Home » Cinema » Horror & Thriller » Riflessione | Psycho: ovvero come Alfred Hitchcock si dimostrò un genio del marketing

Titolo originale: Psycho, uscita: 16-06-1960. Budget: $806,948. Regista: Alfred Hitchcock.

Riflessione | Psycho: ovvero come Alfred Hitchcock si dimostrò un genio del marketing

di Redazione Il Cineocchio

Il regista del seminale thriller del 1960 con Anthony Perkins e Janeth Leigh escogitò una clamorosa campagna pubblicitaria ante litteram che riuscì a riportare il pubblico al cinema in un periodo dove la TV sembrava aver preso il sopravvento

Tutti hanno almeno (!) una volta nella vita ammirato quel capolavoro imprescindibile che è Psycho (o Psyco, secondo il titolo italiano) di Alfred Hitchcock, indimenticabile per mille motivi, dal colpo di scena finale alla leggendaria – e rivoluzionaria – sequenza dell’omicidio dietro la tenda della doccia di Janet Leigh / Marion Crane, fino alla colonna sonora di Bernard Herrmann.

Quello su cui però vogliamo concentrarci oggi non sono gli aspetti tecnici del classico del 1960, quanto piuttosto dell’incredibile campagna pubblicitaria messa in piedi dal regista britannico stesso, tesa non soltanto a (ri)portare un pubblico che si stava adagiando sugli allori della TV casalinga nelle sale cinematografiche, ma anche a non far rivelare agli spettatori la clamorosa sorpresa.

Torniamo quindi a quel fatidico 1960. Nonostante la pioggia che imperversa su New York, la gente continua a fare la coda sul marciapiede davanti ai cinema del centro. Per la prima volta dalla comparsa della televisione, il pubblico, che aveva abbandonato il grande schermo, è ridisceso nelle strada e attende paziente con gli ombrelli aperti. Questo «miracolo» è stato possibile grazie ad Alfred Hitchcock, il regista del brivido per antonomasia, che con il suo ultimo lavoro, Psycho, è riuscito a superarsi di nuovo. La sua voce perseguita la folla che deve entrare nelle sale, uscendo da una sua replica in cartapesta, a grandezza naturale, che parla attraverso un ‘microsolco’ nascosto: «Non abbiate paura del poliziotto che si trova presso la biglietteria. E’ lì soltanto per impedire l’ingresso dopo l’inizio dello spettacolo …». Dopo un po’, la voce riprendeva: «Psycho è un film rivoluzionario: non bisogna vederne la fine prima dell’inizio». Nel frattempo, si ode un brusio dietro le porte del locale: è la folla di coloro che lo hanno già visto. La voce del regista e il suo occhio di cartone li sorvegliano fino all’ultimo momento: «Non rivelate il finale del nostro film a coloro che attendono. Non ne abbiamo altri di ricambio!». E la replica di Alfred Hitchcock aggiunge imperativamente: «Nessuno, nemmeno il presidente degli Stati Uniti è ammesso in sala dopo l’inizio della proiezione. Neppure la regina d’Inghilterra. Che Dio salvi la regina!». Al pubblico newyorkese, trattato in tal guisa, non resta quindi che arrendersi senza condizioni. Così, gli incassi di Psycho volano alle stelle. Un dato impensabile solo pochi mesi prima.

Alfred Hitchcock – che figurava anche tra i produttori e quindi aveva personali interessi finanziari nell’eventuale successo commerciale di Psycho – ricevette congratulazioni da ogni angolo degli Stati Uniti dai direttori delle sale cinematografiche. All’inizio, gli specialisti della distribuzione della sua casa produttrice erano contrari al progetto di di obbligare gli spettatori ad arrivare al cinema — proprio come in teatro — a un orario prefissato. Tuttavia Alfred Hitchcock insistette per questa ora prestabilita, poiché l’intera vicenda sarebbe risultata incomprensibile arrivando a proiezione iniziata. Il regista e co-produttore finì per spuntarla e, a poco a poco, la sua idea si rivelò un geniale ‘trucco’ pubblicitario. Alfred Hitchcock, dopo una notte interamente passata a lavorare al montaggio della pellicola, insieme con i suoi collaboratori, esclamò: «E’ evidente che tutto quanto cadrà se gli spettatori conosceranno il finale!». I distributori gli fecero allora notare che, essendo già difficile smuovere gli spettatori dai loro schermi televisivi casalinghi per condurli fino a una sala cinematografica, sarebbe stato impossibile obbligarli pure a un orario fisso. Hitch propose così di mettere sulla porta del cinema un agente di polizia, per vietare l’ingresso a spettacolo iniziato. Dopo altre innumerevoli discussioni, la casa di produzione accettò a malincuore la sua proposta e incominciò un’inconsueta «Operazione Psycho». Il regista rifiutò di rivelare ai giornalisti quale film stesse girando; proibì agli attori, così come ai tecnici, di comunicare, a chiunque e comunque, un sunto del soggetto; vietò la proiezione del film per la stampa prima dell’uscita commerciale del film stesso.

Quando tutto fu ultimato e arrivò il momento della campagna pubblicitaria, sui giornali apparvero soltanto i nomi di Psycho e di Alfred Hitchcock. Poi — dato che la voce del regista era notissima (almeno negli Stati Uniti) per la serie di cortometraggi di suspense che aveva presentato per un certo tempo alla televisione — furono creati dei veri e propri dischi pubblicitari. Ad esempio, uno vedeva un presentatore avvicinarsi a una donna che aveva appena visto un film di genere western. Seguiva il silenzio. Alfred Hitchcock allora diceva: “Vedete? Niente”. Entrava quindi in gioca una signora che aveva appena finito di vedere Psycho. Seguiva un prolungato urlo di terrore, tipicamente femminile. La voce del regista allora riprendeva: “Grazie, signora!”. Finalmente il film uscì e ogni giorno il pubblico cominciò a presentarsi davanti ai cinema ben venti minuti prima dell’ora fissata. E ci furono anche persone che andarono a ringraziare il direttore del cinema per averle obbligate a rispettare l’orario. Questa reazione spinse – almeno a New York – la casa di produzione di portare Psycho nelle sale della periferia contemporaneamente ai due cinema principali del centro città, i cui incassi non diminuirono minimamente.

«Ho voluto girare Psycho – disse Alfred Hitchcock – perché si trattava di un’ottima vicenda». La storia è tratta da un romanzo di Robert Bloch, di cui il regista aveva acquistato i diritti. Lo scrittore si era ispirato a uno spaventoso fatto di cronaca nera. Nel novembre del 1957 arrestarono a Plainfield, nel Wisconsin, un tale di nome Ed Gein per aver egli ucciso una barista. La polizia perquisì la sua abitazione e vi trovò i resti di dieci cadaveri, brandelli di pelle umana rinsecchita e altre amenità. Gli psichiatri ricostruirono poi l’orribile enigma della vita psichica del serial killer e conclusero che costui amava troppo la madre, che lo tiranneggiava quando era ancora in vita. Lui voleva quindi resuscitarla nei cadaveri delle donne che uccideva o che depredava dai cimiteri. Sopra questo tema Algred Hitchcock aveva pertanto costruito il suo racconto: il protagonista, che ha bisogno di cadaveri per risuscitare la madre, è Anthony Perkins, e il regista gliene ne fornisce proprio dieci, in un’atmosfera di spaventoso orrore. «Credo — disse Alfred Hitchcock — che io abbia soprattutto dato prova di ardimento osando sopprimere uno dei miei personaggi principali durante trenta minuti di proiezione. Questo non si fa mai».

In conclusione, anche l’ultimo truculento film del regista naturalizzato americano ebbe un vasto e imprevedibile successo, non solo perchè si trattò di un film capace di incutere nel pubblico una paura completamente nuova, ma anche per la finissima campagna di marketing ante litteram che ne accompagnò l’uscita.

Di seguito il peculiare trailer originale di Psycho:

Horror & Thriller

Il trailer di Monster Party scatena la furia omicida di Julian McMahon

di
Redazione Il Cineocchio

Una rapina in villa finisce molto male nell'horror diretto da Chris von Hoffmann, in cui a sporcarsi le mani di sangue ci sarà anche Robin Tunney

Leggi
Horror & Thriller

Trama e poster per Between Worlds, revenge movie soprannaturale con Nicolas Cage

di
Redazione Il Cineocchio

La star ha lavorato al fianco di Franka Potente nel film di produzione spagnola diretto dalla regista Maria Pulera

Leggi
Horror & Thriller

Nel trailer di The Clovehitch Killer, Dylan McDermott è un padre perfetto con un lato oscuro

di
Redazione Il Cineocchio

Il regista Duncan Skiles racconta la faccia nascosta dell'America in un thriller che vede tra i protagonisti anche Charlie Plummer e Samantha Mathis

Leggi
Horror & Thriller

John Carpenter su Halloween: “Rendere fratelli Laurie e Michael Myers fu uno sbaglio dettato dall’alcol”

di
Redazione Il Cineocchio

A 40 anni di distanza, il regista ha ripensato allo spiazzante colpo di scena del primo film, inserito controvoglia nella versione destinata alla TV americana e poi formalizzato nel secondo capitolo

Leggi
Horror & Thriller

Nel trailer di Escape Room, risolvi enigmi e trova indizi o muori

di
Redazione Il Cineocchio

Logan Miller e Deborah Ann Woll tra gli sconosciuti costretti dal regista Adam Robitel a partecipare a un crudele gioco contro il tempo per salvare le proprie vite

Leggi
Horror & Thriller

John Krasinski su A Quiet Place: “Sto scrivendo il sequel e c’è una data di uscita”

di
Redazione Il Cineocchio

L'attore, regista e produttore del fanta-horror campione di incassi ha anche accennato a quelli che potrebbero essere gli argomenti affrontati

Leggi
Horror & Thriller

Recensione Sitges 51 | Piercing di Nicolas Pesce

di
Sabrina Crivelli

Il regista del raggelante The Eyes of My Mother torna dietro alla mdp per dirigere Mia Wasikowska e Christopher Abbott nel perverso e straniante adattamento del romanzo di Ryû Murakami

Leggi
Horror & Thriller

Nel trailer di La Llorona – Le lacrime del male, la ‘donna che piange’ va a caccia di bambini

di
Redazione Il Cineocchio

Il regista Michael Chaves debutta sul grande schermo con un film che intende lanciare una nuova icona horror, prodotto da James Wan e interpretato da Linda Cardellini

Leggi
Horror & Thriller

John Carpenter: “Stanno lavorando su sequel e reboot di Essi Vivono, Christine e Il Signore del Male”

di
Redazione Il Cineocchio

Il regista 70enne ha rivelato che - dopo Halloween - gli studi di Hollywood sono intenzionati a 'saccheggiare' ancora la sua fortunata produzione degli anni '80

Leggi
Horror & Thriller

Esclusivo | Abbiamo visto i primi 20′ di Glass + incontro carriera con M. Night Shyamalan ricco di aneddoti

di
Alessandro Gamma

Al Festival di Sitges il regista ci ha parlato della sua ultima fatica, ma anche ripensato ad Unbreakable, Split e il Sesto Senso, parlando delle sue paure e del fondamentale bisogno di libertà espressiva a ogni costo

Leggi
Horror & Thriller

Mike Flanagan: “In ogni episodio di Hill House ho nascosto fantasmi in bella vista, ma c’è un motivo”

di
Redazione Il Cineocchio

Il regista dell'adattamento per il piccolo schermo del celebre romanzo horror di Shirley Jackson ha rivelato di aver imbottito la serie originale di Netflix di Easter Egg, anche dei suoi precedenti film, spiegandone la ragione

Leggi
Horror & Thriller

Recensione Sitges 51 | Galveston di Mélanie Laurent

di
Sabrina Crivelli

Elle Fanning e Ben Foster sono i protagonisti assai poco adatti di un crime drama dai toni cupi e dal ritmo estenuante, che adatta un romanzo di Nic Pizzolatto

Leggi
Horror & Thriller

Recensione Sitges 51 | Under the Silver Lake di David Robert Mitchell

di
Sabrina Crivelli

Il regista di 'It Follows' torna dietro alla mdp un noir moderno ambizioso ma pasticciato e sovraccarico di elementi, in cui Andrew Garfield non brilla nei panni dell'inadeguato protagonista

Leggi
Horror & Thriller

Recensione Sitges 51 | Zombie contro Zombie di Shinichiro Ueda

di
William Maga

Il regista giapponese si fa beffe dell'industria cinematografica realizzando un film sui non morti irriverente che racconta con ironia problemi e gioie di una produzione low budget, infilandoci anche un clamoroso piano sequenza di quasi 40 minuti

Leggi
Horror & Thriller

Nel trailer di Destroyer, Nicole Kidman è una detective violenta e pronta a tutto

di
Redazione Il Cineocchio

L'attrice australiana completamente trasformata nell'aspetto per il cupo thriller poliziesco diretto da Karyn Kusama

Leggi
Euforia

Euforia

T. originale: Euforia

Data di uscita: 25-10-2018

Voto medio: 0 su 0 voti
Angel Face

Angel Face

T. originale: Gueule d'ange

Data di uscita: 25-10-2018

Voto medio: 7 su 20 voti
7 Sconosciuti a El Royale

7 Sconosciuti a El Royale

T. originale: Bad Times at the El Royale

Data di uscita: 25-10-2018

Voto medio: 6 su 75 voti

RECENSIONE

Halloween

Halloween

T. originale: Halloween

Data di uscita: 25-10-2018

Voto medio: 6 su 50 voti

RECENSIONE

Disobedience

Disobedience

T. originale: Disobedience

Data di uscita: 25-10-2018

Voto medio: 6 su 211 voti
Fahrenheit 11/9

Fahrenheit 11/9

T. originale: Fahrenheit 11/9

Data di uscita: 22-10-2018

Voto medio: 6 su 10 voti
In viaggio con Adele

In viaggio con Adele

T. originale: In viaggio con Adele

Data di uscita: 18-10-2018

Voto medio: 0 su 0 voti
Nessuno come noi

Nessuno come noi

T. originale: Nessuno come noi

Data di uscita: 18-10-2018

Voto medio: 0 su 0 voti
Le ereditiere

Le ereditiere

T. originale: Las herederas

Data di uscita: 18-10-2018

Voto medio: 8 su 2 voti
Searching

Searching

T. originale: Searching

Data di uscita: 18-10-2018

Voto medio: 7 su 281 voti
The Children Act - Il verdetto

The Children Act - Il verdetto

T. originale: The Children Act

Data di uscita: 18-10-2018

Voto medio: 7 su 74 voti
Piccoli Brividi 2 - I fantasmi di Halloween

Piccoli Brividi 2 - I fantasmi di Halloween

T. originale: Goosebumps 2: Haunted Halloween

Data di uscita: 18-10-2018

Voto medio: 6 su 16 voti
Pupazzi senza gloria

Pupazzi senza gloria

T. originale: The Happytime Murders

Data di uscita: 18-10-2018

Voto medio: 5 su 58 voti
Soldado

Soldado

T. originale: Sicario: Day of the Soldado

Data di uscita: 18-10-2018

Voto medio: 6 su 566 voti

RECENSIONE

Il saluto - La storia che nessuno ha mai raccontato

Il saluto - La storia che nessuno ha mai raccontato

T. originale: Salute

Data di uscita: 16-10-2018

Voto medio: 5 su 3 voti
Ville Neuve

Ville Neuve

T. originale: Ville Neuve

Data di uscita: 15-10-2018

Voto medio: 0 su 0 voti
Mirai

Mirai

T. originale: 未来のミライ

Data di uscita: 15-10-2018

Voto medio: 7 su 12 voti

RECENSIONE

L'apparizione

L'apparizione

T. originale: L'Apparition

Data di uscita: 11-10-2018

Voto medio: 6 su 30 voti
Il complicato mondo di Nathalie

Il complicato mondo di Nathalie

T. originale: Jalouse

Data di uscita: 11-10-2018

Voto medio: 6 su 74 voti
Johnny English colpisce ancora

Johnny English colpisce ancora

T. originale: Johnny English Strikes Again

Data di uscita: 11-10-2018

Voto medio: 6 su 166 voti
Zanna Bianca

Zanna Bianca

T. originale: Croc-Blanc

Data di uscita: 11-10-2018

Voto medio: 7 su 23 voti
Quasi Nemici - L'importante è avere ragione

Quasi Nemici - L'importante è avere ragione

T. originale: Le Brio

Data di uscita: 11-10-2018

Voto medio: 7 su 285 voti
A-X-L - Un'amicizia extraordinaria

A-X-L - Un'amicizia extraordinaria

T. originale: A.X.L.

Data di uscita: 11-10-2018

Voto medio: 4 su 32 voti
The Predator

The Predator

T. originale: The Predator

Data di uscita: 11-10-2018

Voto medio: 5 su 587 voti

RECENSIONE

A Star Is Born

A Star Is Born

T. originale: A Star Is Born

Data di uscita: 11-10-2018

Voto medio: 7 su 723 voti
Il banchiere anarchico

Il banchiere anarchico

T. originale: The Anarchist Banker

Data di uscita: 10-10-2018

Voto medio: 0 su 0 voti
Titolo Data Regista

Ghost Stories - (Limited Edition) (Blu-Ray+Booklet)

07/09

Jeremy Dyson, Andy Nyman

L'Isola Dei Cani (Blu-Ray)

13/09

Wes Anderson

The Strangers - Prey At Night (Blu-Ray)

13/09

Johannes Roberts

Ready Player One (Blu-Ray)

13/09

Steven Spielberg

La Truffa Dei Logan (Blu-Ray)

13/09

Steven Soderbergh

Manhunt (Blu-Ray)

20/09

John Woo

The Carpenter'S House (Dvd)

21/09

Brace Beltempo

Creepy Tales Of Pizza And Gore (Dvd)

21/09

Lorenzo Fassina

Mad In Italy (Dvd)

21/09

Paolo Fazzini

Milza Man (Dvd)

21/09

Vincenzo Campisi, Antonio Vezzari, Arturo Volpes