiego perché non c’è Mushu e cosa ho tenuto del cartone Disney del 1998”

di Alessandro Gamma

La regista neozelandese ha parlato dei cambiamenti e delle similitudini tra il suo film in live action e l'amato classico animato

Leggi
luna nera serie netflix 2020
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer per Luna Nera: le streghe escono dall’ombra nella serie italiana di Netflix

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono i giovani Antonia Fotaras e Giorgio Belli nello show fantasy originale diretto a sei mani da Francesca Comencini, Susanna Nicchiarelli e Paola Randi

Leggi
Lone Wolf and Cub Baby Cart to Hades (1972) film
Sci-Fi & Fantasy

Riflessione | The Mandalorian: l’influenza del manga Lone Wolf and Cub sulla serie Disney

di William Maga

Cerchiamo di capire i punti di contatto tra la seminale opera 'di samurai' di Kazuo Koike e Goseki Kojima e lo show in live action di Star Wars curato da Jon Favreau e Dave Filoni

Leggi
Alice nel paese delle meraviglie (1933) film
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | Alice nel Paese delle Meraviglie: il film da incubo del 1933

di Sabrina Crivelli

Riscopriamo l'adattamento in bianco e nero censurato e obliato del classico di Lewis Carrol, prodotto dalla Paramount e sceneggiato da Joseph L. Mankiewicz, con gli irriconoscibili Gary Cooper e Cary Grant

Leggi
migrants oats studios 2020
Sci-Fi & Fantasy

Cortometraggio | Migrants è l’esordio di Paul Chadeisson con gli Oats Studios

di Redazione Il Cineocchio

Dopo un anno di attesa, il collettivo sperimentale lanciato da Neill Blomkamp riapre i battenti con un nuovo progetto

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer per Ragnarok: giganti e fulmini per la serie danese di Netflix

di Redazione Il Cineocchio

Tra i protagonisti dello show originale che aggiorna al presente la mitologia norrena ci sono Jonas Strand Gravli e Theresa Frostad Eggesbø

Leggi
devs alex garland serie hulu fx 2020
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per Devs: fantascienza e cospirazione si fondono nella serie di Alex Garland

di Redazione Il Cineocchio

Il regista di Ex-Machina e Annientamento si sposta sul piccolo schermo per uno show originale che vede protagonisti Nick Offerman e Sonoya Mizuno

Leggi
Dragonheart Vengeance film silvestrini 2020
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per Dragonheart: Vengeance, il drago ruggisce ancora per la regia di Ivan Silvestrini

di Redazione Il Cineocchio

La voce del drago femmina al centro della quinta avventura della saga nata nel 1996 è di Helena Bonham Carter nella versione originale

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer per Kipo And The Age of Wonderbeasts (serie Netflix): un mondo bizzarro di pericolosi animali pucciosi

di Redazione Il Cineocchio

La protagonista della prima stagione è una ragazza a spasso per un coloratissimo pianeta in cui ogni animaletto apparentemente innocuo è in realtà una seria minaccia alla sua vita

Leggi
Jake Gyllenhaal in Donnie Darko (2001) film
Sci-Fi & Fantasy

Riflessione | Donnie Darko di Richard Kelly: un perfetto studio dell’isolamento adolescenziale

di Sabrina Crivelli

Oltre a essere un fanta-horror visionario ed ermetico, il film del 2001 è soprattutto un'analisi attenta del difficile vissuto quotidiano dei suoi giovani protagonisti

Leggi
avatar 2 concept art film (4)
Sci-Fi & Fantasy

Avatar 2: trama e tre concept art che mostrano nuovi squarci di Pandora

di Redazione Il Cineocchio

A 11 anni dal capostipite, James Cameron riporterà Sam Worthington, Zoe Saldana e Sigourney Weaver sul pacifico pianeta

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Miss Peregrine – La Casa dei Ragazzi Speciali | La recensione del film di Tim Burton

di William Maga

Non il peggiore tra gli ultimi lavori del regista, certamente il più deludente. Eva Green evita il tracollo.

Leggi
David Sullivan e Shane Carruth in Primer (2004)
Sci-Fi & Fantasy

Recensione story | Primer di Shane Carruth

di William Maga

Nel 2004 l'ingegnere americano esordiva nel mondo del cinema con un'opera sci-fi low budget incredibilmente fuori dagli schemi hollywoodiani, ugualmente ostica e affascinante

Leggi
In the Trap - Nella trappola

In the Trap - Nella trappola

23-01-2020

Figli

Figli

23-01-2020

1917

1917

23-01-2020

RECENSIONE

Just Charlie - Diventa chi sei

Just Charlie - Diventa chi sei

23-01-2020

Herzog incontra Gorbaciov

Herzog incontra Gorbaciov

19-01-2020

Me contro Te Il Film - La Vendetta del Signor S

Me contro Te Il Film - La Vendetta del Signor S

17-01-2020

Dolittle

Dolittle

17-01-2020

Jojo Rabbit

Jojo Rabbit

16-01-2020

RECENSIONE

The Lodge

The Lodge

16-01-2020

RECENSIONE

Richard Jewell

Richard Jewell

16-01-2020

Show Me the Picture: The Story of Jim Marshall

Show Me the Picture: The Story of Jim Marshall

14-01-2020

ARTASERSE

ARTASERSE

09-01-2020

Hammamet

Hammamet

09-01-2020

RECENSIONE

Sulle ali dell'avventura

Sulle ali dell'avventura

09-01-2020

City of Crime

City of Crime

09-01-2020

La ragazza d'autunno

La ragazza d'autunno

09-01-2020

Piccole donne

Piccole donne

09-01-2020