Home » Speciali » 33 cose da sapere su Mark Hamill

33 cose da sapere su Mark Hamill

di

Con l'arrivo in sala di Star Wars: Gli ultimi Jedi è il momento giusto per scoprite tutto ciò che c'è da sapere sull'attore diventato celebre grazie al ruolo di Luke Skywalker (ma che ha fatto anche molto altro!)

E’ da qualche giorno arrivato nei cinema l’attesissimo Star Wars: Gli Ultimi Jedi (la nostra recensione) di Rian Johnson (Looper) e ha suscitato reazioni alterne, alcune molto critiche, altre molto positive. Nell’ottavo capitolo del franchise stellare iniziato nel 1977 da George Lucas fanno il loro ritorno sia alcuni protagonisti di Il Risveglio della Forza, come Rey (Daisy Ridley), Kylo Ren (Adam Driver), il Generale Hux (Domhnall Gleeson), il Leader Supremo Snoke (Andy Serkis) e Finn (John Boyega), sia alcuni interpreti della trilogia originale, come la recentemente scomparsa Carrie Fisher, nei panni dell’iconica Principessa Leia e il mitico Mark Hamill, quale Luke Skywalker.

Proprio di quest’ultimo vogliamo ora approfondire la vita, la carriera e molte altre curiosità. Scoprite di seguito le 33 cose da sapere su Mark Hamill:

1) Se non fosse stato per il saggio consiglio di Robert Englund, Hamill non avrebbe preso parte a Guerre Stellari di George Lucas. L’attore americano che in seguito è stato il volto di Freddy Krueger nella saga horror di Nightmare, inizialmente aveva fatto un’audizione per il ruolo di Han Solo e, visto il tipo di interprete che stavano cercando per la parte di Luke Skywalker, ha immediatamente pensato al suo amico Hamill. Infatti, come da lui stesso raccontato: “A quei tempi, Mark Hamill era sempre sul mio divano. Stava girando una serie TV dall’altra parte della strada … Quindi era sempre nel mio appartamento, e sapevo che era in casa perché i suoi stivali da cowboy erano fuori, davanti alla porta, lasciava sempre gli stivali fuori, quindi eccolo lì, a metà di una confezione da sei (di birra), che guardava il Mary Tyler Moore Show. Entrai e gli dissi: ‘Guarda qui, penso che tu sia perfetto, amico: questo personaggio è una specie di principe dello spazio, ed è George Lucas!’ “. Quindi Hamill ha seguito il suo consiglio, chiamato il suo agente per un provino, e il resto è storia intergalattica …

2) Ha prestato la voce al Joker in molti film d’animazione di Batman. Più nello specifico, ha doppiato il perfido villain nemico dell’Uomo Pipistrello per più di 25 anni, a partire dal 1993, anno di uscita di Batman: La maschera del Fantasma (Batman: Mask of the Phantasm) di Eric Radomski e Bruce Timm oltre alla recente serie della DC dal titolo Justice League Action e il fosco straight to video del 2016 Batman: The Killing Joke.

3) Ha anche affermato che non si sarebbe mai aspettato che Luke Skywalker potesse diventare il criminale più pericoloso di Gotham City. “Non pensavo che ci sarebbe stata alcuna possibilità che avrebbero assunto la persona che aveva incarnato Luke Skywalker per il ruolo del Joker – sono la quintessenza degli estremi per eccellenza del bene e del male!” ha raccontato. “Sicché ho dato per scontato che non mi avrebbero assunto, quindi sono entrato senza alcuna aspettativa. Ero impegnato con Amadeus a Broadway durante quell’anno. E così stavo sperimentando quella risata per Amadeus e l’ho proposta all’audizione per il Joker ed era davvero molto buona. Mi sono sentito arrogante quando me ne sono andato pensando: ‘Questo è il miglior Joker che tutti loro sentiranno – peccato che non possano assumermi’. E poi due settimane dopo, quando hanno chiamato e detto che avevo ottenuto il lavoro, ho subito perso la fiducia in me stesso. E poi un amico mi ha detto: ‘Sei abbastanza coraggioso’. E ho risposto: ‘Perché?’ E disse che non avrebbe voluto venire dopo Jack Nicholson su una [medesima] parte. E quindi ho avuto ancora più paura. Ma la paura è un grande motivatore.”

4) Il suo ricordo più bello da doppiatore del Joker è stato il cantare una versione veramente inquietante di “Only You” a cappella, performance che mai si sarebbe immaginato di interpretare per quel personaggio. D’altra parte “col Joker non ci si annoia mai, perché è pazzo” e “se sei pazzo, sei imprevedibile e non fai mai una cosa allo stesso modo”. Insomma, un ruolo divertente …

5) Non solo, il Joker non è l’unico folle criminale interpretato per la DC. Ha anche incarnato Trickster (aka James Jesse) sia nella serie televisiva Flash della CBS del 1990/91 che nel 2005 nel cartone animato Justice League.

6) Ha prestato la propria voce anche all’audiolibro di World War Z di Max Brooks, incarnando Todd Wainio, il quale racconta gli eventi della “Battaglia di Yonkers”; il suo personaggio non è presente tuttavia nell’adattamento cinematografico di Marc Forster con protagonista Brad Pitt. Nel cast di doppiatori troviamo anche Nathan Fillion, Simon Pegg, Henry Rollins, Alan Alsa e John Turturro. L’audiolibro è stato ben accolto dalla critica, molti hanno elogiato la performance degli interpreti, si è guadagnato l’Audie Award 2007 per la Multi-Voiced Performance ed è stato infine nominato come audiolibro dell’anno.

7) Per evitare i falsi, è diventato un autentificatore di autografi per i suoi fan. Se non siete sicuri che il vostro prezioso cimelio, comprato online, sia davvero stato firmato da lui, chiedetegli conferma direttamente. L’attore ha più volte fatto twittare ai suoi follower una fotografia per verificare che fosse ufficiale e non solo … ha anche svelato il trucco definitivo nel dicembre 2015: se annessa alla firma c’è una battuta stupida, allora è autentico!

8) Ha contribuito alla stesura di un fumetto: The Black Pearl. Inizialmente si trattava in realtà di un copione a cui aveva lavorato con il cugino, Eric Johnson. In un secondo momento è stato però tramutato in una graphic novel in cinque parti dalla Dark Horse Comics e pubblicato nel 1996. La storia è incentrata su Luther Drake, un uomo comune che si trasforma in un vigilante dopo un incidente e per la pressione dei media. Inoltre, nel lontano 2010 l’attore ha anche detto a Variety di voler adattare l’originale cartaceo in un thriller “dark e denso di tensione”. Tuttavia non ci sono particolari nuove dal progetto, che certo è stato ostacolato dal R-rating previsto sin da principio. Tuttavia, con l’arrivo in sala e il successo di Deadpool (le cose da sapere) e Logan (le cose da sapere), forse presto vedremo anche una torbida versione vietata ai minori di The Black Pearl.

9) Ha diretto un mockumentary incentrato sulla storia di un lettori di fumetti, Donald Swan, da lui inventato. Ambientato principalmente al Comic-Con del 2002, il protagonista ha il compito di girare un documentario su Commander Courage e Liberty Ladd, due leggendari eroi degli albi di cui è appassionato. Il film scava nel folle mondo di Hollywood e dei comics, il tutto osservato dalla prospettiva del personaggio principale. Ed è Hamill stesso a interpretarlo! Non solo, nel variegato cast brillano anche Kevin Smith, Hugh Hefner, Stan Lee, Bruce Campbell e alcuni attori di Star Wars, come Peter Mayhew (Chewbacca) e David Prowse (Darth Vader). Compaiono anche J.J. Abrams e Matt Groening.

10) Ha gusti piuttosto rétro in fatto di cinema. Alla richiesta (via Reddit) di chi siano i suoi attori favoriti, ha replicato senza esitare: “Amo Laurel e Hardy e i fratelli Marx.” Aggiungendo: “Stavo votando i 100 migliori film di tutti i tempi per l’AFI, e non riuscivo a decidere tra Biancaneve e Psycho. Ciò dice tutto. Come si può paragonare questi due film? Non è possibile, è tutto soggettivo. E’ folle comunque cercare di trovare il migliore di ogni cosa”. Tornando invece al suo duo favorito, in un recente tweet, Hamill ha confessato la sua ossessione per Stan Laurel e Oliver Hardy (Stanlio e Ollio), scrivendo: “Li amo più di quanto possano esprimere le parole. Entrambi erano sottovalutati come grandi attori!”. Ha ovviamente visto anche tutti i film della coppia di comici, che si sono esibiti insieme dal 1927 al 1950. Interrogato infine su quale fosse il suo favorito, scherzando ha dichiarato: “Di solito quello che ho visto più di recente”.

11) Ha una passione per i videogiochi, ma sempre old style … Tale passione risale agli inizi degli anni ’90, quando i classici giochi di avventura stavano iniziando a trasformarsi nelle nutrite serie hollywoodiane (leggete il nostro speciale sugli adattamenti dai videogame). E’ stato uno dei pochi attori già celebri ad abbracciare il nuovo medium. Ha difatti detto a Games Radar riguardo alla sua decisione di prestare la sua voce al settore videoludico: “Sono sicuro che ci siano una serie di opinioni, da ‘Ti sei abbassato a tanto’ a ‘Non puoi ottenere un lavoro migliore?’ Ma quello snobismo è parte del business”. Dunque potete ritrovare le sue performance vocali in diversi titoli, dalla serie Wing Commander al più recente Batman: Arkham Knight. Avendo lavorato nel settore del doppiaggio per diversi decenni, afferma di essere rimasto stupefatto anche dalle dimensioni delle produzioni che creano giochi come The Last of Us, Uncharted o Star Citizen. Si è infine dichiarato entusiasta delle tecnologie in via di sviluppo, spiegando a PC World: “La tecnologia ora è la nuova generazione di visori facciali e scansioni 3D complete degli attori, e consente molti più dettagli e sfumature. Allora, il fatto che tu avessi personaggi live-action per simulare in parte un’esperienza cinematografica era stata un’impresa. Ora si stanno integrando i personaggi nel nostro mondo, quindi c’è coesione di tutti gli elementi, ed è straordinario.”

12) Non è solo assiduo frequentatore delle Convention e di Twitter, ma è anche attivo nel sociale. Si adopera addirittura con maggiore slancio per portare un sorriso ai suoi giovanissimi fan che si trovano in ospedale.

13) E’ anche un devoto animalista.

14) Luke Skywalker non è solo il nome di uno del suo personaggio più celebre, ma è anche quello di una nuova specie di animale: il gibbone Skywalker, scoperto di recente dai ricercatori nelle foreste subtropicali della Cina Sudoccidentale. Il piccolo primate si muove celermente tra un albero e l’altro e il nome si rifà, oltre a questa abilità, anche alla cultura vernacolare cinese, in cui l’animale era venerato come sacro e mistico. Comunque, secondo ai ricercatori, non è certo un male che sia relato anche a un’icona popolare.

15) Rimanendo sul cognome Skywalker, a quanto pare la stesura originale di Star Wars prevedeva che la famiglia si chiamasse in realtà Starkiller. Il protagonista avrebbe dovuto essere allora generale Annikin Starkiller e non un giovane estrattore del pianeta Tatooine. Tale idea iniziale è ricomparsa a distanza di anni nel recente Star Wars: Il risveglio della Forza e utilizzata per l’arma definitiva del Primo Ordine.

16) Il suo colore favorito per la spada laser è il verde, ovvero quella che lui stesso possedeva. Tuttavia, ha anche dichiarato che la versione viola, come quella che aveva Mace Windu / Samuel L. Jackson nella trilogia prequel della saga è davvero cool.

17) Hamill e Luke Skywalker non sono identici in tutto: il primo è mancino, il secondo destrimano.

18) Gli eroi televisivi della sua infanzia si libravano tutti nei cieli e secondo le sue stesse parole: “Guardavo Superman in TV e adoravo l’idea di volare. Mi chiedevo se volessi volare come Superman o Peter Pan. Peter Pan sembrava divertirsi di più, Superman era così veloce! E ho adorato Zorro, il vecchio Zorro della Disney. Che cosa succede ai ragazzi con identità segrete che escono e combattono il crimine? E James Bond. Adoro quella roba”.

19) Ha molte fonti di ispirazione. “È difficile scegliere una singola persona. Mio fratello maggiore, Alec Guinness, Sam Fuller, non lo so … Dovrei citare anche Harrison, George, Gary Kurtz, la lista potrebbe continuare all’infinito. Mi piace prendere ispirazione anche dal più piccolo aspetto della personalità degli altri. Forse hanno la tenacia o la saggezza che mi mancano. Scegliere qualcuno è impossibile.”

20) Il latte blu dei Banta non è appetitoso come sembra … “Era orribile!” ha dichiarato.“Dato che era un materiale di scena, volevo davvero avere un sorso, ma hanno usato questo latte che non ha bisogno di essere refrigerato. Era dolce. E’ stato uno di quei momenti in cui ho pensato, ragazzi, sono davvero un bravo attore dal momento che non mi sono strozzato. Non riesco a ricordare il nome, è venduto in questi cartoni triangolari, è il latte che dura in eterno o qualcosa del genere. Non so se lo producono ancora. È dolce, sciropposo e schifoso. Se volete provarlo, andate in un negozio per campeggiatori e comprate del cibo colorato di blu ed eccovi serviti.”

21) E’ sposato da 35 anni con una ex-igenista dentale, Marilou York. Se infatti mille sono gli esempi di star hollywoodiane che si uniscono, come Brad Pitt e Angelina Jolie, Ben Affleck e Jennifer Garner, Johnny Dep e Amber Heard, molto spesso tali relazioni non durano. Al contrario, Hamill ha scelto una compagna al di fuori del sistema e a quanto pare è stata una scelta vincente. Hanno tre figli: Nathan (1979), Griffin (1983) e Chelsea Elizabeth (1988).

22) Ha vissuto per un certo periodo in Giappone. Dato che il padre era un capitano della Marina Militare degli Stati Uniti, Hamill fu sballottato in giro per il mondo in gioventù. Tra le varie destinazioni c’era anche, per l’appunto, il paese del Sol levante, dove il genitore era di stanza nella base navale di Yokosuka. Hamill ha frequentato e si è diplomato alla locale Nile C. Kinnick High School, dove peraltro entrò nel club di teatro. Una volta ritornato sul suolo americano, si è prontamente iscritto al Los Angeles City College, specializzandosi in … teatro!

23) Nel dicembre del 1976 fu coinvolto in un gravissimo incidente di macchina. Secondo le sue parole, fallì nel “imboccare una rampa d’uscita e perse il controllo, scivolò e andò fuori strada”. Per ciò che riguarda i dettagli successivi all’incidente, invece, ci sono molte voci, tra cui una che vuole addirittura che si sia schiantato con la sua Corvette, e abbiano dovuto usare parte del suo orecchio per ricostruirgli il naso e lo zigomo. Tuttavia, nella sua versione dei fatti, non v’è nulla di tutto ciò. “Mi sono rotto il naso” ha spiegato, aggiungendo solo: “Apparentemente l’intervento è durato 7 ore”. Un altro rumor vuole che a causa delle ferite riportate dall’attore è stata alterata in parte la trama di Star Wars, e l’attacco del peloso Wampa all’inizio di L’Impero colpisce ancora sia stato previsto proprio per spiegare le cicatrici sul viso di Luke. Anche questa sembrerebbe comunque una teoria fantasiosa, se non altro perché si schiantò dopo l’inizio delle riprese dell’Episodio V e la cronologia degli eventi non supporterebbe tale teoria. Infine alcuni dicono che l’attore non guidasse una Corvette, ma una BMW, fatto poi confermato da lui stesso in un’altra intervista.

24) Sembra che il suddetto non sia stato l’unico incidente dell’attore: si è anche rotto un vaso sanguigno sul set. E’ accaduto durante una delle scene più memorabili di Star Wars: Episodio IV – Una nuova speranza, in cui, durante la fuga con la principessa Leia e Han Solo, i tre eroi precipitano nel compattatore di rifiuti e Luke viene trascinato dalla creatura sbucata dall’immondizia sott’acqua, senza dare alcun segno di vita per un bel po’ di tempo. Per realizzare la sequenza Hamill trattenne il respiro il più a lungo possibile … così tanto da farsi scoppiare un vaso sanguigno del volto. Le voci poi variano a riguardo, alcuni asseriscono si tratti della faccia, altri degli occhi. Insomma, quando si dice ‘dare tutto per la causa!’

25) Ha eseguito personalmente tutti gli stunt in Il ritorno dello Jedi (tranne due) e L’impero colpisce ancora (tranne uno).

26) Ha sei fratelli. Lui è il quarto per anzianità.

27) Ha dichiarato che l’ispirazione per la voce del Joker animato è un mix di quelle di Hannibal Lecter e Jerry Lewis.

28) Vota da sempre i Democratici.

29) E’ fan sfegato della rock band londinese dei Kinks.

30) Ha colpito davvero – per sbaglio – Peter Stormare durante una scena di combattimento in Il Comandante Hamilton (1998).

31) Ha fatto un’audizione per American Graffiti (1973).

32) E’ stato Luke Skywalker anche nel Muppet Show (1976), nei Griffin (1998) e in Robot Chicken (2001).

33) La Castleton Drive di Clairmont, San Diego, è stata ribattezza Mark Hamill Drive in suo onore, visto che quelle zone sono state molto importanti per la sua infanzia.

Di seguito un’intervista video storica dal set di Star Wars:

Speciale

Dossier | Oltre il Tempo: i molti futuri del 1982 fantascientifico (parte 2)

di
Giorgio Paolo Campi

Si conclude il nostro viaggio in quello che è probabilmente l'anno tra i più significativi e sottovalutati della storia recente del cinema sci-fi, quello in cui arrivarono nelle sale Blade Runner e La Cosa, innescando una reazione a catena la cui eredità è ancora oggi pesantissima

Leggi
Speciale

Dossier | Chi sorveglia i vigilantes? La vendetta dell’uomo comune al cinema (parte 2)

di
Redazione Il Cineocchio

Prosegue e si conclude l'analisi sul sottogenere, che può contare su esponenti di spicco del calibro di Taxi Driver e che ha trovato in qualche modo un omologo nel poliziottesco dei commissari 'di ferro' nostrano

Leggi
Speciale

Dossier | Chi sorveglia i vigilantes? La vendetta dell’uomo comune al cinema (parte 1)

di
Sabrina Crivelli

Da Ispettore Callaghan: il caso Scorpio è tuo! a Il giustiziere della notte, ripercorriamo la nascita, le caratteristiche e le motivazioni di uno dei sottogeneri più controversi e chiacchierati

Leggi
Speciale

Dossier | Oltre il Tempo: i molti futuri del 1982 fantascientifico (parte 1)

di
Giorgio Paolo Campi

Ripercorriamo un anno fondamentale nella storia della sci-fi su celluloide, con l'uscita di La Cosa di John Carpenter e Blade Runner di Ridley Scott (e non solo), cercando di capire i motivi del loro flop all'epoca e il fondamentale lascito per il cinema a venire

Leggi
Speciale

60 cose da sapere su Black Panther di Ryan Coogler

di
Redazione Il Cineocchio

Tutto ciò che dovete conoscere sul nuovo film della Marvel che ci porta nel misterioso regno di Wakanda insieme al protagonista Chadwick Boseman

Leggi
Speciale

Riflessione | Esplorando la fascinazione di David Bowie per la fantascienza

di
William Maga

Il rapporto della star scomparsa nel 2016 con la sci-fi non si ferma alla partecipazione al film L'uomo che cadde sulla Terra, ma si spinge molto oltre, come si può capire dai testi delle sue canzoni

Leggi
Speciale

Dossier | Rosso Natale: il cinema horror delle feste, dagli anni ’70 a oggi (parte 5)

di
Jayenne

Il decennio ancora in corso ci presente un sottogenere ancora florido, con titoli dalla qualità più che discreta

Leggi
Speciale

Dossier | Rosso Natale: il cinema horror delle feste, dagli anni ’70 a oggi (parte 4)

di
Jayenne

Nei 2000 il numero di pellicole a tema torna a salire, regalando anche qualche perla da tramandare

Leggi
Speciale

Dossier | Rosso Natale: il cinema horror delle feste, dagli anni ’70 a oggi (parte 3)

di
Jayenne

Un decennio quello dei 90s che tira il freno sulle produzioni a tema, limitandosi soltanto a tre titoli nemmeno passati dai cinema

Leggi
Titolo Data Regista

Guardians Of The Tomb (Blu-Ray)

02/08

Kimble Rendall

I Segreti Di Wind River (Blu-Ray)

02/08

Taylor Sheridan

Virtual Revolution (Blu-Ray)

02/08

Guy-Roger Duvert

A Quiet Place - Un Posto Tranquillo (Blu-Ray)

10/08

John Krasinski

The Scythian - I Lupi Di Ares (Blu-Ray

10/08

Rustam Mosafir

Bunker Of The Dead (Blu-Ray)

10/08

Matthias Olof Eich

Dead Within (Blu-Ray)

10/08

Ben Wagner

Dementia (Blu-Ray)

10/08

Mike Testin

Don'T Grow Up (Blu-Ray)

10/08

Thierry Poiraud

Downrange - (Limited Edition) (Blu-Ray + Booklet)

10/08

Ryûhei Kitamura

Wax - Il Museo Delle Cere (Blu-Ray)

10/08

Víctor Matellano